News sul Cinema

Subscribe to News sul Cinema feed
Updated: 1 hour 18 min ago

Dov'è il mio corpo?

Sun, 15/12/2019 - 22:01
Categories: Cinema

Escher - Viaggio nell'infinito

Sun, 15/12/2019 - 22:01
"Escher. Viaggio nell'infinito" è la storia dell'artista grafico olandese M.C. Escher, famoso in tutto il mondo. Il film si basa su più di mille lettere, diari e documenti che Escher scrisse nel corso della vita. Lo sentiamo parlare con le sue stesse parole, raccontare le sue paure, i suoi dubbi, le sue convinzioni politiche, il suo lavoro e lo stupore che si rinnova nel suo cuore di volta in volta. Il film ripercorre i luoghi che sono stati per l'artista fonte di ispirazione. Mentre Escher parla, la videocamera registra ciò che vede, come se fosse il suo occhio. Il film guarda all'eredità di Escher e al modo in cui il suo lavoro, ancora oggi, ispira fumetti, pubblicità, film e richiama numerosi visitatori in tutto il mondo alle mostre dedicate alla sua arte.
Categories: Cinema

Il nostro Papa

Sun, 15/12/2019 - 22:01
“Anche io sono figlio di migranti”,dice Papa Francesco. Con un occhio attento all'attualità e alla sempre più pressante questione dell’immigrazione,il Papa stesso ci spinge più volte a riflettere sul suo significato e sull'approccio più costruttivo che dovremmo avere anche noi nei suoi confronti. “Se non ci fossero state le persone che, all’epoca, hanno aiutato mio padre,io oggi non sarei qui”. Non avremmo neanche lo stesso Papa Bergoglio, se l’immigrazione in Argentina,un tempo,non avesse trattato gli italiani con riguardo e con propositività.A partire dal Piemonte,i nonni di Papa Francesco si spostarono verso il porto di Genova per sfuggire al fascismo e imbarcarsi in direzione di Buenos Aires. Ma il transatlantico che avrebbero dovuto prendere,e per cui avevano già comprato i biglietti,fu oggetto del più grande disastro navale italiano di sempre,e uccise tutti i suoi passeggeri. La strana coincidenza fu proprio quella che volle la famiglia Bergoglio trattenuta da un contrattempo e impossibilitata a prendere quella stessa nave,all’ultimo secondo. Dunque si salvarono,raggiunsero l’Argentina,e con questo permisero anche al nostro papa di nascere e diventare la persona importante che è oggigiorno. Scampati al disastro navale,i nonni di Jorge Mario Bergoglio sono ripartiti da zero a Buenos Aires. Raccontiamo questo:l’accoglienza ora e allora,il Papa ora e al tempo in cui era un semplice ragazzino argentino che improvvisamente ha sentito una vocazione più forte di lui. La figura ideale, da cui partire,è quella della giornalista Tiziana Lupi, autrice della biografia del Papa che,improvvisamente, decide di intraprendere una nuova ricerca a partire da un incontro con dei bambini, altri “figli di migranti” come lui, nati in Italia. “Quindi anch’io,un giorno, potrei diventare papa?”,chiede uno di loro. Un parallelismo fra il pontefice,le sue origini e le origini di tante persone costrette anche oggigiorno ad abbandonare la propria patria per ricostruirsi altrove. Nella stessa Genova troviamo la testimonianza di Massimo Minella, giornalista di Repubblica che ha raccolto in un libro chiamato "Genova-Buenos Aires-Solo Andata"le foto di quegli sbarchi,le testimonianze di tutti quei flussi emigratori dall'Italia verso l'Argentina che hanno interessato anche la famiglia Bergoglio. Viaggi della speranza e del riscatto che portarono milioni di italiani in Argentina. Da lì al racconto di Padre Ripamonti del Centro Astalli di Roma, che si occupa dell’accoglienza dei migranti in Italia,fino a passare proprio in Argentina,prima a Buenos Aires e poi,in particolare, nel vicino paese di Paranà dove andarono a vivere i nonni del Papa. Proprio in Argentina troviamo lo scultore Alejandro Marmo,più volte citato come artista preferito del papa. Marmo, non a caso,segue una filosofia molto simile al pensiero di Papa Francesco,nelle sue sculture:preferisce servirsi unicamente di scarti e rifiuti per creare arte, splendore; un po’ come quello che dice il Papa quando parla di tutti gli immigrati e i poveri che vengono lasciati lì,in balia della sorte,dimenticati da un mondo che potrebbe invece valorizzarli.
Categories: Cinema

