News su teatro

Aggiornato: 42 min 47 sec fa

A scuola di magia

Ven, 20/04/2018 - 10:52

22/04/18

Fleming Home

A scuola di magia

Il Prof vuole entrare a tutti i costi in una famosa scuola di magia, riuscirà a superare il test?
Una prima assoluta in Italia

Categorie: Teatro

Il Gallo d’Oro

Ven, 20/04/2018 - 09:57

27/05/18

Teatro Ygramul

Il Gallo d’Oro
Commedia dell’Arte della Compagnia di Manuel Pernazza

Gran varieta’ di scenette di commedia dell’arte. Vivra’ il repertorio di Petito, Pasqualillo, De Simone e Fiorillo. Risate assicurate e tante altre belle cose.

Categorie: Teatro

La scuola dei maghi

Ven, 20/04/2018 - 09:28

22/04/18

Stadio di Domiziano

Dopo il grande successo di “Supereroi e Principesse contro i Cattivi” e “Star Words”, torna la Compagnia “Un Teatro da Favola” con la SCUOLA DEI MAGHI, parodia di “HARRY POTTER” la PIU’ GRANDE SAGA FANTASY DELLA STORIA DEL CINEMA , RIVISTA ALLA PAZZA MANIERA show comico dedicato a tutta la famiglia dai 3 ai 99 anni ricco di emozioni e di risate: Harry, Hermione e…Romolo Frittelloni frequentano la scuola di maghi di Hogwarts,  ma Voldemort vuole uccidere il “prescelto”…MA CHI SARA’ IL PRESCELTO?? Se amate Harry Potter …. NON POTETE MANCARE I VOSTRI FIGLI IMPAZZIRANNO E VOI MORIRETE DAL RIDERE.
Al termine dello show foto con tutti i personaggi.

Categorie: Teatro

Professor Diotiaiuti, terapia d'urgenza! State sereni!

Gio, 19/04/2018 - 17:08

da 18/04/18 a 22/04/18

Teatro Agorà

Professor Diotiaiuti, terapia d'urgenza! State sereni!

Scritto e diretto da Giulio Pennazza
Con
Giulio Pennazza, Loredana Lollobattista,Vincenzo Vasta, Enrico Nicolucci, Francesca Fia, Alessandro Tasselli, Gianluca Lo Porto, Debora Bellucci, Jack Ice, Alessandro Zaghetti

Quanti di noi sono capitati in un pronto soccorso di un ospedale romano?
Giulio Pennazza ha ambientato qui la sua nuova graffiante commedia, per descrivere la nostra sanità, i suoi mali, le sue nefandezze, e le sue storture. Cosa non funziona in Italia? Come finalmente risolvere i tanti problemi dei nostri nosocomi, le diagnosi errate, le lunghe code per le visite? Ma c’è una soluzione a tanti problemi? L’autore ci indica una sua via, forse non proprio percorribile!

Come in “Brutto fatto di sangue, da Remo la Ciccia bona!”  torna a descrivere brutte persone, azioni ripugnanti, quello che potremmo trovare nei fatti di cronaca di un qualsiasi giornale.

Sempre con tratto ironico, grottesco, farsesco, l’autore racconta la vita di infermieri non certo socievoli, pietosi, di medici non sempre all’altezza del loro delicatissimo compito, non  così preparati e pronti a risolvere qualsiasi nostro problema sanitario. E di tanta varia umanità che gravita in una corsia di ospedale.

L’importante è ridere, ironizzare, forse anche per esorcizzare il male, e in questa commedia si ride molto. Ritmi veloci, situazioni ridicole, e personaggi tratteggiati con sapienza, ci faranno passare una serata piacevole.

