News sulla Musica

Aggiornato: 2 ore 32 min fa

Soy Luna

Ven, 26/05/2017 - 14:43

da 27/01/18 a 28/01/18

Palalottomatica

Categorie: Musica

Gianna Nannini - Live Dicembre 2017

Ven, 26/05/2017 - 14:33

02/12/17

Palalottomatica

E’ fissata per il 27 ottobre 2017 l’uscita del nuovo attesissimo disco di inediti di Gianna Nannini.

A più di quattro anni dal suo ultimo lavoro e dopo il successo delle raccolte Hitalia e Hitstory, Gianna tornerà in autunno con un album incredibile su etichetta Sony Music, anticipato dal primo singolo in tutte le radio da settembre.

Categorie: Musica

Marra/Guè - Santeria Live

Ven, 26/05/2017 - 14:27

13/07/17

Ippodromo Capannelle

Marracash e Gué Pequeno porteranno l'album Disco di Platino "Santeria" sui palchi di importanti festival italiani

Categorie: Musica

Caparezza

Ven, 26/05/2017 - 12:54

29/11/17

Palalottomatica

Categorie: Musica

Le sigle storiche della Rai

Ven, 26/05/2017 - 12:21

18/06/17

Palazzo del Quirinale

Solisti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

Il concerto di chiusura della stagione 2016-17 dei Concerti di Radio3 al Quirinale è una festa dell’Orchestra Rai, che propone per la prima volta in versione cameristica il concerto dedicato alle sigle storiche della Rai-Tv il cui debutto in forma sinfonica, nel 2014, ha celebrato i 60 anni della televisione italiana. 
______________________
I Concerti sono un appuntamento per i visitatori del Palazzo del Quirinale e per il pubblico di Radio3, al quale forniscono un'ora di ottima musica e un'occasione di conoscenza della ricerca musicale del nostro paese. Attraverso i collegamenti Euroradio le esecuzioni sono distribuite e ascoltate, in alcune occasioni in diretta, in molti paesi d'Europa.
La programmazione spazia dal repertorio classico a quello medievale, dal barocco al patrimonio etnico e popolare, dalla musica d'improvvisazione a raffinate forme di espressione contemporanea, dal recupero di strumenti antichi alla trascrizione di interpretazioni di repertori anche inaspettati.

Categorie: Musica

Solo Gershwin

Ven, 26/05/2017 - 11:59

11/06/17

Palazzo del Quirinale

"Solo Gershwin"

George Gershwin (1898 - 1937)
Isn't it a pity (1933)
A foggy day (1937)
Rhapsody in blue (1924)
Bess, you is my woman now (1935)
Nice work if you can get it
The man I love (1924)
Soon (1930)
Summertime (1935)
I loves you, Porgy (1935)
Love is here to stay (1938)
Oh, lady be good! (1924)

Gabriele Naretto, pianoforte

Gabriele Naretto è un pianista speciale: nato a Torino nel 1991 ha imparato fin da piccolissimo a esprimersi con la musica ed è un concertista eclettico, che spazia dal repertorio classico al jazz e a quello leggero, e dal récital solistico ai concerti con orchestra, nonché all’improvvisazione in big band. A tutti quelli che, come lui, sono affetti da autismo, Gabriele offre l’esempio di un’abilità diversa, l’opportunità di comunicare attraverso l’arte.

______________________
I Concerti sono un appuntamento per i visitatori del Palazzo del Quirinale e per il pubblico di Radio3, al quale forniscono un'ora di ottima musica e un'occasione di conoscenza della ricerca musicale del nostro paese. Attraverso i collegamenti Euroradio le esecuzioni sono distribuite e ascoltate, in alcune occasioni in diretta, in molti paesi d'Europa.
La programmazione spazia dal repertorio classico a quello medievale, dal barocco al patrimonio etnico e popolare, dalla musica d'improvvisazione a raffinate forme di espressione contemporanea, dal recupero di strumenti antichi alla trascrizione di interpretazioni di repertori anche inaspettati.

