la grande fotografia applicata al teatro, agli  eventi, spettacoli  e natura

Monte Amiata la faggeta

Monte Amiata “Camminando nella faggeta”

Monte Amiata “Camminando nella faggeta”

Monte Amiata la faggeta

Il monte Amiata è un gruppo montuoso di origine vulcanica, situato nell’appennino toscano, tra la Val d’Orcia, la Maremma e la Val di Paglia, tra le provincie di Grosseto e Siena, in Toscana.


Monte Amiata. L’origine del toponimo Amiata è stata da alcuni individuata nel latino ad meata, ossia «alle sorgenti».

Altre ipotesi sull’etimo del toponimo Amiata sono state rappresentate in una rivista storico-culturale locale, ove si indica una derivazione da mons Tuniatus-Montuniata, con riferimento a Tinia, la massima divinità etrusca.

Il massiccio montuoso, svetta con i suoi 1738 metri sul livello del mare, tra una serie di cime, in continuità l’una con l’altra Poggio Trauzzolo, Labbro e monte Civitella con le loro altitudini tra i 900 e 1200 metri.

L’Amiata è un antico vulcano, ormai spento, con presenze di rocce e di laghetti di origine vulcanica.

Si possono vedere, le sorgenti dei fiumi Fiora, Vivo, Albegna e Paglia.

Le sorgenti, che sgorgano in notevole quantità laddove finiscono le rocce e inizia il basamento calcare-argilloso, costituiscono una imponente ricchezza idrica che caratterizza da sempre questo rilievo vulcanico.

Nella faggeta del Monte Amiata si possono incontrare esemplari centenari, è stata riconosciuta la più grande d’Europa.

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/wp/2020/10/26/gran-sasso-e-le-sue-cime-viste-dal-rifugio/

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Le altre gallerie paesaggistiche

(C) Tutti i diritti riservati Adriano di Benedetto 2019-2029 – elaborazione grafica e gestione: progettoweb.xsoft.it