News su Danza

Aggiornato: 52 min 50 sec fa

DFS

Gio, 19/04/2018 - 16:27

da 23/11/18 a 24/11/18

Teatro Vascello

Prima nazionale
Cecilia Bengolea & François Chaignaud
DFS

Nell’estate del 2015, Cecilia Bengolea e François Chaignaud sono tra i primi coreografi invitati dal TanzTheater Wuppertal di Pina Bausch, dopo la scomparsa della celebre coreografa, a creare un pezzo per la compagnia. Si cimentano in una performance che unisce il repertorio polifonico dei madrigali alla dancehall di Kingston.

Il loro ultimo spettacolo, DFS, è il proseguimento di questa bizzarra ricerca capace di unire tecniche e stili tradizionali alle pratiche contemporanee in cui la danza diventa forma espressiva generazionale per la resistenza alle nuove ideologie oppressive. In DFS cinque ballerine e artisti della dancehall giamaicana s’incontrano in scena per confrontarsi con il canto e svariate tecniche di danza.

Diversi vocabolari si fondono forgiando un’inedita scrittura coreografica astratta e umoristica, in grado di creare figure e forme, riconciliazioni, combinazioni e nuovi immaginari. DFS è un rituale collettivo stregato, capace di affondare le sue radici in uno sguardo profondamente antropologico che esplora con sapienza e leggerezza le forme convenzionali dell’espressione coreografica e musicale.

 

Categorie: Danza

Nudità

Gio, 19/04/2018 - 16:15

da 13/11/18 a 15/11/18

Teatro India - Teatro di Roma

Prima nazionale
Mimmo Cuticchio • Virgilio Sieni
Nudità

Nasce dall’incontro tra due maestri della creazione performativa internazionale Nudità; un dialogo scenico tra l’arte della danza, incarnata da Virgilio Sieni, e quella dell’Opera dei Pupi rappresentata dal maestro Mimmo Cuticchio.

Si capisce subito che questo dialogo non può che svolgersi nel corpo e sul corpo: quello inanimato della marionetta e quello in perenne movimento del danzatore, quello dell’uomo e quello del suo simulacro. Perché Nudità è, come suggerisce il suo titolo, un umanissimo incontro incentrato sull’ascolto delle naturali articolazioni delle braccia, delle mani, delle gambe e dei busti per realizzare una relazione fisica ed emotiva, attraverso il riprendere, l’uno dall’altro, gesti e posture.

Ma chi guida lo spettacolo? Il cuntista e puparo della tradizione siciliana oppure il danzatore e coreografo? Nell’avvinghiarsi, stringersi abbandonarsi di questi corpi, nel loro depositarsi sulle braccia o sulle spalle, nel loro toccarsi appena, avviene la metamorfosi. E nella battaglia finale tutto è pronto ad apparire trasfigurato: il corpo, la voce, il suono; l’essere umano.

Categorie: Danza

Tango Glaciale Reloaded (1982 —> 2018)

Gio, 19/04/2018 - 15:55

da 25/10/18 a 28/10/18

Teatro Vascello

Mario Martone • Raffaele Di Florio • Anna Redi
Tango Glaciale Reloaded (1982 —> 2018)

Il 27 gennaio del 1982, al Teatro Nuovo di Napoli, debutta Tango Glaciale. La regia è di Mario Martone e in scena ci sono Andrea Renzi, Tomas Arana e Licia Miglietta, tutti e quattro membri della compagnia Falso Movimento. Quella sera non solo si aggiunge un tassello fondamentale al panorama della nuova scena italiana, ma s’inaugura una nuova stagione fatta di corpi, racconti e visioni di straordinaria intensità emotiva.

Dopo le neoavanguardie degli anni Settanta, gli anni Ottanta ripartono all’insegna di una ‘nuova spettacolarità’, tra teatro e danza, musica rock, estetiche pop e riferimenti colti.

A distanza di quasi quarant’anni Tango Glaciale torna in vita con un nuovo cast in un riallestimento nato non solo come occasione per cogliere l’importanza e la bellezza dello spettacolo e della sua epoca, ma anche come connessione di linguaggi e sentimenti sociali differenti o, come afferma lo stesso Martone, per: «Mettere il lavoro alla prova di una generazione che nel 1982 era lontana dall’essere concepita».