Categorie: Musica

Magellano

Ven, 26/05/2017 - 11:42

04/06/17

Palazzo del Quirinale

Gianni Savelli (1961): Flying over Gocius de Santu Micheli   

Gianni Savelli: Thelxis

Heitor Villa-Lobos (1887 – 1959): Aria da Bachianas Brasileiras n. 5 (1938)

Gianni Savelli: Kirshrot

Gianni Savelli: Pacifico

Gianni Savelli Media Res:
Gianni Savelli, sax tenore
Aldo Bassi, flicorno
Enrico Zanisi, pianoforte
Luca Pirozzi, contrabbasso
Alessandro Marzi, batteria

Magellano non è solo il nome uno dei più grandi navigatori e sognatori che tra il XV e il XVI sec. ridefinirono l’immagine del nostro pianeta, è anche un simbolo del desiderio di viaggiare per conoscere e mescolarsi con altri luoghi, altre culture, altri linguaggi. Il concerto di Gianni Savelli e del suo progetto Media Res ruota appunto intorno all’idea del viaggio attraverso e con la musica, un tema costante nell’attività di Savelli e del suo gruppo.
_______________________

I Concerti sono un appuntamento per i visitatori del Palazzo del Quirinale e per il pubblico di Radio3, al quale forniscono un'ora di ottima musica e un'occasione di conoscenza della ricerca musicale del nostro paese. Attraverso i collegamenti Euroradio le esecuzioni sono distribuite e ascoltate, in alcune occasioni in diretta, in molti paesi d'Europa.
La programmazione spazia dal repertorio classico a quello medievale, dal barocco al patrimonio etnico e popolare, dalla musica d'improvvisazione a raffinate forme di espressione contemporanea, dal recupero di strumenti antichi alla trascrizione di interpretazioni di repertori anche inaspettati.

Categorie: Musica

Coro dell'Aventino e ROMAinCANTO

Ven, 26/05/2017 - 11:29

16/06/17

SS. Bonifacio e Alessio

Venerdì 16 giugno 2017, alle ore 19:30, il Coro dell'Aventino, accompagnato dall' Ensemble strumentale ROMAinCANTO e diretto dal M° Fabio Avolio eseguirà un concerto di polifonia. In programma: la Missa Brevis per coro a cappella di Giovanni Pierluigi da Palestrina e alcune composizioni sacre per coro e strumenti di Claudio Monteverdi, in occasione dei 450 anni dalla sua nascita.

Programma:
Giovanni Pierluigi da Palestrina
(1525–1594): Sicut cervus - 4 voci, a cappella
 da “Missa brevis”: Kyrie, Gloria, Sanctus, Benedictus, Agnus Dei II - 4 voci, a cappella
 
Claudio Monteverdi (1567–1643): Adoramus Te, Christe - 6 voci, a cappella
-Sonata sopra Sancta Maria - strumenti e voce sola
da “Vespro della Beata Vergine”:
- Domine ad adiuvandum - 6 voci, con strumenti
- Ave maris stella - 8 voci, con strumenti
- Sicut erat - 6 voci, con strumenti
- Cantate Domino - 6 voci, con strumenti

CORO DELL'AVENTINO
Ensemble strumentale RomaInCanto
Direttore: Fabio Avolio
 
Con il Patrocinio di:
Pontificio Istituto di Musica Sacra - Roma
Pontificio Istituto Liturgico di Sant’Anselmo - Roma

Categorie: Musica

Open Day “Canta con me!”

Ven, 26/05/2017 - 10:23

01/06/17

Teatro dell'Opera (Costanzi)

Lunedì 29 maggio alle 11.30 si conclude l’edizione 2017 del progetto “Canta con me!” con un Open Day nella sala del Costanzi.

