News su Danza

Aggiornato: 1 ora 18 min fa

Per...inciso

Ven, 19/10/2018 - 10:35

21/10/18

Teatro del Lido di Ostia

Di E.sperimenti e Gdo Dance Company
coreografie Mattia de Virgiliis, Francesco Di Luzio,  Federica Galimberti

Una serata di musica e danza firmata E.sperimenti e Gdo Dance Company, con le coreografie di Mattia de Virgiliis, Francesco Di Luzio, Federica Galimberti. L’Italia vista attraverso la voce dei suoi cantautori  dagli anni ‘60 ad oggi; uno spettacolo che “dice musica, canta movimento e danza parole” e  che mette d’accordo generazioni diverse con vissuti ed emozioni analoghe.

Lo spettacolo è costruito con un linguaggio del tutto particolare, che “dice” musica, “canta” movimento e “danza” parole. Il risultato è un insieme espressivo, emozionante, critico, che si esprime nel linguaggio “contaminato” di questi tre giovani autori, Federica Galimberti, Mattia de Virgiliis e Francesco Di Luzio, che hanno trovato nel confronto a tre mani un gioco stilistico fruttuoso, che ha dato vita ad una grammatica comune, che tiene gli spettatori sospesi fino alla fine come in un concerto, attenti come in uno spettacolo teatrale, coinvolti dalle emozioni che dal palco si riversano sulla platea. Dalla lunare atmosfera dell’intramontabile Nel blu dipinto di blu, anni ’60 e prime coppie nell’Italia del boom, fino al rap di Jovanotti, passando attraverso Gaber e De Andrè, Guccini e Capossela; è l’Italia ad essere protagonista, sono i cantautori che con la loro musica l’hanno resa vera così come la si vede e soprattutto reale, così come la si “ascolta”. In scena i performer interpretano questo frizzante ed energico lavoro muovendosi sinuosamente tra le pulsanti melodie del passato e le voci più care al pubblico italiano, unendo generazioni diverse attraverso vissuti ed emozioni comuni. Nel susseguirsi di tante sensazioni e atmosfere compare inaspettato Lui, quello strano personaggio senza tempo che si anima per dare al pubblico le sue ironiche divagazioni e riflessioni sul grande tema della Libertà, un pensiero ricorrente nei testi dei cantautori e tanto più attuale oggi, alla luce degli avvenimenti che scuotono di continuo le coscienze nel profondo.

Gli interpreti, abili nel contaminare stili e tecniche, dal contemporaneo all’hip hop, si esprimono attraverso la cifra stilistica che li caratterizza: far convivere tradizione ed innovazione, giovani e non più giovani, far emozionare nel condividere un messaggio tramite la loro grammatica gestuale di impatto, fortemente teatrale e volutamente leggera, con il sorriso dell’ironia, che ne è la forza dirompente quando sono tutti insieme. per cercare delle preziose incisioni di cui non avevano percepito la profondità.

Categorie: Danza

Serata finale Sezione Danza

Mer, 10/10/2018 - 16:57

10/10/18

Spazio Diamante

Serata finale Sezione Danza

Con Luciana Savignano

Categorie: Danza

Coreografia Balletto di Roma

Mer, 10/10/2018 - 16:45

10/10/18

Spazio Diamante

Balletto di Roma
Coreografia di Emanuele Burrafato

Omaggio a Luciana Savignano, ospite del Festival.

Categorie: Danza

Gran Galà di Carnevale

Mer, 10/10/2018 - 10:51

02/03/19

"Memento Audere Semper” ricordati di osare sempre, frase di Gabriele D’Annunzio,  utilizzata per la réclame dell’evento La Maschera di Roma. La location è stata la dimora di personaggi illustri, non ultima la famiglia Reale dei Savoia, Villa Grant è soprattutto una Domus Romana appartenuta anticamente al poeta Publio Terenzio. Il fascino del parco e i saloni del ‘400 rievocheranno e faranno rivivere l’emozione di antichi fasti nobiliari.

Rigorosamente in maschera con costume d’epoca, il dress code elegante è sui temi dell’Antica Roma, o del periodo ‘700-’800 o della Belle Epoque.

Ancelle e Legionari della Roma Imperiale  vi accoglieranno per la sistemazione nelle sale di Villa Grant, alle ore 19.00, è previsto un magnifico aperitivo nell’incantevole parco tra i profumi dei giardini con crew acrobatiche e spettacolari performance di graziose ballerine sulle note di violino e flauto. Alle ore 21.00 inizia la cena di gala negli antichi saloni, rivisitazioni gourmet di piatti romaneschi con esibizioni di Opera Lirica che accompagneranno il banchetto e la festa sino al gran ballo finale in maschera.