 

Categorie: Danza

Excelsior

Gio, 19/04/2018 - 15:50

da 20/10/18 a 21/10/18

Teatro Vascello

Prima nazionale
Salvo Lombardo • Chiasma
Excelsior

Nel 1881 al Teatro alla Scala di Milano debutta il Gran Ballo Excelsior, uno dei balli italiani dell’Ottocento di maggior successo che, come dichiara il suo autore Luigi Manzotti, celebra la grandezza della civiltà contro l’oscurantismo che costringe i popoli: «Nelle tenebre del servaggio e dell’ignominia».

Sono gli anni delle Esposizioni Universali dove vengono celebrate le conquiste del progresso, della rivoluzione industriale, dell’imperialismo coloniale e dell’affermazione del concetto di identità nazionale e del suo immaginario di riferimento. Date queste premesse Salvo Lombardo, guida della compagnia Chiasma, si interroga su quale è oggi l’eredità culturale di quell’idea di Occidente della fine del XIX secolo.

Quali iconografie e quali immaginari del Gran Ballo Excelsior riemergono oggi, in forme apparentemente diverse, nelle rappresentazioni degli ‘altri’, nel disegno dei corpi, e nella negoziazione delle relazioni tra Europa e ‘resto del mondo’? La pièce costruita da Lombardo non vuole essere un riallestimento del balletto, quanto piuttosto una sua ri-mediazione che si sofferma sugli immaginari stereotipici che il presente ripropone attraverso i suoi linguaggi, le sue raffigurazioni e i suoi media.

 

Categorie: Danza

Red – A Documentary Performance

Gio, 19/04/2018 - 15:40

da 13/10/18 a 14/10/18

Teatro Vascello

Prima nazionale
Wen Hui • Living Dance Studio Beijing
Red – A Documentary Performance

Cineasta e coreografa cinese, Wen Hui è alla guida della compagnia Living Dance Studio di Beijing con la quale porta avanti una ricerca incentrata sulla memoria e sulle possibilità del corpo di presentarsi come archivio della storia di un popolo.

Red – A Documentary Performance ci riporta nella Cina maoista degli anni Sessanta e Settanta utilizzando come punto di partenza il balletto The Red Detachment of Women, modello dell’estetica socialista e della sua rivoluzione culturale, con il suo mix di tecniche occidentali e tradizione cinese. Hui porta in scena due generazioni di danzatrici che attraverso la loro presenza, i loro gesti ma anche video e interviste riempiono quel vuoto che separa le grandi narrazioni storiche dall’intimità. Chi ha vissuto quel periodo si confronta con chi lo percepisce come un’eco lontana.

Ma tra documentario e performance lo spettacolo di Wen Hui riesce a far rivivere questo dialogo nel corpo, nel fare scenico. Così il palco del teatro si affaccia al mondo come visione di una intera società e delle sue problematiche, come termometro per testare il valore dei gesti, delle memorie di ogni singolo individuo dinanzi alla storia.

Categorie: Danza

Orestea / Agamennone, Schiavi e Conversio

Gio, 19/04/2018 - 15:14

da 02/10/18 a 03/10/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Orestea / Agamennone, Schiavi e Conversio

Diretta da Simone Derai e Marco Menegoni, la compagnia italiana Anagoor si è imposta all’attenzione internazionale per la sua estetica cristallina in grado di coniugare performing art e scena ipermediale e, contemporaneamente, di costruire un dispositivo teatrale colto, permeato da riferimenti all’arte classica e alla contemporaneità.

Dopo aver presentato per REf15 Virgilio Brucia, la compagnia torna in scena con l’atteso allestimento integrale dell’Orestea / Agamennone, Schiavi e Conversio. Visione, canto e orazione concorrono alla costruzione di uno spettacolo che mantiene la struttura e le parole della tragedia eschilea, ma solo per ritrovare nelle sue maglie e nei suoi interstizi, così come nel pensiero del suo autore e in un più complesso arcipelago intertestuale, le radici dell’occidente e delle sue meditazioni sul male e sulla fragilità del bene, sulla lingua che descrive questi concetti.