Il canto corale come momento d’incontro tra centro e periferia. Così circa 250 bambini di quattro scuole primarie dell’area urbana di Roma hanno avuto la possibilità di arricchire la loro formazione grazie al Teatro dell’Opera e a BASF. Un giorno di festa concluderà così, lunedì 29 alle 11.30 con un concerto al Teatro Costanzi, la II edizione di “Canta con me!”, il progetto finalizzato alla costituzione di una rete diffusa di cori di voci bianche.

Si tratterà di un Open Day aperto alle famiglie e alla città nel corso del quale i cori scolastici si esibiranno, nel saggio di fine percorso, sul prestigioso palcoscenico del Teatro Costanzi, accompagnati dagli allievi della Scuola di Canto Corale del Teatro in una manifestazione conclusiva all'insegna della coralità e dell’integrazione.
Protagonisti saranno circa 250 bambini degli Istituti Comprensivi di "Via Casalbianco" (Settecamini), "Via Olcese" (Centocelle), "Pablo Neruda" (Selva Candida), "Via Cutigliano" (Magliana). Ad affiancarli, gli allievi della Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera di Roma, un’eccellenza del canto a livello nazionale. Ciascuno dei quattro istituti scolastici ha infatti costituito un proprio coro di circa sessanta elementi che, con la direzione di quattro direttori, ha intrapreso un percorso formativo disegnato e curato dal Dipartimento Didattica e Formazione del Teatro dell’Opera, avvalendosi del contributo di José María Sciutto, Direttore della Scuola di Canto Corale del Teatro.
Il progetto ha anche avuto l’obiettivo di “far uscire” la musica dal Teatro e creare occasioni di aggregazione sociale. Per questo la Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera è stata protagonista di quattro concerti nei quartieri in cui insistono le scuole, mentre a fine anno scolastico è stato previsto un saggio di ogni coro all'interno della propria struttura.
 
A conclusione del percorso formativo, in occasione dell’Open Day, saranno assegnate quattro borse di studio, una per ciascun coro scolastico, messe a disposizione da BASF per i bambini più meritevoli che intenderanno proseguire i propri studi musicali all'interno della Scuola di Canto Corale.

Categorie: Musica

Festa della Musica con L'Atlante musicale di GiocaJazz

Ven, 26/05/2017 - 06:02

21/06/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Cavea
Orchestra GiocaJazz
diretta da
Massimo Nunzi
Un grande concerto per tutti ma soprattutto per i bambini che potranno cantare con l'orchestra di Massimo Nunzi formata da ben 14 musicisti, tutte le canzoni che hanno imparato durante i concerti della serie GiocaJazz , che si sono tenuti al Parco della Musica durante l'inverno.
Un grande spettacolo che ripercorrerà il jazz e tutti gli stili coinvolgendo direttamente i bambini nel canto e nel ballo. Una piccola storia del jazz e degli strumenti musicali che permetterà ai bambini di interagire con una vera orchestra e cantare in differenti stili.
Categorie: Musica

Johannes Brahms e le scuole nazionali

Gio, 25/05/2017 - 14:01

28/05/17

Museo Pietro Canonica a Villa Borghese

Racconto in forma di teatro e musica nell'ambito della manifestazione     Nel weekend l'arte si anima

La musica di Brahms sarà invece protagonista del concerto a cura di Roma Tre Orchestra Johannes Brahms e le scuole nazionali che si terrà alle ore 12.30 presso il Museo Pietro Canonica.
Maestro di composizione e modello per molti autori europei della seconda metà del XIX secolo, Brahms influenzò con il suo stile classico l’operato di Antonin Dvorak, principale maestro della scuola ceca. Per l’occasione sarà riproposto durante l’esibizione il Trio per violino, violoncello e pianoforte in si maggiore n. 1 op. 8 dello stesso Brahms e il Trio per violino, violoncello e pianoforte in mi minore n. 4 op. 90 che Dvorak compose durante gli anni della maturità.
A esibirsi in scena il Trio Musikanten composto da Raffaello Galibardi (violino), Roberto Vecchio (violoncello) e Guido Carpentiere (pianoforte).

