Teatro

Giuseppe Pampieri, Paola Quattrini, Cochi Ponzoni e con Erica Blanc

News su teatro - Ven, 23/08/2019 - 12:35

da 14/11/19 a 17/11/19

Teatro Ciak Roma

Giuseppe Pampieri, Paola Quattrini, Cochi Ponzoni e con Erica Blanc
QUARTET
di Ronald Harwood Patrick Gastaldi


Una commedia ambientata in Italia, culla del bel canto, con protagonisti quattro grandi interpreti d’opera. Famosi, energici, irascibili e, insieme, divertenti, vivono ospiti in una casa di riposo.
Cosa accade quando a queste vecchie glorie viene offerto di rappresentare per un galà il loro cavallo di battaglia, il noto quartetto del Rigoletto di Verdi “Bella figlia dell’amor”?
Tra rivelazioni, confessioni, invenzioni ed il classico coup de théâtre, i quattro troveranno il modo non solo di tornare alle scene, ma di far ascoltare le loro voci, riscoprendosi giovani e gloriosi come un tempo.
 Un gioco teatrale e drammaturgico capace di far ridere, riflettere e commuovere.

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito.

Categorie: Teatro

La cene delle belve

News su teatro - Ven, 23/08/2019 - 11:29

da 07/10/19 a 10/10/19

Teatro Ciak Roma

La cene delle belve
di Vahè Katchà elaborazione drammaturgica Julien Sibre
versione italiana Vincenzo Cerami
regia  Julien Sibre e Virginia Acqua


Nell’Italia del 1943, durante l’occupazione tedesca, un gruppo di amici festeggia in allegria il compleanno di uno di loro, per staccare la mente dalle tragedie della guerra.
Il genio di Katchà ci dipinge senza compiacimento la natura umana, con un realismo crudo in cui l’ironia non è mai assente, e, di fronte all’orrore affrontato con derisione, lo spettatore ride molto di questi piccoli personaggi. 

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito.

Categorie: Teatro

Nodo alla gola

News su teatro - Ven, 23/08/2019 - 11:15

da 17/10/19 a 03/11/19

Teatro Ciak Roma

Nodo alla gola
di Patrick Hamilton
Regia di Raffaele Castria

Ispirato a un caso di cronaca nera (il delitto Leopold-Loeb) e tratto da un lavoro teatrale (1929) di Patrick Hamilton, Nodo alla gola rimane uno dei film più innovativi e coraggiosi mai realizzati da Sir Alfred Hitchcock.
Nodo alla gola è tante cose, un esperienza teatrale onirica e terribile, in cui il tema dell’occultamento, in un atmosfera quasi fatua, dandy, umoristica, rivela l’abisso, l’orlo del baratro della coscienza.

Il pubblico vede ciò che gli occhi dei personaggi non possono vedere.
Nodo alla gola è humor nero senza cadute di stile, uno spettacolo godibile a tutti i livelli, è un Hitchcock oscuro che da vita a personaggi critici e sofferenti.

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito.

Categorie: Teatro

Romeo e Giulietta

News su teatro - Ven, 23/08/2019 - 10:50

da 03/10/19 a 13/10/19

Teatro Ciak Roma

Romeo e Giulietta
scritto e diretto da Gianni Clementi
con Enzo Ardore,  Alessio D'AmicoEdoardo Frullini ,Giulia fiume, Federico Maria Galante,Federico le Pera, Daniele locci,Gianmarco Vettori , Luca Paniconi, Simone pulcini , Luna romani ,kabir Tavani,  Daniele Trombetti con la partecipazione straordinaria di  Stefano Ambrogi.

Romeo l’ultrà e Giulietta l’irriducibile. Un titolo che prende solo a prestito i due appellativi Ultrà e Irriducibile (come fece Shakespeare con i Montecchi e Capuleti) per indicare due fazioni opposte, annebbiate da un odio reciproco talmente radicato ed insensato, da sconfiggere la purezza e l’amore di due ragazzi. Un testo in versi, che segue le linee guida del classico shakespeariano ma usa un linguaggio decisamente popolare, in fin dei conti una storia “coatta”, che vive in una Roma popolare, periferica, dove i ragazzi guardano alla domenica calcistica, alla loro fede sportiva, come il fine ultimo della loro esistenza.