Categorie: Teatro

Serata tra amici

Gio, 19/04/2018 - 16:22

25/04/18

Teatro L'Arciliuto

Serata tra AMICI
RACCONTANDO/MUSICANDO
Gianni Clementi
 
con
Sandra Collodel
Giovanna Formulari
Marco Guadagno
Marco Mete

regia di Marco Guadagno
Organizzazione di Federica Di Stefano

Categorie: Teatro

Minefield

Gio, 19/04/2018 - 16:20

da 16/11/18 a 18/11/18

Teatro Vascello

Prima nazionale
Lola Arias
MINEFIELD

Nata a Buenos Aires, Lola Arias ha sviluppato il suo percorso artistico cercando di sorpassare quella frontiera che separa la realtà dalla sua rappresentazione, il discorso biografico dalla finzione artistica, la memoria personale da quella collettiva. Scrittrice, regista, cineasta e performer, l’artista costruisce i suoi lavori a partire dall’incontro umano tra persone apparentemente differenti tramutando il loro dialogo in strumento di indagine poetica su temi storici o d’attualità.

MINEFIELD riunisce in scena veterani argentini e inglesi della Guerra delle Malvinas per esplorare ciò che è rimasto nella loro mente ben trentacinque anni dopo. Il teatro è un set cinematografico o una macchina del tempo che ci riporta nel mezzo della guerra per ricostruire i ricordi dei suoi protagonisti: Lou Armor, Rubén Otero, David Jackson, Gabriel Sagastume, Sukrim Rai, Marcelo Vallejo. Sopravvissuti ed eroi, vittime e carnefici.

Cosa hanno in comune questi uomini? E che cosa è un veterano? MINEFIELD è il racconto di più guerre personali, per ricordare e narrare un’unica guerra e il marchio che ha lasciato sulla storia e sulle esistenze di chi l’ha vissuta.

 

Categorie: Teatro

Piazza Montanara

Gio, 19/04/2018 - 16:08

da 24/04/18 a 26/05/18

Teatro L'Arciliuto

Piazza Montanara

di Giovanni Castellani

con in ordine di appartizione
Piero Trio, Massimo Marinelli, Antonella Aiesi, Giovanni Castellani, Paola Pinci, Caterina Ferlito

messo amichevolmente in scena da Massimo Cinque
Costumi ANNAMODE 68

A Roma c'era una piazza alquanto pittoresca di cui non rimane più alcuna traccia: Piazza Montanara.
Si trovava a ridosso delle strutture del Teatro Marcello.
La piazza veniva attraversata dal primo servizio di trasporto collettivo della città mediante un omnibus trainato da cavalli, collegando Piazza Venezia con la Basilica San Paolo.
Vi arrivava molta gente dalle campagne e dai castelli e si crede che la piazza derivasse il suo nome da questo tipo di frequentazione. In real'tà "Montanara" è il nome della famiglia quattrocentesca, poi estintasi, che prima vi cominciò ad edificare.
Non mancavano piccoli commerci come la drogheria, la merceria, lo spaccio di alcolici, la vendita di stoffe, di candele, le ferramenta. Me tre preferivano esercitare all'aperto i cerusici e i cavadenti o gli scrittori e gli "avvocati di piazza".
Tutto questo mondo fu del tutto distrutto durante il fascismo, tra il 1926 ed il 1936, con i lavori per la realizzazione di quella che era chiamata la Via del Mare (oggi Via del Teatro Marcello).
La vita di piazza era semplice, senza troppi affanni, anche se ciascun frequentatore aveva sempre le sue vicende più o meno spinose da sistemare.
Noi ve ne vogliamo raccontare una, sorridendo e sperando di farvi sorridere.

Categorie: Teatro

The Repetition - Histoire(s) du théâtre (I)

Gio, 19/04/2018 - 16:03

da 09/11/18 a 11/11/18

Teatro Vascello

Prima nazionale
Milo Rau • International Institute of Political Murder
The Repetition
Histoire(s) du théâtre (I)

Che rapporto c’è tra la messa in scena e l’autenticità? Tra l’azione scenica e l’esperienza concreta? E come può il teatro rincontrare e rintracciare la vita? Sono queste le domande che hanno reso il regista, saggista e documentarista svizzero Milo Rau uno degli artisti oggi più apprezzati in Europa e nel mondo.