Categorie: Musica

A spasso nel tempo: da Pachelbel a Piazzolla

Gio, 25/05/2017 - 14:01

28/05/17

Museo Napoleonico

Concerto nell'ambito della manifestazione     Nel weekend l'arte si anima

La musica sarà ancora protagonista del fine settimana con i concerti nei piccoli musei a ingresso gratuito durante l’orario di apertura al pubblico.
Domenica 28 maggio andrà in scena a cura di MuSa Classica (Sapienza Università di Roma) il concerto A spasso nel tempo: da Pachelbel a Piazzolla.
Daniele Gorla, Giulia Liberatoscioli (violini), Antonio Casablanca (viola) e Lelia Lepore (violoncello) eseguiranno per la platea del Museo Napoleonico il seguente programma: J. Pachelbel: Canone, L. Boccherini: Minuetto, F.J. Haydn: Quartetto op. 33 numero 2, P. Mascagni: Intermezzo da “Cavalleria Rusticana”, J. Strauss: Pizzicato Polka, A. Piazzolla: Oblivion, S. Joplin: The Entertainer.

Categorie: Musica

White Waves Trio

Gio, 25/05/2017 - 13:03

27/05/17

28 DiVino Jazz

Alberto Parmegiani, chitarra el.
Danilo Blaiotta, Keyboards, Nord stage
Riccardo GaMbatesa, batteria.

Un gran bel trio, White Waves hanno visto il loro primo live al “28Divino Jazz" il 16 ottobre 2015. Il secondo è stato fatto praticamente un anno dopo, il 22 ottobre 2016 e come si dice in casa 28: "Jamais deux sans trois"

Tre musicisti che danno vita ad un concerto sempre diverso, pieno di groove e sempre carico di pathos. L’unione di intenti si manifesta sul palco dove la fiducia nell’intuito dei compagni spinge verso nuovi orizzonti sonori e territori inesplorati in cui il rischio è voluto e cercato, sempre con ritmo e groove. Le composizioni di questo GrooveTrio, per la maggior di Alberto Parmegiani, lasciano sempre aperto uno spiraglio all’imprevedibile e la classica via di fuga è deliberatamente evitata.
Spesso il lirismo dei temi riporta la calma e una nuova magia prende forma

Categorie: Musica

Antonio Ragosta Trio

Gio, 25/05/2017 - 13:00

26/05/17

28 DiVino Jazz

Antonio Ragosta, chitarra
Sergio Di Leo, basso el.
Mattia Di Cretico, batteria

Dopo l'esordio discografico con “Il mare e l'incanto a Roma est” edito dalla Slam (UK) Antonio Ragosta torna in studio per un nuovo lavoro discografico che vedrà la luce a breve, con una formazione inedita. Un sound contemporaneo che attraversajazz, blues, rock, musica classica ed atmosfere mediterranee, per approdare in un linguaggio autentico e spontaneo. Nei nuovi brani continua il viaggio iniziato nelprimo disco, ma con un orizzonte che si amplia includendo nuove possibilità.

Antonio Ragosta è un chitarrista compositore di origini napoletane, trapiantato a Roma. Tra le sue collaborazioni: Sandro Joyeux, Pape Siriman Kanoutè, Gerardo Casiello, Alessio Bonomo, Paolo Zanardi, Titti Smeriglio, Pilar, Paolo Damiani, Moni Ovadia, Alessandro Haber.

Categorie: Musica

Dallo stornello al rap

Gio, 25/05/2017 - 12:47

31/05/17

L'Asino che vola

Mercoledì 31 maggio Elena Bonelli presenterà i semifinalisti della terza edizione del suo talent all’ASINO CHE VOLA di Roma
 
HAI MAI VISTO L’ASINO CHE VOLA?
Bene allora il 31 maggio hai una grande opportunità: quella di vederlo finalmente volare sulle note della canzone romana dei più bravi giovani cantautori che si cimenteranno nella prima selezione dal vivo del concorso Dallo Stornello al Rap, giunto alla terza edizione, per accedere poi alla prefinale che si terrà ad Ostia il 15 Luglio.