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito

Categorie: Teatro

Noi mille volti e una bugia

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 17:01

27/04/20

Teatro Brancaccio

GIUSEPPE GIACOBAZZI

NOI MILLE VOLTI E UNA BUGIA

DI E CON ANDREA SASDELLI
COLLABORAZIONE AI TESTI CARLO NEGRI
DA UN’IDEA DI FABRIZIO ISEPPATO

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera.

Un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni di convivenza a volte forzata.

25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie, sempre spettatori e protagonisti di un’epoca che viaggia a velocità sempre maggiore. Dove in un lampo si è passati dalla bottega sotto casa alle “app” per acquisti, dal ragù sulla stufa ai robot da cucina programmabili con lo smartphone; il tutto vissuto dall’uomo Andrea e raccontato dal comico Giacobazzi. Come in uno specchio, o meglio come in un ritratto (l’omaggio a Dorian Gray è più che voluto), dove questa volta ad invecchiare è l’uomo e non il ritratto.

Sono proprio questi i “NOI” che vediamo riflessi nei nostri mille volti (i rimandi letterari non mancano, dal già citato Wilde a Pirandello, da Orwell a Hornby), convivendo, spesso a fatica con la bugia del compiacerci e del voler piacere a chi ci sta di fronte.

È uno spettacolo che con ironia e semplicità cerca di rispondere ad un domanda: “Dove finisce la maschera e dove inizia l’uomo?”, che poi è il problema di tutti, perché tutti noi conviviamo quotidianamente con una maschera.

Categorie: Teatro

Il meglio di Barbara Foria..deve ancora venire!!

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:46

01/04/20

Teatro Brancaccio

BARBARA FORIA

“IL MEGLIO DI BARBARA FORIA..DEVE ANCORA VENIRE!!”

Collaborazione testi Stefano Vigilante
Regia di Claudio Insegno

Approda  per una one night al Teatro Brancaccio la prorompente comicità dell’attrice napoletana con il meglio della sua produzione artistica e dei suoi personaggi.

“IL MEGLIO DI…” raccoglie il meglio dei monologhi che Barbara Foria ha scritto e portato in scena nell’ultimo decennio nei migliori teatri italiani.

Uno spettacolo che contiene tutte le risposte alle domande che nessuno le ha mai fatto. Perché il problema, checché ne dica la Mannoia, non è tanto quello che le donne non dicono, ma quello che le donne dicono e gli uomini non capiscono!

Per fortuna con l’età si diventa più saggi e così impari finalmente a vivere; impari a mostrare gli anni e nascondere i danni; impari che quando la vita ti offre limoni la cosa migliore è cercare qualcuno da limonare; impari che la forma dell’amore non e’ a cuore ma rotonda, un po’ come la sua pancia ed i tuoi fianchi, e ti accorgi così che innamorarsi a 20 anni significa avere tanti sogni nel cassetto, ma superati i 40 in quel cassetto trovi solo un sacco di medicine ordinanatamente disposte in ordine alfabetico.

In fondo va bene così: il compito di renderci felici non spetta agli altri, ma a noi stesse.

Dobbiamo solo cominciare a farci del bene: non fiori, ma sandali di Jimmy Choo, non massaggi, ma viaggi a Cuba!

Categorie: Teatro

Mi piace...di più

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:42

31/03/20

Teatro Brancaccio

MI PIACE… DI PIU’ è lo spettacolo che Gabriele Cirilli propone per la prossima stagione 2019/2020 ripartendo dal successo della stagione appena trascorsa.

Uno spettacolo si costruisce nel tempo.

Si allestisce e si perfeziona, replica dopo replica, e non c’è mai una fine nella ricerca della rappresentazione perfetta, perché ogni replica è un debutto, una prova d’attore che Gabriele non disattende mai.