The Repetition – Histoire(s) du théâtre (I) appare come una nuova possibilità di risposta a questi quesiti e, contemporaneamente, come un omaggio alla storia dell’arte più antica dell’umanità. Sin dalle origini il teatro è stato esperienza ritualizzata dei peccati originali e dei traumi collettivi. Affrontando la struttura della tragedia attraverso la forma di una ‘crime story’ e ispirandosi a un reale fatto di cronaca (il brutale omicidio di Ihsane Jarfi avvenuto nel 2012 a Liège), Rau mette in scena sei attori professionisti e non professionisti per indagare l’esperienza del tragico nell’era post-industriale.

Sono loro, infatti, a entrare gradualmente nei ruoli dei protagonisti coinvolti durante il folle assassinio, mettendo  in discussione la forma teatrale e la rappresentabilità della violenza e degli eventi traumatici sul palcoscenico, radici delle origini e del potere del teatro stesso, e dando vita a un manifesto per ‘un teatro democratico del reale’.

 

Categorie: Teatro

Quasi niente

Gio, 19/04/2018 - 15:26

da 09/10/18 a 14/10/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Prima nazionale
Daria Deflorian/Antonio Tagliarini
Quasi niente

Dopo Reality (2012), Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni (2013) e Il cielo non è un fondale (2016), Daria Deflorian e Antonio Tagliarini – Premio Ubu per l’innovazione alla drammaturgia nel 2014 – tornano per REf con Quasi niente, nuova produzione ispirata a Il deserto rosso di Michelangelo Antonioni.

In scena tre donne e due uomini (accanto al duo: Monica Piseddu, Francesca Cuttica e Benno Steinegger) lavorano attorno alla figura di Giuliana, moglie e madre, interpretata nel film da una giovane Monica Vitti. È lei, ‘selvatica vestita elegante’, a farsi carico di quella marginalità che da sempre attrae i due artisti, chiave di lettura del mondo intero. Perché Quasi niente ci parla non solo del disagio, della fragilità, delle crepe del reale, ma anche della fanciullezza di una donna che il mondo non sembra più interessato ad ascoltare.

Sullo sfondo una società malata, priva di margini d’immaginazione e schiacciata- da quel ‘realismo capitalista’ che ha soppresso ogni passato e ipotecato ogni futuro. Spetta al teatro, con il suo ‘impotente fantasticare’ fungere ancora una volta da cerniera tra il dentro e il fuori, tra l’immagine e il reale a essa sotteso.

Categorie: Teatro

Non solo astratti

Gio, 19/04/2018 - 15:18

21/04/18

Altro Spazio Teatro

Non solo astratti

Spettacolo di improvvisazione con ospiti a sorpresa

Categorie: Teatro

Orestea / Agamennone, Schiavi e Conversio

Gio, 19/04/2018 - 15:14

da 02/10/18 a 03/10/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Orestea / Agamennone, Schiavi e Conversio

Diretta da Simone Derai e Marco Menegoni, la compagnia italiana Anagoor si è imposta all’attenzione internazionale per la sua estetica cristallina in grado di coniugare performing art e scena ipermediale e, contemporaneamente, di costruire un dispositivo teatrale colto, permeato da riferimenti all’arte classica e alla contemporaneità.

Dopo aver presentato per REf15 Virgilio Brucia, la compagnia torna in scena con l’atteso allestimento integrale dell’Orestea / Agamennone, Schiavi e Conversio. Visione, canto e orazione concorrono alla costruzione di uno spettacolo che mantiene la struttura e le parole della tragedia eschilea, ma solo per ritrovare nelle sue maglie e nei suoi interstizi, così come nel pensiero del suo autore e in un più complesso arcipelago intertestuale, le radici dell’occidente e delle sue meditazioni sul male e sulla fragilità del bene, sulla lingua che descrive questi concetti.

Orestea è, infatti, per Anagoor la storia di un mondo in rivolta contro il dolore e la finitezza dell’essere umano, un teatro in grado di farsi pensiero per riscrivere, oggi, una nuova idea del sacro.