Portate i vostri figli perché si divertiranno assistendo ad una lezione di storia e di vita. All’ASINO CHE VOLA, Mercoledì 31 Maggio sentirete cantare i semifinalisti del grande talent sulla canzone romana, i selezionati che hanno superato il primo step del concorso: Fabrizio Servidio, Federico Pizzicannella, Marco Gambino, Miha, Nine, Operation, NGK, Vincenzo Leone e Giulia Petronio.
Sarà una grande festa per la canzone romana e per i romani che amano approfondire, diffondere e far apprezzare la nostra cultura, la nostra lingua, la nostra canzone, seriamente minacciata dall’imbarbarimento della città, che sta perdendo le sue origini e tradizioni.

I nostri canali social:
Pagina Facebook Dallo stornello al rap https://www.facebook.com/dallostornelloalrap/
Pagina Facebook Elena Bonelli https://www.facebook.com/Bonelli.Elena/
Pagina Facebook Produzione Arte Italia nel Mondo https://www.facebook.com/ArteItalianelMondo/
Profilo Twitter Elena Bonelli https://twitter.com/ElenaBonelli
Youtube Elena Bonelli https://www.youtube.com/user/Bonellintheworld
Youtube Dallo Stornello al rap https://www.youtube.com/channel/UCQneGSMAQdylGjpfPRydS9g
 

Categorie: Musica

La grande musica classica e operistica al Teatro di Villa Torlonia con il concerto del Coro del Teatro dell’Opera

Gio, 25/05/2017 - 09:53

27/05/17

Teatro di Villa Torlonia

Sabato 27 maggio il prestigioso Coro del Teatro dell’Opera di Roma si esibirà alle ore 18 sul palcoscenico del Teatro di Villa Torlonia con una selezione di alcune tra le composizioni classiche e operistiche più affascinanti.

In programma durante l’evento brani realizzati da G. Fauré (da Messe Basse: Sanctus, Agnus Dei; Maria, mater Gratiae mottetto op. 47 n. 2), G. Rossini (Da Petite Messe Solemnelle: Kyrie, Cum Sancto Spirito), W.A. Mozart (da Il Flauto Magico: O Isis und Orisis), L. van Beethoven (da Fidelio: O welche Lust), F. Schubert (Deutsche Tänze per Coro e pianoforte a 4 mani), G. Donizetti (da Don Pasquale: Che interminabile andirivieni).

Le due Messe che apriranno il concerto hanno ciascuna una propria particolarità. La Messa Bassa (che si contrappone cioè al rito della Messa solenne) di Fauré fu stampata nel 1907 ed è una composizione per sole voci femminili e organo, in cui l’autore espresse pienamente la propria intima religiosità: l’Agnus Dei è il brano più ambizioso della messa e rivela la grande abilità contrappuntistica di Fauré.

Scritta nel 1863, la Petite Messe Solennelle è una delle ultime composizioni di Rossini e una delle poche pagine sacre del grande operista. Dodici voci di cui quattro soliste formano il piccolo organico di questa Messa, piccola ma solenne, come nota il titolo nella delicata ironia propria dell’autore, che in essa propone un linguaggio musicale aperto a inedite soluzioni.

I due brani che seguiranno sono per coro maschile ed entrambi tratti da opere celebri, o meglio da due Singspiel, il tipo di melodramma con dialoghi parlati che ebbe grande sviluppo in Germania. I sacerdoti, che aprono le celebrazioni per il culto del dio Sole, invocano Iside e Osiride, in una cerimonia di chiara impronta massonica che convive con le caratteristiche gioiose e fiabesche del Flauto Magico mozartiano. Prigionieri, e infelici, sono i personaggi che intonano il coro beethoveniano dal Fidelio: “O qual piacere, all’aria aperta”, cantano mentre escono dalle loro buie celle per una scarsa ora d’aria e sognano la libertà.

