Musica

Musiche di Beethoven

News sulla Musica - 2 ore 8 min fa

02/07/17

Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese

Concerto nell'ambito dell'iniziativa     Nel week-end l'arte si anima

“Musiche di Beethoven”
In collaborazione con MuSa Classica - a cura di Sapienza Università di Roma.

Il week-end in musica si completerà domenica 2 luglio con i concerti nei piccoli musei a ingresso gratuito. Alle ore 11.30 al Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese verrà eseguito il programma Musiche di Beethoven realizzato in collaborazione con MuSa Classica – Sapienza Università di Roma

Programma:
Sonata N° 21   in do maggiore  op.53 "Waldstein"
allegro con brio - adagio molto - rondò: allegretto grazioso
Con: Alessandro Romagnoli (pianoforte)

Sonata N°23 in fa minore op. 57  "Appassionata" 
allegro assai - andante con moto - allegro, ma non troppo – presto
Con: Alessandro Leonardo Scapicchi (pianoforte)

Categorie: Musica

La trascrizione nel grande repertorio pianistico

News sulla Musica - 2 ore 8 min fa

02/07/17

Museo Napoleonico

Concerto nell'ambito della manifestazione     Nel weekend l'arte si anima

In collaborazione con Roma Tre Orchestra
Programma musicale:
C.Franck / H.Bauer: Preludio, Fuga e Variazione op. 18
C.W.Gluck / G.Sgambati: Melodia dall'opera "Orfeo ed Euridice"
M.Ravel: Gaspard de la Nuit,
S.Rachmaninov: Cinque pezzi di fantasia op.3
Francesco Grano, pianoforte

Categorie: Musica

Jazz, letteratura, ritmo

News sulla Musica - 2 ore 8 min fa

01/07/17

Museo di Roma - Palazzo Braschi

Esibizione nell'ambito dell'iniziativa     Nel week-end l'arte si anima

Sabato 1 luglio al Museo di Roma con il programma musicale Jazz, letteratura, ritmo organizzato in collaborazione con la Casa del Jazz.

Il suggestivo spazio del cortile di ingresso al museo, accessibile gratuitamente a tutti, farà da scenario all’esibizione del Jazztales sextet impegnata nello spettacolo Jazz e  letteratura sincopata. Un grand tour musicale tra gli scrittori del Novecento, un viaggio alla scoperta delle assonanze tra la musica jazz e lo stile di scrittura sincopato di alcuni dei più grandi scrittori del novecento. Al secondo piano, nella Sala Torlonia, sarà invece la session jazzistica del Roberto Tarenzi Trio ad affascinare i visitatori con il suono del pianoforte accompagnato dal contrabbasso di Matteo Bortone e la batteria di Enrico Morello.

Programma:
Cortile (ingresso libero)
ore 21.00, 22.00, 23.00
Jazz e  letteratura sincopata. Un grand tour musicale tra gli scrittori del Novecento
Il viaggio musicale attraverserà l’intero novecento letterario e riproporrà l’idea di un connubio tra le caratteristiche essenziali dell’arte jazzistica e lo stile di scrittura con cui alcuni dei più grandi autori del secolo hanno letteralmente mimato l’andamento musicale jazz. Come già compresero gli scrittori Massimo Bontempelli e Alberto Savinio intorno agli anni ’30, esiste un elemento di rischio, di avventura e di gioco ad accomunare la musica jazz con una tipologia di letteratura “sincopata” come la definirono i futuristi. Prova ne sono le opere di grandi scrittori americani come Fitzgerald, Kerouac, Faulkner, Ellison, Hughes, Jones; di futuristi come Fenoglio e Celati e di tanti altri autori come Boris Vian, Céline, Cortazar e Murakami. Brani musicali standard, autografi e riletture di classici saranno tra loro collegati da brevi raccordi verbali sino a comporre un dialogo costante tra la voce narrante di Filippo La Porta e la composizione musicale del sestetto diretto da Marcello Rosa.
Con: Jazztales sextet
Marcello Rosa (trombone e direzione musicale), Filippo La Porta (percussioni e voce narrante),  Mario Corvini (trombone), Paolo Tombolesi (piano), Davide Sollazzi (batteria), Flavio Bertipaglia (contrabbasso)  