MI PIACE… DI PIU’ si dipana attraverso il backup del cellulare di Gabriele. Scorrono velocemente delle immagini che danno spunto per parlare di cose, di persone, di avvenimenti, vissuti o immaginati con un ritmo veloce e piacevole. Il filo conduttore dello spettacolo è la RISATA, che si diffonde contagiando immancabilmente anche lo spettatore più scettico e serio.

Il coinvolgimento è totale anche perché chi può rimanere indifferente a un “MI PIACE”.

Continuamente apprezziamo o siamo apprezzati, giudichiamo e veniamo giudicati.

MI PIACE è la parola chiave della nostra esistenza! Se PIACI o ti PIACE è fatta!

“MI PIACE il palcoscenico, il rumore delle assi di legno che cigolano sotto i miei passi.

MI PIACE il momento in cui sto per entrare in scena in cui il panico si mescola con la scarica elettrica della sfida che sto per affrontare.

MI PIACE il calore dell’applauso, e soprattutto lo scoppio della risata che consacra ogni goccia di sudore e mi fa sentire al settimo cielo.

Questo spettacolo è il mio show col quale riesco ad abbracciare il pubblico fino a portarlo dopo due ore in camerino da me soddisfatto, appagato, stupito, colpito, ammirato, basito, sorridente, insomma GUARITO per un paio d’ore dalla quotidianità che non è sempre così divertente. MI PIACE sentire a fine spettacolo “Che bello, mi sono divertito tantissimo. Ho riso per due ore”.

E questo, devo dire, è la cosa che MI PIACE… DI PIU’!”

Categorie: Teatro

Che disastro Peter Pan

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:25

da 25/03/20 a 11/04/20

Teatro Brancaccio

Che disastro Peter Pan

DALLA COMMEDIA ORIGINALE DI J.M.BARRIE

di HENRY LEWIS, JONATHAN SAYER E HENRY SHIELDS TRADUZIONE ENRICO LUTTMANN
Regia di ADAM MEGGIDO

Dal 2016 il pubblico di tutta Italia apprezza ed applaude il “tragico” cast di Che disastro di commedia - versione Italiana del pluripremiato successo planetario The play that goes wrong, - rappresentata con successo al Teatro Brancaccio, dove una compagnia amatoriale nel corso della recita è sottoposta a una serie di imprevisti che mettono a dura prova la loro professionalità.

Dagli stessi autori, arriva CHE DISASTRO PETER PAN, versione Italiana della commedia inglese campione d’incassi Peter Pan goes wrong e promette di aumentare il caos e le risate che ne scaturiscono, determinando l’ennesimo fallimento della sgangherata Compagnia amatoriale dello sperduto “Sant’Eufrasio Piedimonte”, compagnia che si ripropone ancora più ambiziosa rispetto al passato.  Quando il regista apparirà sul palcoscenico, con il suo assistente/co-regista si inizieranno a percepire le tensioni alla base di questa ennesima, tentata, impresa teatrale. Come per Che disastro di commedia, le porte non si apriranno, gli oggetti scompariranno per ricomparire altrove, gli effetti sonori saranno inevitabilmente anticipati o ritardati e gli attori, impegnati in ruoli multipli, combatteranno ancora una volta contro inconvenienti tecnici e non ricordando le battute, intrappoleranno gli altri in “loop” esasperanti. Una farsa che cela un intenso lavoro sugli attori e trucchi teatrali sorprendenti.

Lanciandoci velocemente nella produzione di CHE DISASTRO PETER PAN, capiremo in pochi minuti che è anche questa miseramente destinata a fallire… Ennesima condanna per attori, registi e produttori, pièce d'oro per tutti noi. Mai un momento di noia: lo spettacolo è una farsa e la farsa un vero spettacolo, vietato a chi teme di morire dal ridere.

Prepariamoci per questo viaggio (o semplicemente una caduta) a “Neverland”.