Le Danze tedesche di Schubert sono un suo omaggio alle melodie popolari, sapientemente trascritte e arricchite di nuove armonie. A questo genere, dedicato ad allietare le riunioni musicali fra amici, Schubert dedicò molte composizioni sia corali che per pianoforte, in quell’avvicinamento a un’arte immediata e spontanea che avrebbe poi ispirato molti autori romantici.

Dal Don Pasquale di Donizetti il coro Che interminabile andirivieni commenta con uno spirito degno di quest’opera buffa l’agitazione dei servitori coinvolti molto, loro malgrado, nelle novità di gestione della casa dopo il matrimonio del protagonista.


L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Dipartimento Attività Culturali - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma. Coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura.

Categorie: Musica

Emilija Marinova (pianoforte)

Gio, 25/05/2017 - 09:44

28/05/17

Sala Baldini

Concerto in collaborazione con la Scuola di Musica OMU "Metodi Patce" e il Lions Club Lychnidos di Ohrid
Emilija Marinova (pianoforte)

Musiche di
Emilija Marinova (Ohrid te sakam)
Pyotr Ilyich Tchaikovsky (October)
Astor Piazzolla (Oblivion, Inverno porteno, Milonga del angel, Libertango)
Emilija Marinova (Macedonian dance 1,2,3)
Dimitrije Bužarovski (Dali pametvis Milice)

Ospiti d’onore Lina Nikoleska, Ognen Sekuloski, Mila Korunovska, Prof.Ana Krstanoska, Prof. Hristina Pecakoska Nikoleska

Con la partecipazione per la Saga Macedone « Ohrid te sakam » di Angelo Filippo Jannoni Sebastianini.

Per concludere la serata verrà presentata una mostra di gioielli della famiglia Marinov (Ohrid) provenienti da una tradizione che risale al 1913.

Alle 19.30 verrà presentata un’anteprima del lavoro teatrale di Maurizio Gonzaga
« ASSALTO AL CASTELLO »
con Giuseppe Varano, Damiano Hulman, Susanna Animati, Chiara Anguissola, Stefano Braidotti, Guglielmo Diano, Emanuela Pitorri, Bianca Bianco Mengotti, Massimo Porfirio, Maurizio Gonzaga. Costumi di Anna Addamiano.

Emilija Marinova ha iniziato la sua educazione musicale nella scuola primaria musica Metodi Patcev a Ohrid, con il Prof. Rubens Naumovski. Poi ha continuato nella scuola Ilija Alto Nikolovski-Luj a Skopje con il Prof. Kristina Kraguevska e il Prof. Marijana Jovanceva. Ha completato gli studi nella Music Academy San Kyril e Metodio nel 2007 a Skopje, con il Prof. Stela Slejanska.

Nel 1998, ha vinto il secondo premio al Concorso Internazionale per pianoforte Nikolai Rubinstein a Parigi, e ha tenuto un concerto a Skopje nel 1999.

Inoltre ha partecipato al Piano Interfest Concorso Internazionale di Bitola (2002) dove ha vinto il secondo premio e al Concorso Pianistico Internazionale "Ohridski Biseri" a Ohrid, dove ha vinto il primo premio assoluto. Dopo di che ha tenuto un concerto a Skopje (2002) e uno in Ohrid (2004). Nel 2005 ha vinto il secondo premio e il premio speciale per la migliore esecuzione di un brano musicale di autore  macedone nel Piano Interfest Concorso Internazionale di Bitola. Ha tenuto Masterclass con il M ° Aquiles Delle Vigne, nel 2005, Masterclass con il M ° Franco Medori nel 2006, Masterclass con il M° Francesco Nicolosi, Masterclass con il M° Sergio Perticaroli. Nello stesso anno 2006 è entrata al Conservatorio Santa Cecilia di Roma come uno dei migliori studenti in quell'anno. Nel mese di aprile 2007 ha avuto il suo concerto da solista nel Museo della Città di Skopje, dove ha effettuato la prima esecuzione della sua composizione Ohrid te sakam, scritto durante il suo soggiorno a Roma. Lo stesso titolo è stato poi utilizzato perdare il nome al festival musicale che si è inaugurato nella sua città natale di Ohrid, nel maggio 2008.

