la grande fotografia applicata al teatro, agli  eventi, spettacoli  e natura

Luca Martella “Storie del “Signor G”.

Luca Martella “Storie del “Signor G”

Luca Martella “Storie del “Signor G”

Luca Martella “Storie del “Signor G”.

Luca Martella “Storie del “Signor G”. All’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, venerdì 29 aprile, dopo lo straordinario successo, in giro per l’Italia


Torna, a Roma, Luca Martella e il suo Quartetto, per riproporre lo Spettacolo da lui ideato, interpretato e diretto, Storie del “Signor G”.

Luca Martella, grazie alla somiglianza con Giorgio Gaber e alla sua abilità di attore sia di cinema sia di teatro, interpreta la parabola gaberiana in un Recital, con la sensibilità dell’oggi, nell’intento di prendere atto della nuova realtà, affrontarla, deriderla, soffrirne e allo stesso tempo proporre una riflessione come utile strumento di consapevolezza per le nuove generazioni.

In una coinvolgente performance, potremo risentire brani e monologhi indimenticabili, che hanno fatto la storia del Teatro-Canzone di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, come Lo shampoo, La torpedo blu, Destra-Sinistra, La Libertà, Io non mi sento Italiano, Qualcuno era comunista, L’America, ecc. ecc. ecc., ripercorrendo la storia del Signor G attraverso un arco di tempo che va dagli anni ‘70 al 2000.

L’interpretazione intensa di Luca Martella deriva non solo dal sentirsi molto simile anche fisicamente all’attore scomparso, ma anche perché riconosce nella storia di Gaber la sua stessa storia, con tutti i trionfi, le amarezze, le illusioni, le delusioni, i percorsi fatti e da fare e infine perché anche lui è un “uomo senza qualità” in grado di dipingere con pennellate sottili la realtà in cui viviamo.



Luca Martella “Storie del “Signor G”.
Luca Martella “Storie del “Signor G”.

Nello Spettacolo, si ride, ci si commuove, si riflette… ci si emoziona! Ci piacerebbe sapere come oggi la coppia Gaber-Luporini – due amici uniti in un sodalizio artistico e spirituale durato 40 anni – avrebbe analizzato l’attuale momento politico del Paese, perché con la loro genialità, sensibilità e coinvolgimento in tutte le sfaccettature della vita pubblica e privata, che Luca Martella incarna perfettamente, avevano già traguardato oltre, avevano già previsto quello che sarebbe accaduto, cosa che solo i poeti e gli intellettuali sono in grado di fare.

Ultima osservazione: la profonda passione per il jazz che unisce Martella a Gaber, tanto che nel suo quartetto annovera musicisti d’eccezione come il Maestro Massimiliano Staderini alle Tastiere, Mauro Delorenzi al Basso, Matteo Martella al Sax e Giancarlo Martella alla Chitarra, rispettivamente, figlio e padre di Luca, e durante lo spettacolo salta evidente agli occhi l’affiatamento che unisce tutti gli artisti.

 L’ALEXANDERPLATZ E’ SANIFICATO CON TECNOLOGIA ACTIVEPURE 24 ORE SU 24

Info e prenotazioni: 0686781296 (Dopo le 18)

349 977 0309 (WhatsApp)

prenotazioni.alexanderplatz@gmail.com

www.alexanderplatzjazz.com

Ufficio stampa: Maurizio Quattrini 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/teatro-tor-bella-monaca-in-scena-hamlet/

https://www.unfotografoinprimafila.it/estate-2022-nel-lazio-itinerario-giovani/

(C) Tutti i diritti riservati Adriano di Benedetto 2019-2029 – elaborazione grafica e gestione: progettoweb.xsoft.it