Cinema

Bill Viola: The Road To St Paul's

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 22:01
Categorie: Cinema

Septiembre, di Kennet Müller

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

14/10/18

Septiembre, di Kennet Müller Guatemala, 2017, 70' Septiembre è un dramma basato su eventi reali che racconta la storia dell'amore tra un padre e sua figlia che intraprendono un viaggio di lotta per sopravvivere in uno dei momenti più difficili del conflitto armato interno del Guatemala. Theresa era sorda a 3 mesi di età e ha perso la madre nel mezzo di un attacco terroristico perpetrato dai guerriglieri il 5 settembre 1980. REGIA: Kenneth Müller SCENEGGIATURA: Victor Dryere INTERPRETI: Saúl Lisazo, Mario Zaragoza, Costanza Andrade, Camila Müller, Juan Pablo Olyslager Kenneth Müller Ha studiato all'Università del Valle del Guatemala ingegneria elettronica e successivamente cinema presso la Digital Design University di Guadalajara, in Messico. Il suo primo lungometraggio "12 segundos" nel 2014 ha ottenuto diversi riconoscimenti all'Ícaro Festival nelle categorie miglior lungometraggio di finzione centroamericana, migliore produzione, migliore arte, miglior suono, miglior musica e una menzione speciale come regista. Una delle sue produzioni più recenti è "Septiembre, un llanto en silencio", che è stato girato a Città del Guatemala e ha visto la partecipazione di artisti nazionali e internazionali
Categorie: Cinema

Keila, di Viviana Gómez Echeverri

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

14/10/18

Keila, di Viviana Gómez Echeverri Colombia, 2017, 90' Keyla è un'adolescente che vive a Providencia, una piccola isola dei Caraibi colombiani dove vive una comunità di discendenti africani, spagnoli e pirati inglesi. Un giorno suo padre va a pescare, ma non torna. Mentre lo cerca, Keyla riceve una visita inaspettata: l'ex moglie del padre viene dalla Spagna con il fratellastro e la ragazza è costretta a riceverli. Questa è la storia di una famiglia distrutta che si ricongiunge alla scomparsa di uno dei suoi membri. REGIA: Viviana Gómez Echeverry SCENEGGIATURA: Viviana Gómez Echeverry INTERPRETI: Mercedes Salazar, Anthony Assaf Howard, Elsa Whitaker Sanchez, Norvel Walters, Sebastián Enciso, Felipe Cabeza Viviana Gómez Echeverry Viviana Gómez Echeverry è una regista, sceneggiatrice e cineasta colombiana. Ha studiato Comunicazione Sociale all'Università Javeriana di Bogotà, dove attualmente insegna. Si è specializzata in cinematografia, ha scritto e diretto due cortometraggi, "Exotic Tropical" e "16th Birthday" e ha co-diretto il documentario "Life is Sacred". Ha diretto e scritto il suo primo lungometraggio "Keyla". Ha anche lavorato come fotografa in diversi documentari come "The Eternal Night of 12 Moons " e "Neonatal".  
Categorie: Cinema

No sé decir adios, di Lino Escalera

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

14/10/18

No sé decir adios, di Lino Escalera Spagna, 2017, 96' Carla riceve una telefonata da sua sorella: suo padre, con il quale non ha parlato a lungo, è malato. Lo stesso giorno, Carla prende un volo per Almería, nella sua casa d'infanzia. Lì, i dottori danno al loro padre alcuni mesi di vita. Rifiuta di accettarlo e contro l'opinione di tutti, decide di portarlo a Barcellona per curarlo. Entrambi intraprendono un viaggio per sfuggire a una realtà che nessuno osa affrontare. E sarà in quel volo dove finiranno per ritrovarsi, dove alla fine potranno salutare. REGIA: Lino Escalera SCENEGGIATURA: Lino Escalera, Pablo Remón INTERPRETI: Nathalie Poza, Juan Diego, Lola Dueñas, Pau Durà, Miki Esparbé, César Bandera, Noa Fontanals Fourgnaud, Marc Martínez, Oriol Pla, Greta Fernández, Emilio Palacios, Pere Brasó, Miguel Guardiola, Bruno Sevilla, Darien Asian, Xavi Sáez Lino Escalera Ha studiato economia presso l'Università di Madrid e cinema alla New York University, seguito da corsi di regia e sceneggiatura presso la Scuola di cinema e televisione di San Antonio de los Baños (Cuba).Tra il 2001 e il 2003 produce e dirige il suo primo cortometraggio "Space 2" lavorando anche come assistente alla regia in spot pubblicitari. Successivamente, nel 2007, lavora come direttore delle pubblicità e produce il suo secondo cortometraggio "What Elena Wants". Nel 2016 ha diretto il suo primo lungometraggio, "No Sé Decir Adiós", presentato al XX Festival del cinema spagnolo di Malaga ricevendo diversi riconoscimenti e premi.    
Categorie: Cinema