Madadayo - Il compleanno

Fri, 13/12/2019 - 22:01
Categories: Cinema

Proiezioni in occasione del 18 dicembre 2019 Giornata Internazionale del Migrante

Thu, 12/12/2019 - 16:24

18/12/19

Proiezioni in occasione del 18 dicembre Giornata Internazionale del Migrante

L’OIM presenta a Roma il GLOBAL MIGRATION FILM FESTIVAL, iniziativa che quest'anno vede coinvolti più di 100 paesi in tutto il mondo.
L'obiettivo è quello di promuovere - attraverso il cinema - una discussione informata, approfondita e imparziale su uno dei più grandi fenomeni del nostro tempo.
Quest'anno la serata si svolge a Roma presso l’Institut français Centre Saint-Louis.

Proiezioni di 3 film brevi: “Rosso: la vera storia falsa del pescatore Clemente” di Antonio Messana; “Storie d’Africa” (versione breve) di Piero Cannizzaro; "Il Mondiale in Piazza” di Vito Palmieri

Categories: Cinema

Dio è donna e si chiama Petrunia

Wed, 11/12/2019 - 22:01
Protagonista del film è la giovane Petrunya, single, disoccupata e costretta a vivere con i genitori. Dopo l'ennesimo colloquio di lavoro andato male, la ragazza si ritrova per caso nel mezzo di un'affollata cerimonia religiosa: una croce di legno viene lanciata nel fiume, dove decine di uomini si tuffano per fare a gara a recuperarla. Con aria di sfida, anche Petrunya si getta nel fiume, riuscendo a prendere la croce per prima, nello scandalo generale: mai a una donna era stato permesso di partecipare al rituale. Tutto il paese sembra unito nel chiederle di restituire la croce, con le buone o con le cattive, ma Petrunya è decisa a non arrendersi e a tenerla con sé a ogni costo…
Categories: Cinema

Che fine ha fatto Bernadette?

Wed, 11/12/2019 - 22:01
Bernadette Fox, un architetto spumeggiante con un viso splendido nascosto dietro occhialoni da diva, sparisce all'improvviso poco prima di partire per un viaggio in Antartide con la sua famiglia. Spetterà al marito e alla figlia Bee ricostruire con acume e pazienza la scia di mail, fatture, articoli di giornale e circolari scolastiche che la madre si è lasciata alle spalle, fino a svelare il clamoroso segreto che Bernadette nasconde da vent'anni.
Categories: Cinema

Il primo Natale

Wed, 11/12/2019 - 22:01
La storia di Salvo e Valentino, un ladro e un prete, che si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, fino all'Anno Zero. In questo viaggio, avranno a che fare con tanti personaggi, tra cui un inedito Erode.
Categories: Cinema

Il corvo

Wed, 11/12/2019 - 22:01
Categories: Cinema

Nancy

Wed, 11/12/2019 - 22:01
Nancy ha come protagonista Andrea Riseborough, nei panni di una donna che diventa sempre più convinta di essere stata rapita da bambina. Quando incontra una coppia la cui figlia è scomparsa trent'anni prima, la realtà e la finzione cominciano a confondersi. Man mano che il loro legame si approfondisce, i dubbi ragionevoli lasciano il posto a credenze ostinate e il potere dell'emozione minaccia di superare ogni razionalità.
Categories: Cinema

SORPRESA per Giovanni Tommaso. Una festa a sorpresa in onore di uno dei signori del jazz

Wed, 11/12/2019 - 02:01

21/12/19

SORPRESA per Giovanni Tommaso Una festa a sorpresa in onore di uno dei signori del jazz Ingresso gratuito fino a esaurimento posti “Sono davvero molto emozionata per questo tributo a mio padre per i suoi oltre 60 anni di carriera. La "creatura", così mi piace definirla, nasce dall'esigenza di ringraziarlo per avermi donato una vita a colori, piena d'Amore. Dopo nove mesi di interviste, registrate da me e dal mio “alter ego” Giles fatte agli AmIci di una vita...e non solo, ho partorito questo docu film” dice Vivian Tommaso promotrice e anima della festa. La serata avrà numerosi ospiti di prestigio con una serie di sorprese riservate al festeggiato incluso un documentario: GIOVANNI TOMMASO: "LA COPPA DEL JAZZ" con riferimento al prestigioso premio vinto col primo gruppo "Quintetto di Lucca".    
Categories: Cinema