Emilija Marinova ha eseguito molti concerti ad Ohrid, Skopje, Bitola, Veles, Tetovo, Stip come autore ed esecutore della sue musiche. Nel 2010 è stata membro della giuria del Concorso Internazionale di Musica a Bovino - Italia. Nel 2011 ha terminato i suoi studi post-laurea in Accademia di Musica San Kyril e Metodio di Skopje, con il Prof. Stela Slejanska.

Nel mese di ottobre 2011 ha tenuto un concerto al Festival Internazionale di Musica "Interfest" - Bitola.

Nel 2012 ha vinto il premio speciale per il miglior brano eseguito al concorso internazionale di pianoforte Interfest-Bitola.

Dal 2006 ad oggi ha tenuto concerti a Roma, nella Basilica di San Nicola in Carcere, alla Casina delle Civette di Villa Torlonia, al Teatro del 'Angelo, nel Parco Archeologico del Teatro di Marcello.
Attualmente è Direttore nella Scuola di Musica di Ohrid "Metodi Patche, ed è Direttore Artistico del Festival di Musica “Ohrid te sakam”

Categorie: Musica

Wiener Concert-Verein

Mer, 24/05/2017 - 15:37

29/05/17

Università La Sapienza - Aula Magna

Il fascino della musica di Mozart e Strauss e il suo seducente profumo viennese esaltati dalle esecuzioni dell'orchestra del Wiener Concert-Verein in un concerto straordinario della IUC

L’orchestra del Wiener Concert-Verein è stata fondata nel 1987 dai membri dell’Orchestra Sinfonica di Vienna e da allora è stata ospite di molti dei più importanti festival. É ambasciatrice dell'impareggiabile tradizione musicale viennese e del grande amore dei viennesi per la musica e naturalmente dedicherà alla musica viennese il suo concerto straordinario alla IUC di lunedì 29 maggio alle 20.30.
Vienna, se si parla di musica, significa soprattutto Johann Strauss jr, di cui saranno eseguiti alcuni celebri valzer e polke, e Wolfgang Amadesu Mozart, con la Sinfonia in la maggiore K. 201 e con il Concerto per tre pianoforti e orchestra K. 242, una preziosità di raro ascolto, che vedrà schierati sul palco dell'Aula Magna della Sapienza tre pianoforti "gran coda", alla cui tastiera saranno tre bravissimi pianisti italiani, Marcello Mazzoni, Andrea Padova e Marco Scolastra.
L'orchestra viennese spesso suona senza direttore, come in questa occasione: un virtuosismo che solo poche orchestre possono permettersi. È stata ospite di importanti festival musicali tra cui Wiener Festwochen, Festival di Bregenz, Mozart Festival di Würzburg, l’Autunno di Praga, il Ljubljana Festival, il Vienna Klangbogen e l’International Arts Festival di Shenzhen (Cina).
 Ha lavorato con acclamati direttori come Vladimir Fedosejev, Leopold Hager, Marcello Viotti, Claus Peter Flor, Krzysztof Penderecki, Fabio Luisi e Martin Sieghart. Ulf Schirmer ne è il Direttore Ospite Principale dal 2004.
Nell’anno dedicato a Mozart (2006), l’orchestra ha effettuato tournée in Canada, Germania, Francia, Ungheria,
Croazia, Slovenia e Svizzera. Il suo repertorio
spazia dalle composizioni orchestrali del periodo classico viennese fino alla musica contemporanea austriaca passando per i capolavori più celebri di ogni epoca e nazionalità.
 Nel 2001, 2002 e 2006 sono stati premiati dalla “Ernst von Siemens Music Foundation”.
Nel 2015 l’incisione del Wiener Concert-Verein con musiche di Michael Haydn è stata insignita dell'Amadeus Classic Award per la categoria “Orchestra and Large Ensemble”, competendo con le incisioni delle Orchestre Filarmoniche di Vienna e Berlino