A Fabrica de nada, di Pedro Pinho

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

29/09/18

A fabrica de nada di Pedro Pinho, 2017, 178’ v.o. sott. it Con: José Smith Vargas, Carla Galvão, Daniele Incalcaterra Una notte un gruppo di operai scopre che la direzione della fabbrica in cui lavorano ha organizzato il furto dei macchinari. Capendo che si tratta di un inequivocabile segno dell’imminente fallimento della ditta, alcuni di loro rifiutano la buona uscita e occupano la fabbrica. Con loro grande sorpresa, però, i dirigenti spariscono nel nulla, lasciandoli soli a decidere come gestire una fabbrica mezza vuota, in un mondo dove la crisi sta riscrivendo le regole dell’economia del lavoro.
Categorie: Cinema

São Jorge di Marco Martins, 2016, 128’

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

29/09/18

São Jorge di Marco Martins, 2016, 128’ v.o. sott. it Con: Nuno Lopes, Mariana Nunes, David Semedo Nel 2011 il Portogallo comincia l“anno della Troika” (la ristrutturazione economica imposta da Ue, Fmi e Bce), che fece raggiungere ai portoghesi picchi di debito sconcertanti, con un numero crescente di famiglie e società impossibilitate a restituire i prestiti. Jorge è un pugile disoccupato sul punto di perdere  figlio e moglie, che medita di tornare in Brasile. Per ripagare i debiti e convincere la moglie a restare in Portogallo, Jorge accetta il lavoro di esattore con un’agenzia di riscossione debiti che lo trascinerà in un mondo di violenza e crimini.
Categorie: Cinema

Ramiro di Manuel Mozos, 2017, 104’

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

30/09/18

Ramiro di Manuel Mozos, 2017, 104’ v.o. sott. it Con: António Mortágua, Madalena Almeida, Fernanda Neves Ramiro è un libraio di Lisbona e poeta in perpetuo blocco creativo. Vive, tra frustrazione e conformismo, tra il suo negozio e l'osteria, accompagnato dal suo cane, dai fedeli compagni di bevuta e dalle vicine: un’adolescente incinta e la nonna convalescente da un ictus. Lui continuerebbe di buon grado questa vita quotidiana pacata e anacronistica, ma degli eventi degni di una telenovela invadono questa bolla.
Categorie: Cinema

Programma di cortometraggi

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

30/09/18

Programma di cortometraggi v.o. sott. it A Glória De Fazer Cinema Em Portugal (La gloria di fare cinema in Portogallo) Portogallo 2015, 16' regia: Manuel Mozos Il 18 settembre 1929 lo scrittore portoghese José Régio inviò una lettera ad Alberto Serpa esprimendo il suo desiderio di produrre film. Nella lettera chiede di contattare un amico che possedeva una macchina da presa. Per quasi novant'anni non si è saputo più nulla del risultato: nessuna risposta di Serpa fu mai trovata e Régio non menzionò mai più l'argomento. Tuttavia, la scoperta di alcuni vecchi rulli di pellicola nel tesoro di un collezionista sembra fornire la fine della storia. Inventário De Natal (Inventario di Natale) Portogallo 2000, 23' regia: Miguel Gomes Un 25 dicembre di metà anni ottanta. La famiglia si riuniva nella casa dei nonni. Quando avevo dodici anni sognavo di mettere in movimento le foto del presepe. Con questo film ho cercato di fare lo stesso con i ricordi dei miei cugini e parenti, con quella casa e con quei rituali. È un finto documentario e un finto film d'animazione, una semi-fiction sui bambini che vanno in guerra, suonano musica e vanno oltre. Rapace (Rapacità) Portogallo 2006, 25' regia: João Nicolau Finito un master in antropologia, Hugo trascorre le giornate a riposare il cervello dopo la lettura senza fine di testi di autori sconosciuti. La sua unica compagnia è Luisa, la donna delle pulizie, con la quale gioca al gatto col topo. Per sfuggire al sonno della ragione - che crea mostri -, Hugo esercita la sua vena lirica scrivendo, con il suo amico Manuel, canzoni sul loro quartiere. Il calmo dilettantismo del protagonista è scosso da Catarina, una giovane e bella traduttrice che sta iniziando la sua vita professionale come libera professionista. Hugo vacilla. In alto aleggia un falco. Non è l'unico rapace che può farlo. A Brief History Of Princess X (Breve storia della principessa X) Portogallo, Regno Unito, Francia 2016, 7' regia: Gabriel Abrantes La storia straordinaria dell'opera dello scultore Constantin Brancusi, la famigerata "Principessa X": un futuristico fallo bronzeo che è in realtà il ritratto di un busto della bisnonna di Napoleone, Marie Bonaparte.
Categorie: Cinema