Sala Torlonia - 2° Piano del Museo  
ore 20.15, 21.30, 22.30 
Roberto Tarenzi Trio
Tra i migliori pianisti jazz italiani della sua generazione, Roberto Tarenzi vanta collaborazioni con musicisti americani del calibro di David Murray, Bob Brookmeyer e del sassofonista Dave Liebman. In Italia ha lavorato ed inciso con alcuni dei più importanti musicisti come Enrico Rava, Enrico Intra, Roberto Gatto e Stefano Di Battista. Il trio che si esibirà presso il Museo di Roma in una session sorprendente comprende altri due giovani talenti della scena italiana come Matteo Bortone (contrabbasso), vincitore Top Jazz 2015 come 'miglior nuovo talento' ed Enrico Morello, batterista dell'attuale quartetto di Enrico Rava.
Con:  Roberto Tarenzi (piano), Matteo Bortone (contrabbasso), Enrico Morello (batteria)

Categorie: Musica

Quartetto in sol minore di Johannes Brahms

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 13:48

17/05/18

Teatro dell'Opera (Costanzi)

direttore Lothar Koenigs
soprano Rachel Nicholls

Johannes BrahMs-quartetto in sol minore (trascrizione Per ochestra di Arnold Schönberg)
Arnold Schönberg- Erwartung


orchestra del teatro dell’Opera di Roma

Categorie: Musica

Tirol concerto- Sinfonia n.6

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 13:39

11/01/18

Teatro dell'Opera (Costanzi)

direttore Dennis Russell Davies
pianoforte Maki Namekawa

orchestra del teatro dell’Opera di Roma

Categorie: Musica

Pifarely - Roccato - Rabbia / Fresu - Petrella

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 06:02

21/09/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Dominique Pifarely violino, elettronica
Daniele Roccato contrabbasso
Michele Rabbia percussioni, elettronica
con la partecipazione di
Rocco Castellani contrabbasso
Mauro Tedesco contrabbasso



Paolo Fresu / Gianluca Petrella Duo
Paolo Fresu tromba
Gianluca Petrella trombone
Categorie: Musica

Quiller - Horckmans / Damiani - Fresu - Petrella - Ceccaldi - Rea

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 06:02

22/09/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Watchdog
Anne Quiller piano, fender rhodes, moog
Pierre Horckmans clarinetto, clarinetto basso
Jazz Migration
Prima nazionale



Paolo Damiani "Vingt ans après"
invita
Paolo Fresu tromba
Gianluca Petrella trombone
Theo Ceccaldi violino
Danilo Rea pianoforte
Paolo Damiani contrabbasso
Produzione originale
Categorie: Musica

Chilly Gonzales

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 06:02

11/11/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Chilly Gonzales piano solo

Sarebbe soltanto un entertainer di genio, se non suonasse il piano così maledettamente bene. Questo scriveva il Guardian di Jason Beck, alias Chilly Gonzales, musicista canadese e virtuosistico residente di molte capitali della musica. Pianista, compositore, songwriter, ma anche produttore, rapper e brillante saggista, ha dedicato un libro e un disco entusiasmanti ai colleghi ritirati, a chi per qualche ragione ha appeso la musica al chiodo. Se hai un problema con il piano, better call Gonzo. E tra concerti pirotecnici, dischi spiazzanti, libri, film ed esilaranti piano lesson, Chilly Gonzales ha trovato il tempo per stabilire il Guinness di performance solista più lunga di sempre e di vincere pure un Grammy Award con i Daft Punk. Sul palco si presenta in vestaglia di seta con monogramma e pantofole su misura. Lui abita il pianoforte, il pubblico è invitato a casa sua. Prego, accomodatevi nel salotto spumeggiante del Grande Gonzo. In programma nel concerto in programma al Parco della Musica i brani del suo nuovo album “Chambers”, un mondo sorprendente si spalancherà davanti a voi.
Categorie: Musica