Categorie: Teatro

Il mistero della Marsigliese

Gio, 19/04/2018 - 12:52

da 30/04/18 a 06/05/18

Teatro degli Eroi

Il mistero della Marsigliese
regia di Pier Luigi Nicoletti
musiche di Davide Pistoni
con Avio Focolari Simonetta Milone Daniela Rosci Annalisa Marcone Francesca Verzaro, Marize De Souza Jean Michelle Danquin Riccardo Buttarini Maurizio Melaragni Maurizio Canforini Valerio Rota
e con Lorenzo Caponi e Federico Sporeni

La Marsigliese, l’inno della rivoluzione francese, ormai inno nazionale d’oltralpe, è stato composto da un italiano?

Ruota attorno a questa domanda e alle recenti notizie storiche in merito, la commedia musicale in scena dal 30 aprile al 6 maggio.

Nato da un’idea di Silvestro Farinelli, scritto da Avio Focolari, lo spettacolo racconta quella che ormai è più di una ipotesi. E lo fa in maniera divertente con una cura particolare per la scenografia ed i costumi e con le splendide, originali musiche di Davide Pistoni e la regia di Pier Luigi Nicoletti.
Categorie: Teatro

L'Una dell'Altra (Due Amiche)

Gio, 19/04/2018 - 12:32

da 18/04/18 a 19/04/18

Sala Uno Teatro

L'associazione culturale "La Strada" presenta

L'UNA DELL'ALTRA (Due Amiche)
di Paolo Tommaso Tambasco

con
Marina Benetti
Federica Di Cori
disegno luci
Tommaso Mercogliano
regia
Paolo Tommaso Tambasco

Per andare avanti nella vita cosa bisogna fare del passato? Portarlo con sé rischiando che ci trascini all’indietro o lasciarlo da parte rischiando di dimenticare chi eravamo?
Claudia e Ginevra erano grandi amiche, hanno vissuto fianco a fianco l'infanzia e l'adolescenza senza separarsi mai. Dopo il liceo però Claudia ha deciso di partire e cominciare una nuova vita fuori dall'Italia.
Dopo cinque anni un tragico evento le costringe a rincontrarsi.
Dopo cinque anni le persone cambiano.
Claudia e Ginevra, un tempo amiche inseparabili, adesso fanno fatica a riconoscersi. La confidenza e l'intimità di un tempo sembrano perdute.
Il tempo, la distanza, le cose successe sembrano essere ostacoli insormontabili. Che ne sarà del loro rapporto? Riuscirà la loro amicizia a resistere e ad affrontare le sfide della vita adulta o sarà relegata ai bei ricordi di un tempo passato che non c'è più?

Categorie: Teatro

Ribelle e mai domata

Gio, 19/04/2018 - 12:00

25/04/18

Teatro Vascello

Storia e canti di una famiglia antifascista romana

A cura di Costanza Calabretta e Alessandro Portelli
Produzione Circolo Gianni Bosio

Lo spettacolo è un racconto familiare, che nasce dall'intervista di Alessandro Portelli alla famiglia Menichetti. L'intervista è tratta dal volume "Ribelle e mai domata. Canti e racconti di antifascismo e resistenza" (ed. Squilibri 2016), che contiene dodici interviste ad altrettante donne, che ricordano la propria esperienza sotto il fascismo, durante il conflitto e la resistenza, e propone un ampio repertorio di canti partigiani e antifascisti dell'area centro-meridionale.

Nello spettacolo il racconto di Iva Manieri, moglie di Mario Menichetti, e delle sue cinque figlie ripercorre le vicende biografiche di Mario e della sua famiglia: l'attività antifascista clandestina di Mario, la brutale repressione fascista e la morte di alcuni compagni di lotta, la condanna al confino a Ustica, la gioia per la caduta del fascismo e il terrore dei bombardamenti, le privazioni, la fame, le difficili e precarie condizioni abitative che segnarono la vita quotidiana della numerosa famiglia. Le vicende dei Menichetti si intrecciano con quelle complessive dell'Italia e di Roma, nei difficili anni del fascismo, del secondo conflitto mondiale e del dopoguerra. Il racconto familiare e intimo si fa così espressione di vicende esemplari, ma anche trasversali e comuni.

Ad accompagnare la memoria autobiografica sono le canzoni che talvolta lo stesso Mario cantava, come le sue strofette di parodia o la sua versione di "Su comunisti della capitale". Vengono poi presentati stornelli, canti rituali più noti, canzoni narrative e serenate d'amore, che pescano da un ampio repertorio popolare.