Cartas de guerra di Ivo Ferreira, 2016, 105’

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

30/09/18

Cartas de guerra di Ivo Ferreira, 2016, 105’ v.o. sott. it Con: Miguel Nunes, Margarida Vila-Nova, Ricardo Pereira 1971, Antonio viene arruolato nell’esercito come medico in uno dei peggiori scenari della guerra coloniale, l’Angola Orientale. Conosceremo la sua storia, i suoi tormenti e le sue speranze attraverso le lettere che per due anni invia a Maria Josè, la sua amata rimasta in Portogallo. Basato nella raccolta di lettere di António Lobo Antunes, uno dei più importanti scrittori di lingua portoghese, Cartas da Guerra é una profonda e affascinante riflessione su una delle pagine più fosche della storia portoghese.
Categorie: Cinema

Verão Danado di Pedro Cabeleira, 2017, 128’

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

30/09/18

Verão Danado di Pedro Cabeleira, 2017, 128’ v.o. sott. it Con: Pedro Marujo, Lia Carvalho, Ana Valentim L’estate di Chico comincia nella casa di campagna con i suoi nonni, all’ombra di un albero di limoni. Ma questa è solo una parentesi. La sua vita ormai è a Lisbona, dove si è laureato e dove dovrebbe cercare lavoro. Chico trascorre invece pomeriggi oziosi e infinite serate in giro per la città, con gli stupefacenti e la musica a creare atmosfere psichedeliche che rimandano eternamente l’arrivo dell’età adulta.
Categorie: Cinema

LUSO! MOSTRA ITINERANTE DEL NUOVO CINEMA PORTOGHESE

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

da 29/09/18 a 30/09/18

LUSO! MOSTRA ITINERANTE DEL NUOVO CINEMA PORTOGHESE Per la prima volta in Italia una rassegna itinerante di nuovo cinema portoghese. Luso! propone infatti la circolazione di cinque opere contemporanee e rappresentative della cinematografia lusitana. Il Portogallo sta vivendo un momento di grande attenzione internazionale ed è diventato una meta turistica anche per tanti italiani, ma la cinematografia del paese non è ancora molto conosciuta dal pubblico dei cinema. Luso! svelerà quindi una cultura e un cinema per tanti ancora sconosciuti ma di grandissimo valore e interesse. I cinque film ed i quattro cortometraggi che abbiamo selezionato, dopo la prima nazionale a Roma alla Casa del Cinema, gireranno tutta l'Italia grazie ai cinema che hanno aderito al nostro esperimento: una rassegna che non ha una sede fissa ma si muove in città e sale diverse, attraverso una rete di cinema, cineclub, centri cinematografici e università. I film scelti, diversi ed eterogenei tra di loro, racconteranno il Portogallo di oggi e le storie del passato, attraverso sguardi autoriali ed originali di giovani registi ed interpreti.
Categorie: Cinema

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni. "El Grito", 100'

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

13/10/18

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni. "El grito", Leobardo López Arretche Messico, 1968-1970, 100' Testimonianza del movimento studentesco del 1968 a Città del Messico, dal mese di luglio fino alla strage del 2 ottobre a Tlatelolco. Include immagini delle dimostrazioni e della repressione fino all'inaugurazione dei Giochi Olimpici del 1968. SCENEGGIATURA: Oriana Fallaci, Consejo Nacional de Huelga PRODUZIONE: Centro Universitario de Estudios Cinematográficos de la Universidad Nacional Autónoma de México (CUEC). Dirección General de Difusión Cultural UNAM. Departamento de Actividades Cinematográficas de la Universidad Nacional Autónoma de México  
Categorie: Cinema

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "Entrevistas mayo 1968", 28'

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

13/10/18

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "Entrevistas mayo 1968", Alfredo Joskowicz 28', Messico, 1968 Nello stile del cinema verité, Alfredo Joskowicz conduce un sondaggio di opinione tra gli studenti universitari sulla violenza. Questo lavoro raccoglie testimonianze estemporanee che rivelano la profondità del problema alla fine degli anni '60. Alfredo Joskowicz era un regista, sceneggiatore e produttore messicano; è stato caratterizzato come un grande difensore del cinema messicano e latino-americano. Ha diretto diciotto film di finzione, oltre a documentari e programmi televisivi. PRODUZIONE: Dirección General de Actividades Cinematográficas de la UNAM  
Categorie: Cinema