Purple Whale / ONJ Orchestre National de Jazz

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 06:02

19/09/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Purple Whale “Inspired by Jimi Hendrix”
Simone Graziano fender rhodes, piano, synth
Alessandro Lanzoni fender rhodes, piano, synth
Naomi Berrill violoncello, voce
Michele Lucio Tino sax alto
Stefano Tamborrino batteria, steel guitar
ospite
Dimitri Grechi Espinoza sax



ONJ - Orchestre National de Jazz direction Olivier Benoit “Paris-Roma”
Olivier Benoit chitarra
Jean Dousteyssier clarinetti
Alexandra Grimal sax tenore
Hugues Mayot sax alto
Fidel Fourneyron trombone
Fabrice Martinez tromba
Theo Ceccaldi violino
Sophie Agnel piano
Sylvain Daniel basso elettrico
Paul Brousseau fender rhodes
Eric Echampard batteria
Categorie: Musica

Ceccaldi - Coglitore - Alegiani - Negro - Evangelista - Sferra / De Vito - Delbecq - Rabbia

News sulla Musica - Mer, 28/06/2017 - 06:02

20/09/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
“Residenza d’Artista 2016”
Theo Ceccaldi violino
Carmelo Coglitore sassofoni
Costanza Alegiani voce
Roberto Negro pianoforte
Gabriele Evangelista contrabbasso
Fabrizio Sferra batteria
Produzione originale



De Vito / Delbecq / Rabbia “Table”
Maria Pia De Vito voce effetti
Benoit Delbecq piano
Michele Rabbia percussioni
Categorie: Musica

Teatro canzone-Emiliano Ottaviani in concerto

News sulla Musica - Mar, 27/06/2017 - 10:58

30/09/17

Teatro degli Audaci

Con Emiliano Ottaviani (voce, chitarra e kazoo), Simone Salerni (fagotto), Paolo Monaldi (percussioni)

Con la partecipazione di Maria Cristina Gionta

Un’esuberante fusione di parole, canzoni, ironia, irriverenza ed un pizzico di dissacrante romanità. Un concerto/spettacolo dove canzone d’autore e teatralità si uniscono nel segno dell’umorismo e della leggerezza aprendo spunti di riflessione sul presente.

Categorie: Musica

MEMORIA DE LOS SETIDOS

News sulla Musica - Mar, 27/06/2017 - 10:16

23/10/17

Teatro Brancaccio

Vicente Amigo con il suo nuovo album Memoria de los Sentidos è tornato alle radici tradizionali del suo flamenco raccogliendo i migliori artisti come Potito, El Pele, Miguel Poveda, Pedro el Granaino, Niña Pastori e  Farruquito, con la sua incredibile danza e “Zapateao” sul Vicente's Buleria.

Vicente suona brani inediti come Seguriya e Tientos, due tradizionale “Palos” dalla musica di flamenco, temi come il Requiem, un grande tributo a Paco de Lucia.