Matilde D'Accardi e Nicola Sorrenti del duo teatrale U-Combo, (voci narranti e canto); Sara Modigliani (voce narrante e canto), Roberta Bartoletti (organetto), Massimo Lella (chitarra), Gabriele Modigliani (chitarra).

 

 "Calendario Civile", Rassegna di Musica, Teatro e Memoria, promossa dal Circolo Gianni Bosio in collaborazione con Donzelli editore, è una rassegna di musica e teatro civile che lungo l'arco dell'anno accompagna le date della memoria laica, democratica, civile del nostro paese.

 

Categorie: Teatro

Festa di famiglia

Gio, 19/04/2018 - 11:46

da 02/05/18 a 06/05/18

Teatro Vascello

Da Luigi Pirandello
testo e regia Mitipretese

Festa di famiglia è una riflessione sulle dinamiche di violenza e sopruso che si possono scatenare all'interno del nucleo familiare. Il pretesto per parlarne è il compleanno di una madre di sessant'anni festeggiata dalle sue tre figlie.

Il testo nasce da un originale assemblaggio di testi di Pirandello: commedie e materiali estratti dalle sue novelle e dai romanzi tagliati e cuciti insieme sotto la guida speciale di un maestro di ironia qual è Andrea Camilleri.

Categorie: Teatro

Il Teatro del Venerdì

Gio, 19/04/2018 - 11:44

da 20/04/18 a 18/05/18

CCP - Centro di Cultura Popolare del Tufello

Il Teatro del Venerdì
Rassegna teatrale a cura di Sandro Calabrese

VENERDI' 20 APRILE 2018 ORE 21.00
“SOGNANDO GODOT”
Di  e con  ALESSANDRO CALAMUCCI MANITTA e  EMANUELE GUZZARDI
Lorenzo e Claudio sono coinquilini in un appartamento di Roma, entrambi condividono, oltre all'affitto e le spese della casa, la passione per l'arte.
La loro sfida sarà quella di combattere per mantenere vivo il sogno.

VENERDI' 27 APRILE 2018 ORE 21.00
“FIGLIO E PADRE”
Di Antonio Saccà
Regia di Sandro Calabrese
Con Ivan Costantini,Giuseppina Matera, Massimo Anzalone,Marina Alemanno,Francesca Mazzocchitti, Angelo Pelagalli e Sabrina Tutone.
Dramma di un duplice fallimento, di un padre e di un figlio, e della vicendevole incattivita colpa che l'uno grava sull'altro.

VENERDI' 11 MAGGIO 2018 ORE 21.00
“A GUERA DE LI ROMANI”
Di Sandro calabrese ed Ivan Costantini
Regia di Sandro Calabrese
Con Ivan Costantini
Le vicende veritiere dell'intera campagna di Russia tutte raccontate in un romanesco oramai perduto con lo stesso linguaggio dei primi fanti che, partiti da Roma nel luglio del '41, percorsero, a piedi, oltre 2000 Km fra scontri,  battaglie e privazioni, finchè, furono travolti, nel '43 nel disastro della ritirata.

VENERDI' 18 MAGGIO 2018 ORE 21.00
“MISTERI, MAGIE, (TRUFFE) E GIOCHI DI MANO”
Mentalismo e trucchi magici fuori dal comune del MAGOMARCUS
Marcus (membro del famoso Magic Circle di Londra dal 1998) , AKA “The Conjuring Chef” , si esibirà con un repertorio originalissimo di effetti, usando oltre alle carte da gioco, oggetti di tutti i giorni come libri, banconote, monete, Giornali, riviste ecc.
Una performance condotta con brio e condita con un curioso senso dell'umorismo   Anglo-Romano

Categorie: Teatro

Troiane / Frammenti di tragedia

Gio, 19/04/2018 - 11:40

da 27/04/18 a 30/04/18

Teatro Vascello

Da Euripide
Regia e drammaturgia Mitipretese
Con Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti, Mariangeles Torres

La guerra di Troia è appena finita. Dopo dieci anni di assedio i Greci sono riusciti ad espugnare la città. Hanno massacrato uomini e bambini e ora Troia è un rogo immenso. Ridotte a bottino di guerra le Troiane attendono la spartizione. 