Manaslu - La Montagna delle Anime

Tue, 10/12/2019 - 22:01
Manaslu – La montagna delle anime è la biografia di Hans Kammerlander, uno dei più grandi alpinisti del nostro tempo, con filmati d’archivio e l’aiuto di attori nelle diverse sequenze ricostruite. Il trionfo che lo ha reso famoso in tutto il mondo è la più veloce salita alla vetta dell’Everest in 16 ore e 40 minuti nel 1996, seguita dalla prima discesa con gli sci dalla montagna più alta del mondo.
Categories: Cinema

Santa subito

Tue, 10/12/2019 - 22:01
Santa Scorese, giovane attivista cattolica della provincia di Bari, per anni subisce le morbose attenzioni di uno sconosciuto molestatore, ma non mette mai in discussione la sua vocazione all’aiuto del prossimo e il suo percorso spirituale. La sera del 15 marzo 1991, al rientro a casa Santa viene accoltellata a morte dal suo persecutore, davanti agli occhi impotenti dei genitori e di una società all’epoca impreparata ad affrontare i reati di genere e lo stalking. Aveva ventitré anni.
Categories: Cinema

Il diario di Carmela

Mon, 09/12/2019 - 22:01
Categories: Cinema

Royal Opera House: Coppelia

Mon, 09/12/2019 - 22:01
Categories: Cinema

Furio Scarpelli: Pennello, China e Macchina Da Scrivere / proiez. di Ballando ballando, di E. Scola e inaugurazione della mostra

Mon, 09/12/2019 - 14:01

16/12/19

Furio Scarpelli: Pennello, China e Macchina Da Scrivere Per celebrare i 100 anni dalla nascita del grande sceneggiatore, il 16 dicembre alla Casa del Cinema di Roma, in collaborazione con Romics, avrà una giornata di eventi e proiezioni e l’inaugurazione della grande mostra che rivela e racconta il Furio Scarpelli Disegnatore. Gli appuntamenti del 16 dicembre: dalle ore 16.00 la proiezione del film Ballando Ballando di Ettore Scola, in collaborazione con la Cineteca Nazionale, il capolavoro del 1983 che racconta mezzo secolo di storia tra musica, sguardi e atmosfere uniche; a seguire l’inaugurazione della mostra e l’imperdibile incontro che coinvolgerà registi, attori, personaggi del mondo della cultura e dell’arte che hanno lavorato con lui e amato le sue opere; l’inaugurazione di una originale mostra, in collaborazione con Romics, che rivela e racconta il Furio Scarpelli disegnatore, illustratore e fumettista. La Mostra è un affascinante percorso, in quattro sezioni, che narra di una passione e di un’instancabile attività che ha percorso tutta la vita di Furio Scarpelli, il disegno: una mostra antologica tra storici fumetti, ritratti, vignette satiriche e sceneggiature disegnate, che rivela il talento inedito dello sceneggiatore. Passando anche per l’inedito progetto, come sempre accompagnato da illustrazioni, firmato insieme ad Age e a Monicelli nel 1967, un soggetto per un film dal titolo Big Deal on the Moon, una sorta di seguito ideale ai Soliti ignoti, in cui i protagonisti si uniscono per tentare l’impresa che li riscatti e li renda immortali: raggiungere la Luna; una storia che anticipava di qualche anno lo sbarco di Armstrong e Aldrin. Romics con questa mostra ha voluto fortemente portare alla luce un patrimonio quasi del tutto inedito con un lavoro coordinato dal figlio Giacomo Scarpelli, Sabrina Perucca, Direttore Artistico di Romics e in collaborazione con Gallucci Editore. 16.00 Ballando ballando di Ettore Scola (1983, 112’) «Diviso, come La famiglia, in cinque momenti storici pienamente identificabili (il 1936, il 1940, il 1956 e il 1968), ritenuti cruciali per la storia francese ed europea, il film, che ha una rigorosa e rigida struttura corale, può essere quasi considerato un'esercitazione virtuosistica, magnificamente eseguita, per dimostrare (quasi sulla scia del grande teorico tedesco Rudolph Arnheim) come il linguaggio cinematografico, pur disponendo del sonoro (infatti ascoltiamo solo rumori e soprattutto musica), possa farne a meno e possa raccontare storie senza bisogno di dialoghi, pervenendo a una sintesi espressiva molto efficace e poetica. Il film poggia su evidenti rimandi al teatro, all’operetta, al balletto e al musical, ma non può ridursi né a teatro né a operetta né a musical» (Bispuri). a seguire incontro moderato da Sabrina Perucca con Carlo Gallucci, Giorgio Gosetti, Francesco Martinotti, Leone Pompucci, Giacomo Scarpelli    
Categories: Cinema

