la grande fotografia applicata al teatro, agli  eventi, spettacoli  e natura

Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica,

Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica, il 22 marzo all’Auditorium Parco della Musica, con Raffaele Casarano e Mirko Signorile, presenterà “Euphonia”.

Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica. Un concerto organizzato da Vincenzo Berti e Gianluca Bonanno per Ventidieci.

Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica. “Euphonia” è una  suite che incorpora i brani in un “Flow”, un flusso ininterrotto che, attraversando vari stati emozionali, accompagna l’ascoltatore ad uno stato quasi trascendentale.

E’ un’esperienza che va al di là della normale sequenza di canzoni, legandole e fondendole nell’improvvisazione e nel mistero dell’enarmonia, che è la magica capacità delle note di cambiare senso e funzione a seconda della tonalità.

Il progetto è frutto dell’intesa con due straordinari musicisti.

Mirko Signorile che intesse un suo continuum spazio temporale attorno alla massa gravitazionale delle melodie in contrappunto con le traiettorie del sax di Raffaele Casarano, creando con sapienza armonica congiunzioni sorprendenti.

Il Flow si sviluppa spontaneamente in un’interpretazione ogni volta unica e diversa sul canovaccio delle canzoni di Finardi, con qualche omaggio ai suoi autori più cari, da Battiato a Fossati, dando un respiro più ampio alle emozioni, condivise in un’intensa esperienza collettiva.

 “La vita è l’arte dell’incontro”, dice Vinicius de Moraes e per i musicisti questo è ancora più vero perché la musica è un linguaggio universale che non necessita di traduzioni ma di cui ognuno ha un proprio personalissimo accento.

Ecco, quando Raffaele Casarano, Mirko Signorile e io ci incontriamo attorno ad un pianoforte si crea un lessico particolarissimo e intrigante.”(Eugenio Finardi)

Un concerto/esperienza di grande energia ma anche di grande delicatezza e verità emotiva.

Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica,
Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica,

Il nuovo disco di EUGENIO FINARDI dal titolo EUPHONIA SUITE. Interpretato da Finardi alla voce, Mirko Signorile al pianoforte e Raffaele Casarano al Sax.

Disponibile su CD, Vinile e tutte le piattaforme streaming e download.

Pubblicato su Incipit Records e distribuito da Egea Music.

Il nuovo progetto di Eugenio Finardi è una suite, cioè un unico lungo brano che porta l’ascoltatore a vivere la profonda esperienza di un percorso emozionale attraverso brani del suo repertorio ma anche di autori da lui profondamente amati, riletti come meditazioni sull’umana condizione.

Dopo anni in cui Finardi ha alternato nei suoi concerti l’esecuzione delle sue composizioni alla narrazione e all’analisi parlata, quasi una conversazione con il suo pubblico, in EUPHONIA SUITE si abbandona al flusso musicale, alla costante ricerca di un senso ulteriore ed interiore.

La suite EUPHONIA – racconta Finardi – è il frutto di dieci anni di evoluzione.

Dal primo incontro al Locomotive Festival 2012, Mirko Signorile, Raffaele Casarano e io abbiamo trovato un’intesa speciale che si è affinata anno dopo anno finché, durante il lockdown, ho immaginato questo flusso di canzoni senza soluzione di continuità che accompagna l’ascoltatore in un percorso non solo musicale e testuale ma anche spirituale.

I singoli brani così diventano strofe di una composizione più ampia in cui le emozioni si perdono nella musica finendo col ritrovarsi in uno stato quasi trascendentale.

Il nuovo disco presenta e reinterpreta quindici brani.

Voglio, Soweto, Katia, Diesel, Oceano Di Silenzio, Mezzaluna, Le Ragazze Di Osaka, Dolce Italia, Vil Coyote, Holy Land, Estrellita, Ambaraboogie, Un Uomo, La Radio, Amore Diverso, Una Notte In Italia, Extraterrestre.

L’album è stato anticipato dai due singoli con videoclip Katia pubblicato a giugno ed Una Notte in Italia in settembre entrambi in buona rotazione radiofonica.

Il Video di Una Notte in Italia brano in cui Eugenio ricanta Fossati è disponibile per la pubblicazione e diffusione al seguente link; https://youtu.be/EKfFkqUlZzs

Su Katia primo estratto uscito in giugno Finardi ha detto: “non è facile scegliere un singolo per presentare la suite EUPHONIA, perché è concepita per essere un’esperienza unica.

KATIA ne cattura l’essenza del suono e il racconto di un rito di passaggio inevitabile:

Il primo indimenticabile Amore, quello inespresso ma struggente. Il primo incontro tra Dante e Beatrice, l’Amore assoluto e immortale perché mai consumato.