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "2 de octubre. Aqui Mexico", 55'

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

14/10/18

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "2 de octubre. Aqui Mexico", Oscar Menéndez Messico, 1968-1970, 55' La prima parte di questo film racconta il movimento studentesco fino al 2 ottobre 1968 a Tlatelolco e la seconda parte la prigionia dei politici all'interno del carcere di Lecumberri. Questa parte è stata filmata clandestinamente nell'anno 1970 durante il periodo di Díaz Ordaz. SCENEGGIATURA: Oscar Menéndez PRODUZIONE: Oscar Menéndez, Antonio Rosete, Enrique Pérez Escalona, Cine Independiente de México con la ayuda de Antonio Rosete, María Antonieta Lozano, Coral Zayas, Pablo Alvarado, Efraín Bermúdez, Carlos Medina    
Categorie: Cinema

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "Unete pueblo", 22'

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

14/10/18

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "Unete pueblo", di Oscar Menéndez Zavala MEssico, 1968, 22', documentario Questo cortometraggio fa parte dei numerosi materiali documentali attraverso i quali il Consejo Nacional de Huelga (CNH), il cuore del movimento popolare studentesco del 1968, ha diffuso le sue attività e le sue proposte nei circoli cinematografici universitari. SCENEGGIATURA: Oscar Menéndez Zavala PRODUZIONE: Oscar Menéndez-Cine Independiente de México  
Categorie: Cinema

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "Mural efimero", 9' "Comunicados cinematografico del consejo nacional de huelga", 20'

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

14/10/18

Il 68 messicano. Revisione delle sue rivoluzioni: "Mural efimero", 9' "Comunicados cinematografico del consejo nacional de huelga", 20'
Categorie: Cinema

A mae è che sabe, di Nuno Rocha

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

12/10/18

A mae è che sabe, di Nuno Rocha Portogallo, 2016, 88', v.o.sott.it. Un tipico pranzo va a rotoli quando Ana Luísa comincia a ricordarsi di episodi peculiari avvenuti durante la sua infanzia e adolescenza. Tra zuppe di carote, passeggiate al mare, consigli da parte della madre, fidanzamenti e matrimoni, Ana Luísa pensa a tutto ciò che avrebbe potuto cambiare del suo passato. Ad ogni modo, questi ricordi avranno effetti collaterali imprevedibili. Una commedia famigliare e divertente che ritrae il Portogallo dagli anni 70 ai nostri giorni. E pensando bene, ci sono cose che non devono proprio cambiare, perché alla fine sappiamo tutti che... La Mamma lo sa! REGIA: Nuno Rocha SCENEGGIATURA: Roberto Pereira, Nuno Rocha INTERPRETI: Maria João Abreu, Joana Pais de Brito, Filipe Vargas, Filipa Areosa, Manuel Cavaco, Dalila Carmo, Adriano Carvalho, Manuela Maria, Carlos Santos, Ricardo Azevedo, Bruno Cabrerizo, Beatriz Costa, Noémia Costa, Catarina Rebelo, Margarida Carpinteiro, Miguel Monteiro, João Maria Maneira, Carmo Saraiva, Lara Braga Nuno Rocha Nuno Rocha è un giovane regista che sta lasciando il segno nel campo della pubblicità e nel cinema. Con tre cortometraggi all'attivo, Nuno Rocha ha già vinto un totale di 57 premi internazionali. Nel 2009 ha realizzato il corto muto "3x3", vincitore di 20 premi, seguito da un altro corto, "Vicky e Sam", vincitore di 24 premi. Con un occhio attento alla commedia, ha appena finito di girare il film "La Mamma lo sa", prodotto dalla Ukbar Filmes.
Categorie: Cinema

