la grande fotografia applicata al teatro, agli  eventi, spettacoli  e natura

Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”,

Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”

Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”

Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”,

Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”, canti per la Settimana Santa, canti di lavoro dei carrettieri, dei venditori ambulanti e dei minatori.


Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”, e musiche strumentali per accompagnare il ballo

Musiche tradizionali della Sicilia mercoledì 20 aprile alle 18.00 per i concerti di Roma Sinfonietta all’Auditorium “E. Morricone” dell’Università di Roma “Tor Vergata” (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1).

Si ascolteranno in particolare repertori devozionali, canti di lavoro e musiche strumentali siciliane.

Il concerto fa parte della serie “Musiche dalle Regioni d’Italia” a cura di Giorgio Adamo, professore ordinario ordinario di Etnomusicologia e direttore del Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, e di Giuseppe Giordano, ricercatore di etnomusicologia presso la stessa Università. 

Il programma di questo concerto accoglie alcune fra le più interessanti espressioni musicali ancora oggi rilevabili in Sicilia.

La vitalità di queste pratiche, sia canore che strumentali, è attestata ancora oggi in diverse aree dell’isola in occasioni specifiche che interessano tanto la dimensione domestica quanto quella comunitaria della festa.

Agli ambienti agropastorali del messinese si legano gli stornelli e le musiche strumentali che verranno eseguiti in apertura con zampogna “a paro”, tamburello, organetto e flauto di canna (friscalettu).


Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”,
Auditorium E. Morricone “Musica della Sicilia”,

Lo scacciapensieri (marranzanu) introdurrà la canzuna a la carrittera (al modo dei carrettieri), intonata in uno stile di canto alquanto articolato e complesso che i carrettieri di Bagheria (PA) ancora oggi ostentano con vanto.

Alla devozione popolare è dedicata la parte centrale del concerto. Il canto di una novena di Natale con accompagnamento di zampogna “a paro” ripropone il diffuso tema dell’offerta pastorale.

A seguire i cantori della Settimana Santa di Misilmeri (PA) intoneranno i canti monodici della Passione in siciliano, introdotti dal mesto suono del tamburo “a lutto” e dalle tràccole.

I cantori dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento di Mussomeli (CL) eseguiranno invece i lamenti in un latino fortemente marcato dall’influenza dialettale, nello stile di canto polivocale che contraddistingue musicalmente il tempo della Passione nell’area centro-orientale dell’isola.

La conclusione è affidata ai tamburinai di Misilmeri che interverranno con i loro tamburi bipelle a bandoliera, di norma utilizzati nell’ambito delle feste religiose.

Biglietti: intero € 12,00. Ridotto docenti, personale amministrativo e tecnico dell’Università € 8,00. Ridotto studenti € 5,00.

Info: 063236104 – info@romasinfonietta.itwww.romasinfonietta.it

Ufficio stampa di Roma Sinfonietta:
Mauro Mariani – tel. 335 5725816 – m.mariani.roma@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/concerto-di-pasqua-san-paolo-entro-le-mura/

https://www.unfotografoinprimafila.it/omaggio-a-bruno-cagli-auditorium-parco-della-musica/

(C) Tutti i diritti riservati Adriano di Benedetto 2019-2029 – elaborazione grafica e gestione: progettoweb.xsoft.it