La grafica del lyric video, curata dal prestigioso Studio Convertino, rende omaggio allo stile Manga, perché mi son reso conto di quanto ci si riconoscano i ragazzi di oggi, ed è ambientato nella città in cui sono cresciuto, Milano” Ecco il videoclip di Katia https://youtu.be/IfgKHBX48wg

https://www.eugeniofinardi.it/

Eugenio Finardi (Milano 1952) è un cantante e musicista, autore e compositore italiano tra i più noti.

Basta dire che iniziò la sua carriera negli anni settanta incrociando e collaborando con i maggiori protagonisti della scena artistica milanese.

Da Demetrio Stratos a Fabrizio De André, in un humus culturale che comprendeva Battiato, Battisti AREA, PFM, Carmelo Bene, Mogol, Gianni Sassi, Dario Fo, Claudio Rocchi, Camerini… la lista sarebbe infinita.

Da ormai vent’anni ha lasciato il mondo della “Musica Leggera” per dedicarsi ai più svariati progetti speciali, seguendo la sua insaziabile curiosità musicale, Con Francesco Di Giacomo incide un album di FADO, traducendo Amalia Rodrigues.

Segue ANIMA BLUES, un tour e un album che hanno stupito e convinto.

IL CANTANTE AL MICROFONO un progetto di musica contemporanea con il sestetto SENTIERI SELVAGGI diretto da Carlo Boccadoro su musiche di V.Visotsky riscritte da Filippo Del Corno.

Il suo eclettismo e la sua duttilità gli hanno permesso di affrontare e fare suoi i più diversi generi musicali.

Con EUPHONIA raggiunge una maturità e una libertà d’intenti che solo l’età può dare.

Raffaele Casarano, sassofonista leccese, classe 81, si avvicina allo studio del sax all’età di sette anni e si diploma in sassofono 2004.

Frequenta successivamente masterclass con Dave Liebman, Maurizio Giammarco e molti altri.

Raffaele Casarano è direttore artistico e ideatore del “Locomotive Jazz Festival”.

Incide nel 2005 il primo disco, “Legend”, mentre è del 2008 “Replay”.

Entrambi i lavori vedono Paolo Fresu ospite.

Nel 2010 partecipa come sax solista all’interno delle musiche composte da Giuliano Sangiorgi, per “Koltès”, lo spettacolo dell’attore Claudio Santamaria.

Nel 2011 e nel 2012 continua la serie di fortunate collaborazioni con Giuliano Sangiorgi che chiama spesso Raffaele ad esibirsi in forma di duo anche durante diverse date dei tour Negramaro.

Il 2013 è l’anno della maturità: lavora in diverse date del tour internazionale della formazione di Manu Katché e pubblica “Noè”, il nuovo disco del suo Locomotive Quartet.

Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica,
Eugenio Finardi Auditorium Parco della Musica,

Nel 2015, pubblica ‘MEDINA’ il suo ultimo disco realizzato con l’Orchestra della Provincia di Lecce ICO T. Schipa e con la partecipazione del norvegese Erik Honoré.

Attualmente è impegnato in una tournée internazionale con Dhafer Youssef.

Ha collaborato e inciso con: Buena Vista Social Club, Sting, Paolo Fresu, Noa, Giuliano Sangiorgi, Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia, Daniele Silvestri, Paola Turci, Piero Pelù, Simona Molinari, Manu Katché, Richard Bona, Peppe Servillo, Eugenio Finardi, Stefania Rocca, Fabrizio Bosso e molti altri.

Mirko Signorile nasce a Bari dove si diploma in pianoforte ed in musica jazz con il massimo dei voti.

Incide nel 2001 il suo primo disco “In full life” per la Soul Note, storica etichetta milanese che lo fa conoscere nell’ambiente del jazz italiano.

Da allora una serie di tour lo portano in giro per festival e teatri sia in Italia che all’estero.

Si esibisce negli studi di Via Asiago per RadioTre più volte e suona le sue musiche per i Concerti del Quirinale (con Giovanna Carone).

Nel 2005 scrive la colonna sonora de “La baracca” e nel 2007 de “Il passaggio della linea” entrambi del regista Pietro Marcello. Compone la colonna sonora per lo spettacolo “Hell in the Cave” di Giusy Frallonardo ancora tutt’ora in scena nelle suggestive Grotte di Castellana.

Scrive la musica per la silloge poetica “Figli della luce” con i versi di Enzo Quarto e le immagini di Uccio Papa.

Dal 2015 insegna presso il Conservatorio “Giovanni Paisiello” di Taranto.

BIGLIETTI IN VENDITA SU TICKETONE.IT

Ufficio stampa Ventidieci: Maurizio Quattrini 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/marco-travaglio-teatro-olimpico-di-roma/ https://www.unfotografoinprimafila.it/giornata-nazionale-degli-alberi/

(C) Tutti i diritti riservati Adriano di Benedetto 2019-2029 – elaborazione grafica e gestione: progettoweb.xsoft.it