I Goonies

Sun, 08/12/2019 - 22:01
Frutto dell’immaginazione di Steven Spielberg, I Goonies racconta di una banda di piccoli eroi lanciata in un’avventurosa ricerca ricca di imprevisti che superano la più fervida immaginazione. Seguendo una misteriosa mappa del tesoro fino a giungere in uno spettacolare regno sotterraneo pieno di passaggi tortuosi, trappole esplosive e vecchie navi pirata colme di dobloni d’oro, i ragazzi cercano di sfuggire a una famiglia di goffi e cattivi soggetti e a un mostro gentile con una faccia tale da far intenerire solo sua madre. Un’avventura per tutta la famiglia, dall’inizio alla fine delle innumerevoli peripezie, I GOONIES sono un tesoro cinematografico ricco di azione mozzafiato, suspense e spettacolari effetti speciali. Torna al cinema, rimasterizzato in 4K il prossimo 9, 10, 11 dicembre.
Categories: Cinema

Marcello Mastroianni, di Jean A. Gili: "Verso sera", F. Archibugi - incontro - "Enrico IV", M.Bellocchio

Fri, 06/12/2019 - 02:01

19/12/19

MARCELLO MASTROIANNI, di Jean A. Gili Il libro Marcello Mastroianni di Jean A. Gili, edito dal Centro Sperimentale di Cinematografia e da Edizioni Sabinae, è una ricostruzione della carriera del più amato attore italiano corredata da straordinarie foto provenienti dall’Archivio Fotografico della Cineteca Nazionale. Contiene testimonianze, tra gli altri, di Federico Fellini, Sophia Loren, Claudia Cardinale, Ettore Scola, Marco Bellocchio, Liliana Cavani. In occasione della presentazione di giovedì 19 dicembre alla Casa del cinema, ne parleranno – oltre all’autore, massimo studioso francese del nostro cinema, e al Presidente del CSC Felice Laudadio – due cineasti che al CSC si sono diplomati e che hanno realizzato con Mastroianni film importanti: Francesca Archibugi e Marco Bellocchio. ore 16.00 Verso sera di Francesca Archibugi (1990, 99’) «Verso sera è un buon esempio della disponibilità dell’attore, felicissimo di lavorare sotto la direzione di una giovane regista e di avere come partner un’attrice francese nota soprattutto per la collaborazione con Maurice Pialat, Sandrine Bonnaire. Alle origini del progetto, in realtà, la regista per il ruolo del vecchio professore aveva pensato a Vittorio Gassman, trovandolo più adatto per interpretare un intellettuale. Però il produttore del film, Leo Pescarolo, che invece riteneva più consono Mastroianni, gli fece leggere la sceneggiatura e quest’ultimo, entusiasta, riuscì a convincere l’Archibugi a sceglierlo per il ruolo del vecchio intellettuale comunista che si deve confrontare con una nuora turbolenta e una ragazzina che turba la sua serenità. Alla conclusione delle riprese la regista si dichiarò molto soddisfatta del risultato» (Gili). ore 18.00 Incontro moderato da Giorgio Gosetti con Francesca Archibugi, Marco Bellocchio, Jean A. Gili, Felice Laudadio, Walter Veltroni. Nel corso dell’incontro verrà presentato il libro di Jean A. Gili, "Marcello Mastroianni", Centro Sperimentale di Cinematografia, Edizioni Sabinae. a seguire Enrico IV di Marco Bellocchio (1984, 95’) «Girato a Porretta Terme, nei pressi di Bologna, nell’autunno del 1983 e per qualche scena nella primavera del 1984, il film è presentato a maggio al Festival di Cannes, dove riceve un’accoglienza moderata. L’opera, tratta dalla pièce di Luigi Pirandello, evoca la figura di Enrico IV, imperatore del Sacro Romano Impero dell’XI secolo, personaggio storico nel quale il protagonista dice di essersi reincarnato. Quest’ultimo vive ritirato in un catello, dove i suoi amici lo vanno a trovare sperando di riportarlo alla ragione» (Gili). «Al teatro come al cinema, un Enrico IV degno di Pirandello non è possibile senza un grande attore, e Bellocchio ha il merito di averne trovato uno dei più grandi, Marcello Mastroianni, che offre qui la sua interpretazione più riuscita. Io che ho avuto la fortuna di vedere l’Enrico IV di Ruggero Ruggeri, giocato tutto sui silenzi e sulle sfumature, devo dire che Mastroianni è costantemente su questa linea, senza mai gridare anche quando sembra lo faccia, privilegiando il modesto, il sommesso, il raccolto, con una disperazione totale, ma senza suoni, con una lacerazione urlata, ma silenziosa» (Rondi).
Categories: Cinema