Categorie: Teatro

Instant theatre® 2019

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:19

24/02/20

Teatro Brancaccio

Instant theatre® 2019

Prodotto da ITC2000, da un’idea di Enrico Bertolino e Luca Bottura

Enrico Bertolino ha iniziato da oltre tre anni a cimentarsi in una formula teatrale innovativa, ideata insieme a Luca Bottura, e portata con successo nei teatri delle principali città italiane tra cui Roma, Milano, Bologna, Genova, Torino e Verona. Si tratta dell’ instant theatre®, spettacolo in cui narrazione, attualità, umorismo, storia, costume, cronaca, comicità, politica e satira si incontrano sulle assi di un palcoscenico.

Il teatro diventa così luogo di informazione satirica strettamente legata all’attualità, e lo spettacolo un percorso di conoscenza di un tema politico o sociale, un “tutorial” col sorriso sulle labbra, particolarmente indicato per chi, come lo stesso Bertolino, gronda certezze e dubbi equamente ripartiti. Novanta minuti di spettacolo per chiarirsi le proprie convinzioni e farsene delle nuove.​

Categorie: Teatro

Parla forte, non ti sento! - Teatro Ragazzi

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:16

da 04/12/19 a 16/12/19

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Parla forte, non ti sento!
uno spettacolo di Annalisa Bianco
con Sveva Tedeschi, Luca Ferrini e 4 attori da definire

Questo progetto teatrale è rivolto alle scuole medie e superiori e parte dal tema della paura e delle differenti reazioni ad essa. La paura è l’emozione predominante del nostro secolo che tende a dare spazio ad altre due emozioni primarie quali la rabbia e la tristezza, rischiando di soppiantare la felicità. Paura, rabbia e tristezza portano ad avere comportamenti sempre più distruttivi e auto distruttivi, quali dipendenze, violenza otre ad un sentimento di frustrazione e razzismo di fronte non solo alla razza ma anche alla disabilità o alla diversità. La paura provoca tensione, uno stato di allerta continuo, un senso di offuscamento della realtà, ci spinge quindi a chiuderci in noi stessi e ad alzare barriere verso gli altri. La paura per essere vinta deve essere innanzitutto vista e affrontata. Proprio per questi motivi lo spettacolo deve partire dai ragazzi, dall’ascolto delle loro voci e delle loro percezioni.

ideazione e supervisione del progetto Carlotta Mattiello
consulenza Dott. Luigi Guerisoli
coordinamento Nicola Bianco

Produzione Alt Academy, Teatro di Roma - Teatro Nazionale

Categorie: Teatro

Notte di follia

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:13

da 12/03/20 a 15/03/20

Teatro Ciak Roma

Notte di follia

Corrado Tedeschi e Debora Caprifoglio
Da Nuit d’ivresse di Josiane Balasko
Regia Antonio Zavatteri 

Un incontro inatteso al bar della stazione. Jacques, noto conduttore televisivo, beve per dimenticare e, sotto gli occhi di un barista irriverente, importuna una cliente. Lei, da poco uscita di prigione, non si lascia mettere i piedi in testa. Due persone agli antipodi, sole e accomunate dallo stesso segreto…Tratto da Nuit d’ivresse di Josiane Balasko, attrice e autrice francesce di cinema e teatro fra le più acclamate, Notte di follia è un testo di grande intelligenza e divertimento, che si sposa particolarmente bene con una coppia affiatata come Caprioglio e Tedeschi.

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito.

Categorie: Teatro

Innamorato perso

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 16:09

da 12/02/20 a 22/03/20

Teatro Brancaccio

Innamorato perso

Dopo il grandissimo successo della tournée con cui, da dicembre 2018 ad aprile 2019, ha fatto ridere ed emozionare il pubblico italiano nei palazzetti di ben 14 città lungo tutta l’Italia, il “Biglietto d’Oro” ENRICO BRIGNANO si prepara a tornare con “INNAMORATO PERSO”, l’acclamatissimo one-man-show prodotto da Max Produzioni in collaborazione con Vivo Concerti, che lo vedrà protagonista sul palco del Teatro Brancaccio di Roma con nuove date speciali.