Orestea è, infatti, per Anagoor la storia di un mondo in rivolta contro il dolore e la finitezza dell’essere umano, un teatro in grado di farsi pensiero per riscrivere, oggi, una nuova idea del sacro.

Categorie: Danza

#minaret

Gio, 19/04/2018 - 15:09

da 29/09/18 a 30/09/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Prima assoluta
Omar Rajeh • Maqamat • Zad Moultaka
#minaret

Può una città morire? E con essa i suoi valori, la sua storia e la sua cultura? Per quasi mille anni il minareto della Moschea degli Omayyadi di Aleppo (Patrimonio dell’Unesco) è stato uno dei maggiori simboli della città siriana. Oggi non esiste più.

Il coreografo e danzatore libanese Omar Rajeh, fondatore della compagnia Maqamat Dance (Beirut, 2002) incontra il video artista Benjamin Krieg e il compositore Zad Moultaka e con #minaret dà vita a un atto di resistenza contro la demolizione di una delle città più grandi e antiche del mondo. In scena un gruppo di danzatori provenienti da Libano, Siria, Iran, Germania, Belgio, Corea e Argentina si confronta con le immagini riprese da droni per indagare la risposta delle nostre coscienze e dei nostri corpi all’assuefazione alla violenza generata da social media, film e tv.

Perché lontano dal voler documentare una catastrofe o prendere una posizione rispetto ai fatti raccontati, Omar Rajeh intende trascinarci in un territorio poetico in cui testare il ruolo stesso della cultura. Può l’arte avviare un cambiamento, resistere efficacemente, svolgere un ruolo nella difesa dei valori umani?

 

Categorie: Danza

Love Chapter 2

Gio, 19/04/2018 - 14:51

da 24/09/18 a 26/09/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Haron Eyal • Gai Behar • L-E-V
Love Chapter 2

Love Chapter 2, nuovo exploit sul tema dell’amore articolato come danza potente ed espressiva, capace contemporaneamente di trasmettere un’energia dirompente e di fondere con eleganza musica elettronica, rigore coreografico e venature glamour.

Una pièce sul rapporto amoroso che, tra dolcezza e violenza, pulsa come un cuore avvolto di tenebra e frammentato in pezzi d’amore ma ancora in grado di mostrare, durante l’esplosione, tutta la sua luminosità.

Categorie: Danza

Kirina

Gio, 19/04/2018 - 14:40

da 19/09/18 a 22/09/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Opening REf18 - Prima nazionale
Serge-Aimè Coulibaly • Rokia Traoré
Felwine Sarr • Faso Danse Théâtre

Apertura di REf18 all’insegna dell’incontro tra l’immaginario africano e quello occidentale: Kirina è un’opera per danzatori, musicisti e 40 figuranti nata dalla collaborazione tra il coreografo Serge-Aimè Coulibaly (già danzatore per Les Ballets C de la B di Alain Platel e fondatore della Faso Danse Théâtre), la cantante maliana, icona della musica mondiale, Rokia Traorè e il librettista Felwine Sarr (tra i più importanti economisti e studiosi africani).

Il titolo dello spettacolo è il nome della località situata nell’odierna Guinea dove si è svolta l’ultima battaglia da cui è nato l’impero mandingo nell’Africa Occidentale. Ed è a partire da questo luogo che questa speciale crew racconta e descrive la marcia di un popolo, colto nel suo momento di massima forza e splendore.

La potenza e la sensualità della musica incontra l’energia della danza e si fonde con un testo in grado di traghettare radici africane e occidentali verso il futuro. «Le nostre società sono in perenne movimento, le popolazioni cambiano velocemente nelle grandi città e queste trasformazioni fanno parte di una grande marcia, quella dell’umanità» ha affermato Coulibaly.

 

Categorie: Danza

Burlesque caffè

Gio, 05/04/2018 - 15:29

da 20/04/18 a 25/05/18

Teatro Salone Margherita

Tutti i Venerdì al Salone Margherita andrà in scena uno spettacolo musicale unico nel suo genere, ricco di bellissime ballerine, cantanti e burlesque performers. Un Varietà Burlesque che unisce la grande tradizione del Varietà internazionale alla più moderna forma d’intrattenimento notturno del Burlesque Show.