Attingendo da Omero, Euripide, Seneca, Licofrone, Ovidio e Sartre abbiamo deciso di raccontare questa storia solo attraverso le figure femminili: chiuse in una cella Ecuba, Cassandra, Andromaca ed Elena provano a dare forma alla perdita che ha scavato nella loro anima un vuoto, lasciandole sole al mondo.

Sono madri e figlie, sono sorelle e spose e soprattutto vittime, tutte. Vittime di un gioco più grande di loro e al contempo, nell'inevitabile conflitto che i loro ruoli determinano, carnefici l'una dell'altra.

Categorie: Teatro

Sezione corti teatrali

Gio, 19/04/2018 - 11:12

10/06/18

Teatro Studio Uno

Effetto Werther
regia Gianluca Ariemma
con Gianluca Ariemma, Ivan Graziano, Marcello Gravina, Giulia Navarra

End to end
da un'idea di Renata Malinconico e Claudio Costantino
con Claudio Costantino e Renata Malinconico

I buchi bianchi
di e con Massimo Sconci

Rukelie
di Peppe Millanta
diretto e interpretato da Antonio de Nitto

Sandra C
di Adriano Marenco
regia Adriano Marenco/Nathalie Bernardi/Patrizia Bernardini
con Nathalie Bernardi

Categorie: Teatro

Sezione demo

Gio, 19/04/2018 - 11:03

09/06/18

Teatro Studio Uno

Narciso
regia Alessia Giovanna Matrisciano
con Ilaria Giorgi

Pastore
scritto e diretto da Amelia Di Corso
con Amelia Di Corso, Guglielmo Lello

Povero Orfeo
scritto e diretto da Daniele Amendola
con Daniele Amendola, Lara Balbo e Gianluca Passarelli

Pramkicker
drammaturgia Sadie Hasler
traduzione, regia e interpreatazione Caterina Marino e Beth McCreton

Quello che rimane
scritto e diretto da Francesco Rizzo
con Sandro Calabrese e Francesca Mazzocchitti

Woyzeck machine
di Andrea Carvelli
regia Matteo Cusato
con Anton de Guglielmo

Categorie: Teatro

Agenti e castisti

Gio, 19/04/2018 - 10:47

31/05/18

Teatro Studio Uno

Testo e regia Giovan Bartolo Botta
con Krzysztof Bulzacki Bogucki, Isabella Carle, Flavia Germana De Lipsis, Mariagrazia Torbidoni e Giovan Bartolo Botta

Master&Puppet. Un'agenzia dello spettacolo. In perfetta decadenza. Cinque impiegati. Cinque presunti maschi alfa. Una classifica. Uno stipendio “a rendimento”. Chi piazza gli attori nelle produzioni va avanti. Chi si ferma è perduto. Licenziato. Umiliato. Privato della propria dignità. Addio all'assicurazione sanitaria, alla gita domenicale fuori porta, ai dettami del vizio e alla tuta spaziale per i figli piccoli.

Come riuscire a salvarsi? Sopravvivere significa affondare il pugnale nel petto dei colleghi. A volte. Significa pestarglielo dove fa più male. Dove il sole batte a stento. Quando l'ufficio si fa giungla le belve cominciano ad affilare i canini. L'unica legge vigente è la legge del più furbo. Agenti&Castisti. Un testo. Degli attori. Il solito teatro.

Una messa in scena che tenta di trasudare clima da secondo anello curva Maratona. Gli attori brancolano nel loro ufficio simbolico smussando i lati tramite fissità. Fanno tutto loro. Il lavoro sporco come quello pulito. Il bello e il cattivo tempo. Comprese le mezze stagioni. Luci accese in sala, tanto per ammiccare a un Brecht mai domo. O forse meno ancora. Autosufficienza attorale pura e omeopatia tecnologica. Come ai tempi che furono.

Categorie: Teatro

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?