C’è qualcosa di più bello di essere innamorato? Di sentire quell’emozione crescere dentro di sé, con le mani che sudano, le ginocchia che tremano, la salivazione azzerata e la lingua felpata… tutti sintomi che indicano l’innamoramento. O la malaria. Dal momento che il medico ha escluso qualsiasi malattia, è apparso evidente che Brignano fosse in preda a un folle innamoramento. Che è totale, a 360 gradi: innamorato della sua bambina, dell’esistenza, del suo lavoro, della sua donna, del mondo, di tutto e di più. E oggi parlare d’amore in tempi di haters, di odio social, di polemiche, di baruffe politiche e di disastri ambientali, è davvero rivoluzionario. Enrico è un innamorato perso con la testa tra le nuvole, ma i piedi per terra; trascorre oltre due ore insieme al suo pubblico, con un corpo di ballo scatenato, al ritmo di musiche originali, circondato da scene fatte di schermi su cui luci e immagini prendono forma. Più che uno spettacolo, un’esperienza indimenticabile. Ridere non è mai stato così emozionante.

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito del teatro

Categorie: Teatro

La storia di tutte le storie - Teatro Ragazzi

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 15:54

da 20/11/19 a 01/12/19

Teatro India - Teatro di Roma

La storia di tutte le storie
da Gianni Rodari
adattamento di Attilio Marangon e Roberto Gandini
regia Roberto Gandini
con Jessica Bertagni, Maria Teresa Campus, Fabrizio Lisi, Edoardo Maria Lombardo,
Gabriele Ortenzi, Daniel Panzironi, Fabio Piperno, Giulia Tetta, Danilo Turnaturi


La storia di tutte le storie è il racconto di un viaggio che Arlecchino, Pulcinella, Colombina e Balanzone compiono alla ricerca de “L’Uomo che non c’è”. Durante il viaggio i quattro protagonisti saranno aiutati da Pierrot e da “Il Bambino sperduto”, mentre verranno ostacolati dai cattivi, Pantalone e Smeraldina. Il viaggio toccherà molte tappe: il paese delle paure, il mercato delle parole, l’ospedale e altri luoghi. Arriveranno poi sulla luna e lì, vedendo il perfido Pantalone che imperversa sulla terra, decideranno di tornare indietro per sconfiggerlo.
Considerato il capolavoro teatrale di Gianni Rodari, il testo viene scritto nel 1976 in collaborazione con un gruppo di artisti di primissimo piano: Emanuele Luzzati, Gianni Fenzi, Angelo Corti, Mara Baronti, Sebastiano Tringali e altri. Il gruppo crea le premesse di questo capolavoro improvvisando con i bambini delle scuole elementari di La Spezia all’interno del Centro Allende. Rodari scrive in una nota al testo «Ho sempre creduto che il teatro deve nascere a teatro. Scrivere un testo teatrale non è come scrivere una favola. Non basta il vocabolario» e poi, lamentando la fretta con cui aveva dovuto consegnare il testo definitivo «posso dichiarare che La storia di tutte le storie non si può considerare un testo teatrale finito, ma piuttosto la materia prima per un testo teatrale per l’immaginazione di un regista, o di una compagnia teatrale, o di un gruppo di ragazzi messi in grado di usarne liberamente». Il lavoro dei ragazzi con e senza disabilità del Piero Gabrielli è iniziato prendendo alla lettera il consiglio di Gianni Rodari «Usarne liberamente!». I primi incontri sono avvenuti in compagnia dei bambini di tante scuole elementari romane a cui è stato chiesto: «E dopo essere stati nel Paese delle paure e nel mercato delle parole, i nostri amici in che paese arrivavano?» Le improvvisazioni che ne sono scaturite hanno fatto nascere Il paese di Internet dove Arlecchino, Colombina, Pulcinella e Balanzone, si salvano da Pantalone che si è travestito da virus informatico. Certo le maschere del teatro di Rodari non sono quelle dei canovacci rinascimentali, né quelle dei testi goldoniani o gozziani, nascono surrealisticamente dalle uova e affrontano gli ostacoli della vita con ingenuità e acume, imparando da sole come ci si comporta nel mondo, come si sta con agli altri, come si affrontano le paure. Questo avviene utilizzando sia il registro comico, sia quello poetico, che permette ai giovani “attori sensibili” del Piero Gabrielli di condividere con il pubblico la voglia di ridere delle difficoltà della vita.