“Burlesque Café” è una miscela micidiale di sensualità anni ’20, follie Belle Epòque e canzoni anni ’50, in un unico spettacolo di grande intensità e ritmo tutto suonato dal vivo. Dovete solo lasciarvi andare alla più eccitante esperienza di spettacolo che abbiate mai sperimentato: vi faremo, cantare, ballare, scatenare e soprattutto urlare…perché più voi urlerete, più loro si spoglieranno!

Lasciatevi accogliere dalle nostre hostess nelle sale liberty, riservate un tavolo privato per il buffet dinner o una cena servita nei prestigiosi ed intimi palchi privati al piano superiore! Godetevi i raffinati cocktails preparati dai nostri bartender. E dalle 22.00… il più famoso Cabaret  Burlesque prenderà vita!!!Rivivono in uno show unico, tutto condotto, suonato e cantato rigorosamente dal vivo, acrobazie mozzafiato, affascinanti striptease, balletti sfrenati e canzoni indimenticabili

Categorie: Danza

Chez nous burlesque contest

Gio, 05/04/2018 - 12:51
Categorie: Danza

Ostia summer jam

Mer, 04/04/2018 - 16:30

26/05/18

Teatro del Lido di Ostia

Dhart Academy | Ostia Street Rockerz | Senses Family presentano
OSTIA SUMMER JAM 2018

Una giornata per conoscere le discipline della cultura Hip-Hop, dal djing ai graffiti, dal rap alla breakdance.

Una giornata per conoscere le varie discipline della cultura hip-hop: cypher, graffiti, workshop, battle, dj set, beatbox showcase e tanto altro; sfumature diverse che compongono il grande quadro dell’Hip Hop. Un terreno fertile per l’incontro tra artisti e pubblico, per uno scambio di idee e storie, un’occasione per divertirsi in compagnia condividendo la passione per la musica, il ballo, l’arte.

L’Iniziativa è rivolta ai più giovani e rappresenta da un lato l’occasione per competere in maniera divertente e costruttiva e dall’altro dà luogo a una possibilità di condivisione e confronto, nel pieno rispetto dei valori portati in alto dalla cultura Hip Hop. Cultura che ha contribuito a sviluppare una coscienza collettiva, un rifiuto consapevole delle discriminazioni razziali, di classe e di sesso, facendo perno sul riscatto personale.

Hip hop che spesso è divenuto strumento di ridefinizione degli spazi urbani, spesso marginali. Il Teatro del Lido di Ostia attraverso l’hip hop diventa così un palco che unisce persone diverse per estrazione sociale, etnia, religione e background culturale, nel segno della condivisione, dell’amicizia, dell’aggregazione e del divertimento.

Categorie: Danza

Las palabras del baile

Mer, 04/04/2018 - 16:26

20/05/18

Teatro del Lido di Ostia

Compagnia Flamenco Lunares presenta
LAS PALABRAS DEL BAILE
direzione artistica e coreografie Carmen Meloni
interpreti Ester Bucci, Michela Mancini e Raffaella Martella danza
Riccardo Garcia Rubi chitarra, Caridad Vega cante, Monica Tenev flauto, Gabriele Gagliarini percussioni

Sul palco quattro ballerine, quattro donne, quattro sguardi, quattro modi di rivolgersi alla vita e interpretarla attraverso l’arte del flamenco.

Categorie: Danza

Resid'and in tour!

Mer, 04/04/2018 - 15:31

04/05/18

Teatro del Lido di Ostia

Accademia Nazionale di Danza
diretta da Enrica Palmieri presenta
RESID’AND IN TOUR!
Progetto della Scuola di Danza Contemporanea dell’AND
a cura di Stefania Brugnolini e Dino Verga
coreografie di Luca della Corte, Antonio Montanile, Ludovica di Santo

In scena studenti danzatori dell’AND che hanno partecipato al progetto di Resid’AND lavorando con i due coreografi ospiti Luca della Corte e Antonio Montanile.