Categorie: Musica

Ánema&Erri De Luca

News sulla Musica - Mar, 27/06/2017 - 06:02

15/10/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Erri De Luca voce narrante
Marcello Corvino violino
Biagio Labanca chitarra
Massimo De Stephanis contrabbasso
Fabio Tricomi oud, tamorre e mandolino


“Chi nato a Napoli si stacca e perde la cittadinanza è Napolide”
Erri De Luca

Racconta Erri De Luca: “Quando i Greci fondarono Napoli avevano esaurito tutto la loro fantasia geografica. Decisero, allora, di chiamarla provvisoriamente Neapolis “città nuova”. Ma il mondo era pieno di città nuove che si chiamavano così. Allora i napoletani decisero di specializzarsi per rendere inconfondibile il loro luogo. E hanno fatto di Napoli una città leggendaria”. Concerto Napolide è un viaggio attraverso le bellezze e le contraddizioni di un posto unico al mondo. È un racconto in musica che trae spunto dal libro intitolato, appunto, Napolide, scritto da Erri De Luca che di questo concerto raccontato ne è anche l’interprete. Le musiche sono affidate agli Ánema che partendo dai grandi capolavori della musica napoletana ce le riconsegneranno in una veste inedita. Non resta che lasciarsi accompagnare.
Categorie: Musica

JANGHI- FESTA IN MUSICA

News sulla Musica - Lun, 26/06/2017 - 12:02

30/06/17

Teatro Tor Bella Monaca

 

 con Madya Diebate  Kora e voce
 Giuseppe Bassi Contrabasso
 Riccardo Manzi Chitarra e live electronics
 Ousmane Coulibaly   balafon
 Ady Thioune Percussione
 Elisa Scapeccia  Danza
 Jacelyn Parry  Sape

Con il patrocinio del Ambasciata del Senegal a Roma

Tutti i proventi saranno devoluti a Janghi Onlus

Categorie: Musica

Tour… Namm

News sulla Musica - Ven, 23/06/2017 - 14:25

02/08/17

Parco della Casa del Jazz

NANDO CITARELLA & TAMBURI DEL VESUVIO

CYMBALUS ENSEMBLE voci e tamburi

con la partecipazione di RAFFAELLA MISITI & LE ROMANE

Queste parole rappresentano il nostro vissuto e il vivere ancora oggi in questa Terra Prima, là dove la processione si allontana e fa spazio al tempo e al mondo interiore, diamo spazio alle nostre preghiere, alle invocazioni, ai canti, alla musica, alla semplicità al battito del Tamburo”‘a Tammorra” da S. Rocco alla Mamma ‘e ll’Arco.  Questo progetto nasce dall’incontro di musicisti della tradizione che nella tradizione ancora oggi praticano e ne vivono il continuo mutamento. Chest’è ‘a vita ‘a storia ‘a museca che noi vi proponiamo

Prima assoluta

Categorie: Musica

Credo - Orchestra di Piazza Vittorio

News sulla Musica - Ven, 23/06/2017 - 14:21

29/07/17

Parco della Casa del Jazz

Testi originali di José Tolentino Mendonça
Testi di Ibn Arabi, Giordano Bruno, Giorgio Caproni, Zvi Kolitz, Fernando Pessoa
Musiche di Gioachino Rossini, Benjamin Britten, Guillaume de Machaut canti sufi

ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO

HOUCINE ATAA voce
VIVIANA CANGIANO voce 
DANILO LOPES DA SILVA voce

KYUNG MI LEE violoncello;
KAW DIALY MADI SISSOKO voce e kor;
PINO PECORELLI bassi ed electronics;
LEANDRO PICCIONI organo e tastiere;
RAFFAELE SCHIAVO voce;
ZIAD TRABELSI voce, oud, dulcimer e w’tar;
MARIO TRONCO direzione artistica e musicale

Mario Tronco, Leandro Piccioni, Pino Pecorelli produzione artistica e arrangiamenti

Trovare un significato musicale all’espressione “dialogo interculturale” è quello che si propone Credo, oratorio interreligioso su testi scritti e scelti da José Tolentino Mendonça, con musiche originali dell’Orchestra di Piazza Vittorio, musiche di Gioachino Rossini, di Benjamin Britten, di Guillame de Machaut, ma anche canti sufi e canti religiosi elaborate.