musiche Roberto Gori - scena Paolo Ferrari - costumi Tiziano Uno
consulente specialistico Maria Irene Sarti, consulente pedagogica Anna Leo
Produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale - Piccola Compagnia del Piero Gabrielli

 

Categorie: Teatro

Habiba la magica - Teatro Ragazzi

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 15:36

da 14/11/19 a 17/11/19

Teatro India - Teatro di Roma

Habiba la magica
dal romanzo di Chiara Ingrao
drammaturgia di Marta Gilmore
con la collaborazione di Chiara Ingrao
regia Marta Gilmore
con Tony Allotta, Maria Panatta e un’attrice in via di definizione

Adattamento per il teatro dell’omonimo romanzo di Chiara Ingrao, Habiba la magica, racconta la storia di una bambina afro-italiana che vive nel quartiere romano di Torpignattara.
Habiba è arrivata in Italia nella pancia della sua mamma, ma durante la traversata ha perso il papà. Vive in bilico fra due identità, è romanista mentre la sua amica è laziale, ha una zia tradizionalista e una mamma moderna ma severa, che la critica perché è troppo fifona. Un giorno Habiba riceve un dono da una strega in pensione mascherata da “gattara”: una scopetta parlante, che le insegnerà a superare le sue paure, a ridere dei prepotenti, a volare sulla città risvegliandone i monumenti. Ma proprio quando si sente più forte, Habiba si troverà da sola, ad affrontare pericoli e scelte difficili. Dovrà chiedere aiuto a i suoi amici, ai compagni di gioco del cortile e del quartiere – Silvia, Suvadra, Cesare, Mei Li, Rajiv – bambine e bambini romane e romani tutti, perché a Roma vivono e crescono, ciascuno con la sua storia, il suo nome, le sue origini.
Unendo le forze contro una banda di delinquenti scopriranno che non c’è niente di più forte e di più magico di una squadra che gioca insieme e si diverte, come la “magica Roma” di cui la piccola Habiba è tifosa sfegatata. Lo spettacolo coinvolge i bambini non solo come spettatori ma anche come partecipanti attivi al rito teatrale al quale sono stati invitati. La storia è infatti portata in scena da tre performer che si prestano ad un gioco meta-teatrale di trasformazioni continue, dando corpo e voce a una pluralità di personaggi e alternando interpretazione e narrazione, anche grazie al contributo visivo di video-proiezioni. Non semplici proiezioni ma rielaborazioni in computer grafica dei materiali (disegni, sagome di cartone, bambole...) realizzati nel corso degli ultimi anni dai bambini di molte scuole di diverse regioni d’Italia, che hanno preso parte a progetti di lettura del romanzo di Chiara Ingrao. Questi materiali sono stati raccolti negli anni dall’autrice e messi a disposizione del progetto artistico di questo spettacolo. Uno spettacolo le cui scenografie saranno dunque realizzate in parte dai bambini stessi, che sono e restano i veri protagonisti di questa storia di integrazione e di crescita – individuale e collettiva.

Protagonisti in ogni senso, al punto da venire coinvolti attivamente durante lo spettacolo, quando in diversi momenti, saranno chiamati ad interagire direttamente con i performer, configurando questo progetto anche come una forma di sensibilizzazione e alfabetizzazione ai linguaggi della scena contemporanea, che sempre più interroga la divisione tra attore e spettatore, tra processo e prodotto.
Il progetto nasce da un laboratorio di musica e teatro per bambini organizzato dal Teatro di Roma all’interno di “Roma Città Mondo - Festa teatrale dell’intercultura” a giugno del 2018 e condotto da Marta Gilmore di Isola Teatro insieme a Giuliano Stacchetti, musicista e operatore musicale del Centro Didattico Musicale di Roma.