Marcello Mastroianni, di Jean A. Gili

Fri, 06/12/2019 - 02:01

19/12/19

MARCELLO MASTROIANNI, di Jean A. Gili Il libro Marcello Mastroianni di Jean A. Gili, edito dal Centro Sperimentale di Cinematografia e da Edizioni Sabinae, è una ricostruzione della carriera del più amato attore italiano corredata da straordinarie foto provenienti dall’Archivio Fotografico della Cineteca Nazionale. Contiene testimonianze, tra gli altri, di Federico Fellini, Sophia Loren, Claudia Cardinale, Ettore Scola, Marco Bellocchio, Liliana Cavani. In occasione della presentazione di giovedì 19 dicembre alla Casa del cinema, ne parleranno – oltre all’autore, massimo studioso francese del nostro cinema, e al Presidente del CSC Felice Laudadio – due cineasti che al CSC si sono diplomati e che hanno realizzato con Mastroianni film importanti: Francesca Archibugi e Marco Bellocchio. ore 16.00 Verso sera di Francesca Archibugi (1990, 99’) «Verso sera è un buon esempio della disponibilità dell’attore, felicissimo di lavorare sotto la direzione di una giovane regista e di avere come partner un’attrice francese nota soprattutto per la collaborazione con Maurice Pialat, Sandrine Bonnaire. Alle origini del progetto, in realtà, la regista per il ruolo del vecchio professore aveva pensato a Vittorio Gassman, trovandolo più adatto per interpretare un intellettuale. Però il produttore del film, Leo Pescarolo, che invece riteneva più consono Mastroianni, gli fece leggere la sceneggiatura e quest’ultimo, entusiasta, riuscì a convincere l’Archibugi a sceglierlo per il ruolo del vecchio intellettuale comunista che si deve confrontare con una nuora turbolenta e una ragazzina che turba la sua serenità. Alla conclusione delle riprese la regista si dichiarò molto soddisfatta del risultato» (Gili). ore 18.00 Incontro moderato da Giorgio Gosetti con Francesca Archibugi, Marco Bellocchio, Jean A. Gili, Felice Laudadio, Walter Veltroni. Nel corso dell’incontro verrà presentato il libro di Jean A. Gili, "Marcello Mastroianni", Centro Sperimentale di Cinematografia, Edizioni Sabinae. a seguire Enrico IV di Marco Bellocchio (1984, 95’) «Girato a Porretta Terme, nei pressi di Bologna, nell’autunno del 1983 e per qualche scena nella primavera del 1984, il film è presentato a maggio al Festival di Cannes, dove riceve un’accoglienza moderata. L’opera, tratta dalla pièce di Luigi Pirandello, evoca la figura di Enrico IV, imperatore del Sacro Romano Impero dell’XI secolo, personaggio storico nel quale il protagonista dice di essersi reincarnato. Quest’ultimo vive ritirato in un catello, dove i suoi amici lo vanno a trovare sperando di riportarlo alla ragione» (Gili). «Al teatro come al cinema, un Enrico IV degno di Pirandello non è possibile senza un grande attore, e Bellocchio ha il merito di averne trovato uno dei più grandi, Marcello Mastroianni, che offre qui la sua interpretazione più riuscita. Io che ho avuto la fortuna di vedere l’Enrico IV di Ruggero Ruggeri, giocato tutto sui silenzi e sulle sfumature, devo dire che Mastroianni è costantemente su questa linea, senza mai gridare anche quando sembra lo faccia, privilegiando il modesto, il sommesso, il raccolto, con una disperazione totale, ma senza suoni, con una lacerazione urlata, ma silenziosa» (Rondi).
Categories: Cinema

Marco Polo - Un anno tra i banchi di scuola

Thu, 05/12/2019 - 22:01
Alle porte di Firenze, nel quartiere periferico dell'Isolotto, nascosto in un grande giardino a pochi metri dal frastuono della superstrada, si trova l'Istituto Tecnico per il Turismo Marco Polo. Ogni mattina 150 professori e 1600 studenti varcano le sue porte per affrontare le sfide con cui la scuola li costringe a fare i conti. Sono le stesse sfide che affrontano ogni giorno milioni di persone in tutto il mondo, che non riguardano solo i programmi da insegnare o le nozioni da imparare, ma l'essenza stessa dell'educazione, il senso della cittadinanza, il valore dell'accoglienza. Questo film è un viaggio attraverso quelle sfide.
Categories: Cinema

Pages