Categorie: Danza

Carmen vs Josè

Mer, 04/04/2018 - 11:28

08/04/18

Teatro Cassia

Coreografia Antonio Barone
Regia Giacomo Molinari
Video maker Massimiliano Melato
Musica George Bizet e A.A.V.V

Compagnia Nazionale del Balletto
con la partecipazione di
Sara Loro e Marco Marangio
(Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma)

“Carmen vs Josè” una prima assoluta su commissione dell’Associazione Italiana Danzatori al coreografo Antonio Barone per la Compagnia Nazionale del Balletto e la partecipazione straordinaria di Sara Loro e Marco Marangio, ballerini del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma nei ruoli di Carmen e Don Josè.
Ed è proprio la Compagnia Nazionale del Balletto - in collaborazione con l’Associazione Italiana Danzatori e Molinari Art Center - a lanciare questo progetto coreografico legato a una campagna di crowdfunding internazionale su Indiegogo

Un gesto importante per testimoniare che abbiamo bisogno di creazione, di arte e cultura. Ballerini, coreografi, artisti, appassionati e chiunque voglia aderire può farlo con un contributo minino di 2 euro per partecipare attivamente alla realizzazione di questo lavoro coreografico intenso e appassionato, che prende spunto dal carismatico personaggio di Carmen per puntare il dito sulla contemporaneità e sui continui ed efferati casi di violenza sulle donne.

Il lavoro coreografico di Barone, con la regia di Giacomo Molinari, però rovescia la prospettiva degli allestimenti consueti di “Carmen”: questa volta ad essere protagonista infatti è Don Josè, recluso dopo l’omicidio dell’ammaliante sigaraia. Il coreografo punta il dito sull’assassino, sulla vergogna, il pentimento, il dolore di un atto compiuto e irreparabile, la solitudine di un uomo che ripercorre, in un lungo feedback, il film del suo amore con Carmen proiettato sul fondale girato e montato dal videomaker Massimiliano Melato.

Categorie: Danza

Sara Sguotti - S.solo

Gio, 29/03/2018 - 12:06

18/10/18

La Pelanda - Centro di produzione culturale

Vincitrice di DNAppunti Coreografici 2017, Sara Sguotti porta a compimento il suo
S.solo – Rituale del piacere dalla costrizione alla libertà.

A partire dall’incontro tra una poesia di Baudelaire Il serpente che danza, alcune opere di Louise Bourgeois, Tracy Enim e Ren Hang, la giovane coreografa costruisce questa pièce come un vero e proprio autoritratto del suo piacere.

Sulla scena il suo corpo animale, i cui movimenti sembrano reinventare la pratica del Butoh, si trasforma in una massa informe, snaturata, viscerale e seducente, metafora di un’interiorità che cerca di essere liberata. Come trasmettere al pubblico l’esperienza sensibile che le opere selezionate hanno operato sulla stessa coreografa? Come far rivivere a chi guarda le sensazioni provate, la libertà, l’evocazione del proprio personale tormento?

Categorie: Danza

Crossover

Mer, 28/03/2018 - 16:28

08/05/18

Teatro Tor Bella Monaca

Interpreti Manolo Perazzi e Valeria Russo
regia e coreografia Manolo Perazzi
musiche e regia del suono Flavia Massimo Disegno
luci Ivandimitri Pilogallo

Gruppo e-Motion

Questo lavoro cattura l’uomo sospeso tra il reale e l’immaginario, tra istinto e razionalità, impulsi e freni, guidato da un’energia che non si interrompe anche quando sembrerebbe accennare ad un’involuzione, ad un arresto. Si cerca un controllo al proprio flusso di azioni e pensieri. I performer vengono sopraffatti da un sovraccarico di energia, di emozioni, di input provenienti dall’esterno; vengono attraversati costantemente da energie che li porteranno a proteggersi, a decidere in che modo farsi coinvolgere; cercano un controllo al proprio flusso di azioni e pensieri, si perdono, smarriti in un caos mentale che li costringe al cambiamento perpetuo.

Con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Abruzzo e del Comune dell’Aquila.