Si tratta di un lavoro per nove interpreti di estrazioni completamente diverse che prevede, tra l’altro, l’utilizzo di strumenti particolari come la kora, un’arpa-liuto diffusa in buona parte dell’Africa occidentale, o l’oud strumento arabo della famiglia dei liuti, accanto a “voci” più familiari come il violoncello, il basso elettrico, o l’organo, punto fermo della produzione sacra occidentale, senza negarsi il gusto di qualche intervento elettronico. Ne scaturisce una preghiera confidenziale, certamente non rituale. Il lavoro, infatti, non fornisce un riferimento specifico a forme codificate come messe od oratori, ma nasce dalla successione di brani basati su dei testi, in buona parte originali di José Tolentino Mendonça, che vengono restituiti dalla musica con estrema libertà stilistica.

Per una scelta strutturale si è optato per una forma che non privilegia uno stile rispetto a un altro. Certamente si possono trovare nel Credo riferimenti al background culturale dell’Occidente, ma questi vengono fusi con suggestioni diverse, che provengono da lontano ma vengono guardate da vicino, evitando quel sapore esotico che restituisce sempre una distanza incolmabile.

Prima esecuzione integrale

Lino Fiorito scenografia
Daniele Davino disegno luci
Angelo Elle suono
Federica Soranzio assistente di produzione
Katia Marcanio style supervisor

Si ringrazia per la gentile collaborazione Latitudini.

Categorie: Musica

When in Rome - Sarah McKenzie

News sulla Musica - Ven, 23/06/2017 - 14:15

27/07/17

Parco della Casa del Jazz

SARAH MCKENZIE, pianoforte e voce

HUGO LIPPI, chitarra

PIERRE BOUSSAGUET, contrabbasso

MARCO VALERI, batteria

Dopo aver incantato i fan del jazz con il suo album di debutto del 2015 per la Impulse! Records, We Could Be Lovers, Sarah McKenzie torna con il sensazionale seguito, Paris in the Rain. Come per il precedente album, la cantante, pianista e compositrice di 28 anni, nata a Melbourne, Australia, fa squadra con il grande Brian Bacchus.
Sarah McKenzie si è trasferita a Parigi lo scorso anno, dopo essersi diplomata al Berklee College of Music di Boston. Il raffinato brano che da’ il titolo all’album è la sua lettera d’amore alla Ville Lumière. Il suo testo elaborato la vede alternare con disinvoltura francese e inglese, mentre gode delle sontuose bellezze della città. “Sono davvero innamorata di Parigi. É una città sorprendente. È così bella, con così tante cose da fare in campo culturale, gastronomico e di moda. Volevo scrivere una canzone che catturasse tutta la bellezza, magia e lo spirito di Parigi.”

In generale, il tema centrale dell’album è il viaggio di Sarah McKenzie dall’Australia all’America e poi i suoi viaggi attraverso l’Europa come artista. E lei rappresenta questo tema così ampio con scelte forti come la canzone di Cy Coleman e Carolyn Leigh “When in Rome,” (per la sua visita in Italia), “Triste” di Antonio Carlos Jobim (per il tempo passato in Portogallo),” “Tea for Two” di Vincent Youmans e Irving Caesar (omaggio a Londra).” La tematica del diario di viaggio risuona al Massimo nel brano di chiusura “Road Chops,” un inedito vivace che evoca quel senso di vertigine che si prova ad esplorare il mondo, nella cui parte strumentale risalta la padronanza della McKenzie al pianoforte.

L’album vanta una line up superlativa che include il vibrafonista Warren Wolf (che ha suonato anche in We Could Be Lovers), il chitarrista Mark Whitfield, il bassista Reuben Rogers, il batterista Gregory Hutchinson, il trombettista Dominick Farinacci, il flautista Jamie Baum, i sassofonisti Scott Robinson e Ralph Moore e il chitarrista Romero Lubambo.