dai 6 anni

videoproiezioni a cura di Andrea Gallo
Produzione Isola Teatro

Categorie: Teatro

Pazzo ad arte

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 12:22

05/10/19

Teatro Villa Pamphilj

Pazzo ad arte

Frammenti di vita che ci “ri-guardano” liberamente tratto da alcune scene dell’Amleto di William Shakespeare
di Alessandra Niccolini e Giuseppe Pestillo
con Giuseppe Pestillo
Azione scenica per un solo attore.
L’attore diventa, di volta in volta, personaggi diversi del dramma: Amleto, Laerte, Polonio, Claudio, il becchino… scegliendo tra il pubblico i suoi interlocutori: Laerte, Ofelia, Rinaldo, Gertrude…

Categorie: Teatro

La stella di casa

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 11:26

da 13/05/20 a 24/05/20

Teatro Tirso de Molina

La stella di casa
con Danilo de Santis, Roberta Mastromichele, Pietra Scornavacchi, Francesca Milani
Pietro Scornavacchi, Francesca Milani
Regia di Danilo De Santis


Gustavo e Isabel si amano e sono entrambi attori. Lui riesce ad ottenere solo piccoli ruoli, mentre Isabel arriva in fondo ai provini ma alla fine scelgono sempre un’altra. Paola e Francesco sono i nuovi vicini di casa, subentrati ad un’anziana e inquietante padrona di quell’appartamento. I due nuovi inquilini hanno una vita semplice scandita dal lavoro e dall’ossessione per le serie tv. Gustavo e Isabel sono sul lastrico ma una telefonata cambia per sempre le loro vite e quella dei vicini. Il rapporto tra i quattro prenderà una piega inaspettata. 

Programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Categorie: Teatro

Amore mio aiutami

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 11:26

da 21/09/19 a 22/09/19

Teatro Tor Bella Monaca

Amore mio aiutami

Liberamente ispirato al soggetto di Rodolfo Sonego
adattamento teatrale Renato Giordano
con Corrado Tedeschi, Debora Caprioglio, Loredana Giordano
e con Roberto D’Alessandro, Antonio Friello
regia Renato Giordano
costumi Alessandro Lai
musiche Saverio Martucci

La Pirandelliana

Liberamente ispirato alla sceneggiatura di Rodolfo Sonego, da cui il film del 1969 diretto da Alberto Sordi e interpretato da Alberto Sordi e da Monica Vitti. Amore mio aiutami è la classica commedia all’italiana degli anni 60. La vicenda è grottesca ma (tragicamente) potenzialmente reale. Giovanni e Raffaella formano una coppia affiatata e rodata da dieci anni di matrimonio; la relazione va però in crisi allorché Raffaella si innamora di un altro. Confidando sulla comprensione del marito, che si vanta da sempre per il suo essere moderno, aperto e razionale, chiede il suo aiuto.

Categorie: Teatro

La grande magia

News su teatro - Gio, 22/08/2019 - 11:22

da 18/12/19 a 05/01/20

Teatro Argentina - Teatro di Roma

La grande magia
di Eduardo De Filippo
regia Lluis Pasqual
con Nando Paone, Claudio Di Palma, Alessandra Borgia
Gino De Luca, Angela De Matteo, Gennaro Di Colandrea
Luca Iervolino, Ivana Maione, Francesco Procopio
Antonella Romano, Luciano Saltarelli, Giampiero Schiano
fisarmonica e voce Dolores Melodia
chitarra, mandolino e voce Raffaele Giglio


Un grande omaggio a Eduardo firmato da Lluís Pasqual che porta in scena La grande magia, testo del 1948, fra i primi della lucida e cupa Cantata dei giorni dispari. Una lezione di verità strepitosa in cui la risata indulgente sui vizi e i difetti dell’umanità si trasforma in una caustica denuncia dei miserevoli comportamenti umani e delle loro conseguenze. Sul palco il «giuoco eterno» della tragedia della vita, con le sue atroci, brillanti e feroci illusioni.


scene e costumi Alejandro Andujar
luci Pasqual Merat
aiuto regia Rosario Sparno
direttore di scena Silvio Ruocco

Produzione Teatro Stabile di Napoli - Teatro Nazionale

Categorie: Teatro

Pagine