Categorie: Musica

"F.A.R.E." Fourneyron/Arcelli Residence Ensemble

Mer, 24/05/2017 - 14:23

da 20/09/17 a 23/09/17

Casa del Jazz

Le principali istituzioni della capitale italiana sono coinvolte in un progetto comune finalizzato alla creazione musicale per un sestetto jazz.
L’obiettivo è sostenere l’incontro tra artisti di diversa provenienza, in progetti originali da proporre sulla scena internazionale.
Sono due i compositori-interpreti invitati per l’occasione, il sassofonista Cristiano Arcelli e il trombonista Fidel Fourneyron.
I due musicisti hanno invitato Bernardo Guerra, Matteo Bortone, Francesco Diodati a formare un inedito quintetto che proverà le originali partiture da essi composte per l’occasione.
Nell'ambito del Festival franco-italiano di jazz e musiche improvvisate "Una striscia di terra feconda" XX Edizione, diretto da Paolo Damiani e Armand Meignan, progettato e realizzato dall'Associazione culturale Teatro dell'Ascolto.

Interpreti
Fidel Fourneyron - trombone, composizione
Cristiano Arcelli - alto sax, composizione (vincitore del concorso nazionale di MIDJ –Associazione nazionale musicisti di jazz)
Francesco Diodati - chitarra
Matteo Bortone - contrabbasso
Bernardo Guerra - batteria

Partners:
Ministero dei Beni ed Attività Culturali e del Turismo, Ministero Francese della Cultura, Fondazione Musica per Roma, MIUR-AFAM (Direzione Generale per l’Alta Formazione Artistica, Musicale
e Coreutica), l’Institut français Italia - Ambasciata di Francia in Italia. SIAE, SACEM, FCM (Le fond pour la création musicale), ADAMI, CNV (Centre national de la chanson, des varietés et du
jazz), AJC, il Conservatorio di Santa Cecilia, per la prima volta coinvolti in un progetto comune finalizzato alla creazione del jazz che verrà.

Categorie: Musica

La Femme/Cosmo

Mer, 24/05/2017 - 12:18

21/06/17

Piazza Farnese

La femme
A Roma, nell’esclusiva cornice di Piazza Farnese, si svolgerà il concerto che celebra l’arrivo del’Estate con la festa Europea della Musica. Il 21 giugno 1982, con l’iniziativa ideata dal Ministero della Cultura francese, in tutta la Francia, musicisti dilletanti e professionisti invadono strade, cortili, piazze, giardini, stazioni, musei. Dal 1985, la Festa della Musica arriva in Europa e nel Mondo. Concerti gratuiti, valore del gesto musicali, spontaneïtà, disponibilità, curiosità, tutte le musiche appartengono alla Festa.

Cosmo
Il pop che non ti aspetti. Canzoni e sonorità che guardano senza paura all’universo della club culture. Brani da cantare a squarciagola oppure da ballare fino a perdere completamente il
fiato. Marco Jacopo Bianchi, già leader e fondatore dei Drink to Me, una delle cult band più amate dell’underground italiano, è esploso nell’estate del 2016 grazie al singolo “L’ultima festa”, il brano che dà il titolo al suo ultimo album e che ha letteralmente dominato l’airplay delle radio italiane.
Dopo un ottimo esordio con “Disordine”, il disco che l’ha fatto conoscere a un pubblico nuovo e che lo ha portato a esibirsi anche sui palchi dei più importanti festival italiani, con “L’ultima festa” ha compiuto il vero e proprio salto di qualità finendo in testa a quasi tutte le classifiche dei migliori dischi del 2016.
Grazie a un tour di più di 88 date, una vera e propria marcia trionfale scandita a colpi di sold out, ha vissuto da protagonista anche buona parte del 2017.
E le sorprese non sono ancora finite.

Categorie: Musica

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?