In aggiunta al brano che da il titolo all’album e a Road Chops,” Sarah presenta altri 3 inediti eccezionali. Il blues di “One Jealous Moon” dimostra il suo modo di giocare meticolosamente con le parole e il sublime utilizzo dei numeri 1,2,3,4 attraverso tutto il testo della canzone. Nel brano troviamo anche uno straordinario assolo del sassofonista Moore.

Prima a Roma

Categorie: Musica

Todo es amor

News sulla Musica - Ven, 23/06/2017 - 14:08

20/07/17

Parco della Casa del Jazz

TANGO SPLEEN ORQUESTA

Mariano Speranza, pianoforte voce e direzione

Francesco Bruno, bandoneon

Andrea Marras, violino

Elena Luppi, viola

Yalica Jo, violoncello e voce

Daniele Bonacini, contrabbasso

Estefania Ornella Parrino Y Mariano Navone tangueri

Musiche Mores, Dzeo-Cabral, Rodriguez, Piazzolla, Charlo, Hermanos Abalos, Castillo, Villoldo, M. Speranza

Ensemble affermato a livello internazionale e apprezzato come uno dei punti di riferimento del genere del tango, Tango Spleen si distingue come orchestra principale dei più importanti festival dedicati alla danza argentina e si avvale della collaborazione di artisti di rilievo (la star mondiale della lirica Marcelo Alvarez, la storica voce del rock prog italiano Bernardo Lanzetti, la cantautrice uruguayana disco di platino Malena Muyala, …). Un percorso artistico che culmina con la recente pubblicazione del album “Canto para seguir”.

In “Todo es amor”, Tango Spleen spalanca una porta sulla maniera di essere e sentire il tango al giorno d’oggi.

Lo spettacolo a I Concerti nel Parco si avvale della presenza dei tangueri italo argentini Estefania Ornella Parrino Y Mariano Navone.

Prima a Roma

Categorie: Musica

Long way from home - Peter Cincotti

News sulla Musica - Ven, 23/06/2017 - 14:04

16/07/17

Parco della Casa del Jazz

PETER CINCOTTI pianoforte

LEX SADLER basso e sintetizzatori

JOSEPH NERO batteria

Musiche di Peter Cincotti

88 tasti, una panca e un microfono. Date questo a Peter Cincotti e vi può portare ovunque.

Come un pilota in una cabina, quando Cincotti si siede al pianoforte è come se il mondo fosse tra le dita delle sua mani. E questa volta, il suo nuovo attesissimo album “Long Way From Home”, è stato creato proprio viaggiando.

Peter ha imparato a suonare lo strumento alla stessa età in cui ha imparato a camminare e parlare. E’ una parte integrante di lui come elemento essenziale della vita.
Nato e cresciuto a New York ma di origini italiane, Cincotti ha trascorso gran parte della sua infanzia ad andare a scuola durante il giorno e suonare nei locali di notte. Il leggendario produttore musicale Phil Ramone c’era una di quelle notti, una casualità che ha portato Ramone a produrre l’album di debutto di Peter che ha raggiunto il primo posto nelle classifiche jazz di Billboard, rendendo a 18 anni Cincotti l’artista più giovane a fare questo.

Da allora, Peter si è esibito in alcuni dei luoghi più prestigiosi del mondo, da Carnegie Hall a L’Olympia di Parigi, collabora con artisti che vanno da Andrea Bocelli a David Guetta, ha collaborato per film di successo come Spiderman 2, ha rappresentato la moda a livello mondiale per marchi come Ermenegildo Zegna e Tod, e proprio di recente è apparso come se stesso nella serie di successo House Of Cards, cantare un duetto con il presidente interpretato da Kevin Spacey.
Scritto, arrangiato e prodotto da Cincotti, questa raccolta di canzoni è il prodotto di “muovere il pianoforte in una casa di Jersey Shore, costruendo uno studio di registrazione, e trascorrere la maggior parte degli ultimi due anni da solo al quadro di comando,” come spiega lui.