Categorie: Danza

Gran Milonga Tradizionale

Lun, 01/10/2018 - 16:23

06/10/18

 21.00 _ 22.15 – Special Class Tango livello I/A con Pablo Moyano & Roberta Beccarini – Escuela Tango El Piso
 22.15 _ 03.30 – Milonga Tradizionale TDj Walter Venturini

Categorie: Danza

BombonCita Milonga

Lun, 01/10/2018 - 15:45

05/10/18

Bomboncita Milonga con la collaborazione di Barbara Cicero: Solo tango orchesta, dalla Russia, con il famosissimo Cantor argentino Ariel Ardit.

Solo tango orchesta,, una delle orchestre di tango più amate dal pubblico mondiale, composta da 4 pazzeschi musicisti russi che si esibiranno con lo straordinario cantante argentino Ariel Ardit, famoso e apprezzato in tutto il mondo.

Categorie: Danza

Lo Schiaccianoci

Mar, 18/09/2018 - 16:32

27/01/19

Teatro Italia

Classica-CLASSICAL GRAND BALLET nel repertorio di Tchaikovskiy “Lo Schiaccianoci”.
Balletto in due atti, musica di Pëtr Il’ič Tchaikovskiy, 30 ballerini in scena.
La compagnia è diretta dalla Prima Ballerina Olga Kifiak ed è composta da 30 ballerini provenienti dai Teatri più prestigiosi del ex Unione Sovietica. Tra di loro famosissimi ballerini dal Giappone e Germania.

Categorie: Danza

Branchiamo

Mar, 18/09/2018 - 16:18

da 27/12/18 a 01/01/19

Teatro Hamlet

BRANCHIAMO

Scritto e diretto da Anna Fraioli
Con la Compagnia de La Bottega dell'attore

Cosa ti può succedere quando, dopo tanti anni e tanta vita vissuta insieme, vedi tuo marito che si avvicina a te, ti stringe e mentre ti bacia appassionatamente ti dice: “Amore preparati. Ho prenotato nel ristorante più romantico della città”? Che ti svegli! Ecco cosa ti può succedere!

Oh mamma! Dove sono? Che ora è? Chi diamine è quell'estraneo dal bizzarro linguaggio mugugnante che mi circola dentro casa in mutande? Ma dove sta quel ragazzo che ho conosciuto un tempo? Ma sì! Quello che sta nella foto sul comodino?

E…fermi tutti! Chi è quella donna che vedo in nello specchio? Non posso essere io! No, non è possibile, io non metterei mai quella vestaglietta a pois che sembra uscita dall'armadio di mia nonna! Marrone! Ho sempre odiato il marrone. E i pois! Menomale che ci sono le amiche. Loro sanno sempre come aiutarti. Sempre. Loro non hanno problemi con gli uomini. Mai. Quasi mai.

Sempre! Sono spacciata. Ma la Vita riserva sempre qualche sorpresa. Non si sa bene come faccia, ne ha di fantasia. Forse mette insieme a caso gli ingredienti che si trova davanti: magari un marito distratto e una moglie delusa. Un nonno all'antica e due nipoti che da anni frequentano il quinto liceo.

Una donna perennemente inquieta, una irrimediabilmente affetta da dissacrante cinismo, una impiegata pettegola, un avvocato marpione affetto dall' ars oratoria , un barista psicologo e una astrologa esperta. Poi mescola, mescola, mescola e lascia decantare tutto nel momento più serio della vita di ogni tifoso: il Derby della Capitale!

E all'improvviso tutto prende forma e diventa Felicità.

Categorie: Danza

Dobbiamo parlare

Mar, 18/09/2018 - 16:15

da 08/11/18 a 11/11/18

Teatro Hamlet

DOBBIAMO PARLARE
Di Sergio Rubini, Carla Cavalluzzi e Diego de Silva

Regia: Gina Merulla
Con Ilario Crudetti, Patrizia Casagrande e Alessandro Catalucci

Categorie: Danza

Carmen sui generis

Mar, 18/09/2018 - 16:13

da 29/09/18 a 30/09/18

Teatro Hamlet

CARMEN SUI GENERIS
Spettacolo di Danza Contemporanea

Regia e coreografie: Eleonora Frascati

Interpreti :

Ottavia Calderaro
Elisa Cecca
Ludovica Cimmino
Melania Delli Compagni
Sara Franzil
Rosa Melicchio
Sara Spiro 

“Un gioco di contrasti che crea un corto circuito a livello percettivo. Personaggi surreali tra suoni metallici e melodie solenni. Sei Carmen e la loro storia; un'atmosfera asettica che parla di femminicidio tra il futuristico e il retrò.”

‘Carmen Sui Generis' ripercorre la storia della celebre opera di Bizet scardinandone l'aspetto classico , dando vita ad una rappresentazione  surreale, irriverente, poetica e divertente.