Categorie: Danza

R - esistenze e liber - azioni

Mer, 28/03/2018 - 16:04

25/04/18

Teatro Tor Bella Monaca

L’Associazione Culturale Le Artivendole in collaborazione con l’Associazione Alchimia aps
R-ESISTENZE E LIBER-AZIONI
Resilienze Sonore. Voci e Corpi raccontano

“1943” : Racconto danzato ambientato durante la seconda guerra mondiale, visto con gli occhi dei giovani di allora che, ignari dei tragici eventi che di lì a poco avrebbero cambiato per sempre le loro vite, amavano ancora divertirsi e godere della bellezza della vita e dell’amore.

Musica per Resistere e Liberarsi: Recital di canzoni e narrazioni. Storie di chi ha combattuto per la nostra libertà. Musica per resistere e ricordare. Musica come linguaggio universale per la pace e la convivenza dei popoli. “Perché Musica è la voce di ogni Popolo e raccoglie tutta la sua eredità”(M. Carta)

Per la prima volta insieme
 1) “ATELIER DU MOUVEMENT” (Diretto da Francesca R. Blasi) *
 2) “C.O.S.M.I.C. SBAND” (Diretta da Sebastiano Forti Grazzini ) **
 3) “CORO MATTO” (Diretto da Emanuela Giudice) ***

Progetti ed attività culturali di promozione della salute mentale per “utenti”, familiari, operatori e cittadini, per la partecipazione attiva e l’inclusione sociale, attraverso le arti performative del teatro, della musica e della danza.

*/** ASL Roma 6 D.S.M. U.O.C. / C.S.M. H1/H3 in collaborazione con Ass. Alchimia aps
 *** ASL Roma 2 D.S.M. U.O.C. / C.S.M. D5 in collaborazione con Ass. Culturale Le Artivendole

Categorie: Danza

Il lago dei cigni

Mar, 27/03/2018 - 16:46

28/04/18

Teatro Brancaccio

Musiche di P.I. Chaikovskj
coreografia di Luigi Martelletta


Lo spettacolo nasce da un’idea che da molti anni il coreografo Luigi Martelletta inseguiva e desiderava mettere in scena, la sua lunga ed intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma ed in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto.

La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione vorremmo esaminare e sviscerare; la drammaturgia classica dell’azione coreografica - teatrale del balletto infatti, è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampi e sfaccettati, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, ma che ormai risultano inutili, pesanti e noiose. Non mancheranno però tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: I cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto molto altro..

Questo balletto è autenticamente una creatura di oggi,del presente,con tutto quello che ciò comporta. La sua particolarità,la sua eccezionalità consiste proprio in questa sua capacità,estrema e radicale,di proporsi vivo e attualissimo,pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico,di già visto,di già vissuto,espressionista nel senso più universalistico e antistorico della definizione: in quanto rappresentazione della realtà-realtà esasperata e sconvolta,ma del tutto riconoscibile- in una dimensione non semplicemente realista,ma, tutt’altro,profondamente vera.

 L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta,regolata da un ordine imperturbabile,è l’obiettivo totalizzante della creazione

Categorie: Danza

S.solo - Sara Sguotti

Mar, 27/03/2018 - 14:23

18/10/18

MATTATOIO

Vincitrice di DNAppunti Coreografici 2017, Sara Sguotti porta a compimento il suo S.solo – Rituale del piacere dalla costrizione alla libertà. A partire dall’incontro tra una poesia di Baudelaire Il serpente che danza, alcune opere di Louise Bourgeois, Tracy Enim e Ren Hang, la giovane coreografa costruisce questa pièce come un vero e proprio autoritratto del suo piacere.

Sulla scena il suo corpo animale, i cui movimenti sembrano reinventare la pratica del Butoh, si trasforma in una massa informe, snaturata, viscerale e seducente, metafora di un’interiorità che cerca di essere liberata. Come trasmettere al pubblico l’esperienza sensibile che le opere selezionate hanno operato sulla stessa coreografa? Come far rivivere a chi guarda le sensazioni provate, la libertà, l’evocazione del proprio personale tormento?

Categorie: Danza

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?