“Ad un certo punto, ogni volta che mi addormentavo, una nuova canzone si introduceva in qualunque sogno che stavo avendo. Così mi svegliavo e scrivevo. Diverse canzoni di questo album sono state scritte in questo modo. Sono giunto al punto in cui mi sembrava di non comporre, ma di scrivere quello che già era lì”.

Prima nazionale

Categorie: Musica

Madre Taranta

News sulla Musica - Ven, 23/06/2017 - 13:56

14/07/17

Parco della Casa del Jazz

“MadreTaranta”, concerto-spettacolo di tarante e tarantelle. Canti Suoni e Balli dalla Tradizione Italiana, ideato da Giovanni Tribuzio, polistrumentista dedito alla riproposizione di sonorità appartenenti alla tradizione musicale popolare italiana. Lo spettacolo vede coinvolti circa cinquanta artisti tra danzatori e musicisti.

L’apertura dello spettacolo sarà dedicato al tema “Taranta”, con le coreografie di danza della Compagnia SciaraBballo, attraversando le sue diverse anime: a tratti malinconica, rituale, tribale, lasciva e liberatoria.

Coreografie di Danza ideate e coordinate da Antonella Potenziani.

I Suoni e i Canti di Transumanze Popolari ci condurranno virtualmente in territori del CentroSud Italia con le loro Tarantelle nella forma più spontanea, sanguigna e giocosa.

Protagonisti del concerto gli strumenti della tradizione popolare quali: Tamburelli, Fisarmonica, Zampogna, Ciaramella, Organetto, Violino, Lira calabrese, Armonica a bocca. Durante la serata riscopriremo un repertorio fatto di Pizzica Pizzica, Tarantelle, Stornelli, Saltarelli, Serenate, Canti e Tammurriate.

TRANSUMANZE POPOLARI
Giovanni Tribuzio: Voce, Fisarmonica, Zampogna, Lira Calabra.
Fabio Gabbianelli: Contrabbasso.
Federica Torrice: Voce, Tamburi a Cornice.
Maria Serena De Masi: Voce.
Pino Potenziani: Tamuri a Cornice.
Riccardo Lana: Violino, Chitarra Classica e Battente. R
iccardo Medile: Chitarra Acustica e Battentino.
Silvia Pierattini: Tamburi a Cornice.
Stefano Todarello: Zampogne, Chitarra Acustica.

COMPAGNIA SCIARABBALLO
Corpo di Danza nelle Coreografie e Concerto: Antonella Potenziani, Anita Leonetti, Anita Monaco, Azzurra Usai, Cecilia Delle Fratte, Cristina Piccari, Daniela Ape, Federica Ianniello, Ferdinando, Elvezio, Francesca Milazzo, Giovanni Aiello, Ilenia Italiano, Lucia Mattioli, Mariangela Carlucci, Marianna De Santis, Maria Carla Trapani, Rosanna Elia, Sara Annunziata, Serena Sicari, Simona Biancofiore, Viviana Macdonald.

Corpo di Ballo Concerto: Alfonso Grauso, Annarita Donadio, Bianca Orlando, Benedetta Talarico, Cristiana Chirivì, Enrico Sacchetti, Fabrizio Sanità, Flaminia Giorgi, Francesca Di Manno, Francesco Ragusa, Laura Bellezza, Margherita Di Donna, Maria Nocchi, Marco Conti, Matteo Izzo, Michele Stella, Roberto D’Auria, Salvatore Scorsonelli, Sara Cavagnero, Veronica Piacentini, Walter Laureti.

TAMBURELLISTI: Antonella Potenziani, Anna Rita Picazio, Azzurra Usai, Cristina Piccari, Davide Silvi, Daniela Ape, Francesco Ragusa, Giovanni Aiello, Giuseppe De Meo, Lucia Mattioli, Maria Carla Trapani, Stefania Contardi.

Categorie: Musica

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?