Mia tía Toty, di León Felipe Troya

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

12/10/18

Mia tía Toty, di León Felipe Troya Equador, 2017, 87', v.o.sott.it. Film esistenziale dove la catarsi è sempre la risata: peripezie di un regista e sua zia in un tentativo per capire ed accettare, dal cinema, come il tempo passa e non ritorna più. Uno sguardo all’esperienza della vecchiaia attraverso la vita di Toty Rodríguez: attrice ecuadoriana con parte della sua carriera svolta in Francia negli anni 60, diva e icona della liberazione femminile nel suo paese, ritorna a Parigi con suo nipote per fare un film, rivedere il suo passato e incontrare vecchi amici nella città che cambiò la sua vita. REGIA: León Felipe Troya SCENEGGIATURA: León Felipe Troya e Carla Valencia INTERPRETI: Toty Rodríguez, León Felipe Troya, Pedro Saad, Henry Leal León Felipe Troya Regista e tecnico di effetti sonori. Il suo primo cortometraggio "Take it!, Praga", partecipò al festival dell'Avana, Madrid e San Paolo. Il suo secondo corto "Choclotanda", (Quito), prese parte alla mostra "Ecuador in Breve". Assistente di Direzione nel film di fantascienza come "Quando toccherà a me " o "La Chiamata." Tecnico di effetti sonori in documentari e cortometraggi di fantascienza. Attore nei cortometraggi "Inciampo" di Víctor Arregui è "6:03 a.m." di Pedro Cajigal; nei lungometraggi  "Quando toccherà a me" di Arregui ed in "La Chiamata" di David Nieto. È stato membro del comitato di selezione di cortometraggi per il festival Zero Latitudine di Quito in tre edizioni.
Categorie: Cinema

Una noche sin luna, di Germán Tejeira

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

13/10/18

Una noche sin luna, di Germán Tejeira Uruguai, 2015, 78' In "Una notte senza luna", tre uomini arrivano ad un paese sperduto nella campagna uruguaiana dove troveranno un'occasione per cambiare il loro destino. È un film sull'amore, le opportunità perse ed il passare del tempo. "Una notte senza luna" è una coproduzione Raindogs Cine Uruguay e Cine El Calefón Argentina. Ha l'appoggio dell'Istituto del cinema dell'Uruguay, Istituto Nazionale del Cinema e Arti Audiovisuali di Argentina, del programma Montevideo Socio Audiovisuale, del Programma Ibermedia e del Governo della Provincia di Cordova. REGIA: Germán Tejeira SCENEGGIATURA: Germán Tejeira INTERPRETI: Roberto Suárez, Daniel Melingo, Marcel Keoroglian ed Elisa Gagliano. L'elenco è composto da Julieta Franco, Horacio Camandulle, Verónica Perrotta, Julio Toyos, Héctor Perry, Adrián Beniez e Willow Waz Germán Tejeira Regista, diplomato alla Scuola di Cinema dell'Uruguay. Ha lavorato come produttore, regista, montatore e sceneggiatore. Come co-regista ha partecipato al lungometraggio "Ojos de madera" (2017) diretto da Roberto Suárez e come regista del film di fiction "Una noche sin luna" (2014). Ha co-diretto con Alejo Schettini il cortometraggio animato "Irma" (2017) e, insieme con Julian Goyoaga i cortometraggi "Dead Man" (2008) e "Matrioshka" (2006). Ha prodotto i lungometraggi "Roslik" e la "Gente dai volti sospettosamente russi" (2017). Ha partecipato come produttore, co-autore e comontajista del film d'animazione "Anina" (2013) diretto da Alfredo Soderguit.
Categorie: Cinema

La mujeres del Wanki, di Rossana Lacayo

News sul Cinema - Ven, 21/09/2018 - 12:45

13/10/18

La mujeres del Wanki, di Rossana Lacayo Nicaragua, 2017, 70', v.o.sott.it. Le donne del Wangki, sono indigene dei gruppi etnici Miskita e Mayangna, che vivono lungo le sponde del fiume Coco o Wangki, nel nord del Nicaragua e che storicamente e nel corso degli anni hanno sofferto violenza ed emarginazione, perché sono indigene, povere e donne. Unite stanno lottando per occupare il loro spazio in una società ostile e maschilista, preservando la loro identità, preservando i loro costumi ancestrali e rispettando e difendendo l'ambiente, che si sta spegnendo drammaticamente, a causa dell'incontrollabile avanzata della frontiera agricola. REGIA: Rossana Lacayo SCENEGGIATURA: Rossana Lacayo Rossana Lacayo Rossana Lacayo de Herguedas conosciuta professionalmente come Rossana Lacayo (nata il 3 settembre 1956) è una fotografa, sceneggiatrice e regista nicaraguense. È considerata un pioniere del cinema nicaraguense, come dichiarato dall'istituto culturale nicaraguense. Nel 2003 ha fondato la Gota Films (Nicaragua), una compagnia cinematografica indipendente. È membro di ANCI (Associazione Nicaraguense di Cinematografia). Lacayo risiede in Nicaragua con la sua famiglia.
Categorie: Cinema

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?