Tra danza contemporanea e performance, Carmen , interpretata da sei donne che ne rafforzano gli intenti , è una donna vendicativa ed ammaliatrice (caratteristiche rappresentante in modo non convenzionale  se non all'opposto degli stereotipi).

La protagonista ritorna nella sua storia ,già scritta e già vissuta , per sovvertirne le regole e cambiarne le sorti. Carmen non si lega a chi incontra sulla sua strada, è lei che lega e che determina. I suoi famosi amanti, Don Jose ed Escamillo, vengono rappresentati in versione ‘Genderless' , in un mondo in cui il genere non conta, ma ciò che conta è la propria unica sostanza , enfatizzata in modo grottesco e contemporaneo, grazie ad oggetti di scena ‘reali' in un contesto ‘surreale', e attraverso  interpretazioni fuori dai canoni ed esagerate.

Lo spettacolo coinvolgerà il pubblico  in un'esperienza  che stravolgerà  le sue abituali aspettative.

Categorie: Danza

Music for Love

Mar, 18/09/2018 - 16:03

19/09/18

Teatro Golden

Music for Love
Fabrizio Bosso Quartet

featuring Mario Rosini

Special guest Riccardo Onori  - Duni Jazz choir – Simona Bencini
da un’idea e produzione di Franco Nannucci con Max Maglione
in collaborazione con Francesca Arena e Matteo Massai

Categorie: Danza

Da Parigi a Vienna. Danze europee dal '600 all'800

Ven, 14/09/2018 - 10:25

22/09/18

Biblioteca Vallicelliana

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2018, dedicate quest'anno al tema L'Arte di condividere, la Biblioteca Vallicelliana effettuerà un'apertura straordinaria al pubblico. In programma l'evento Da Parigi a Vienna. Danze europee dal '600 all'800 con Susanna Serafini e gli allievi dell'I.S.D. Istituto Superiore Danza, sezione classica e sezione danze storiche. Un viaggio nell'arte della danza che attraversa l'Europa, spaziando dalla tarantella alla seguidilla fino al valzer viennese. 

Direzione artistica di Susanna Serafini. Coreografie di Susanna Serafini (Accademia Nazionale di Danza, Roma) e Richard Powers (Stanford University).

Le Giornate Europee del Patrimonio sono un appuntamento fisso del MiBAC per riaffermare la centralità del patrimonio culturale e del suo valore storico, artistico, identitario. Promosse dal 1991 dal Consiglio d'Europa e dalla Commissione Europea, le GEP si propongono di far conoscere e apprezzare da tutti i cittadini il patrimonio culturale condiviso e incoraggiare la partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni.

Susanna Serafini si diploma come insegnante presso l'Accademia di Danza nel 1981, dove insegna, nel 1982, corsi di danza propedeutica. Nel 1991 vince un concorso per la Storia della Danza, nel 2009 consegue la specializzazione nel biennio in arti coreutiche- indirizzo classico presso l'Accademia Nazionale di Danza, Roma. Attualmente è coreografa specializzata in Danze di società dell'800 (quadriglia, contraddanza, valzer, polka, mazurka).

Categorie: Danza

Magnitudo

Ven, 07/09/2018 - 11:46

29/09/18

Nuovo Teatro Orione

Show di Danza firmato Giordano Orchi

CAST: Giordano Orchi, Elisa Cunselmo, Angelo Vignola, Tatiana Zarrella, Alberto del Prete, Federico Milan, Roberta Canazza, Vittoria Markov.

A distanza di 2 anni, forte del successo di pubblico e critica su Milano, MAGNITUDO farà tremare ROMA.
Lo show nasce dalla mente del danzatore e coreografo Giordano Orchi. La sua creatività e le sue esperienze l’ hanno motivato ad auto prodursi e scrivere il suo show, dove la miscela elettrica di diversi generi di musica e danza, muove 9 danzatori.
Senza una storia definita, il pubblico vivrà fisicamente il racconto massimamente emotivo e dinamico di RELAZIONI.
Noi nasciamo da una relazione quindi prima di essere uno, siamo due. La nostra identità? Viene creata dalle relazioni, nessuno crea se stesso nell’ isolamento. Le relazioni ci permettono di incontrarci ed esplorare territori di noi che altrimenti resterebbero sconosciuti.
Oggi Giordano afferma: “Sono completamente felice e trepidante di riportare alla luce Magnitudo. Il cuore dello show rimarrà lo stesso, ma ne sono successe di cose nella mia vita in questi due anni e Magnitudo non poteva che assorbirle. Vorrei che ogni singola persona che verrà a vederlo, si riconosca così fortemente nelle relazioni che racconterò, da non riuscire a stare seduta."

Categorie: Danza

Frida am I

Ven, 07/09/2018 - 10:45

09/09/18

Teatro Biblioteca Quarticciolo

FRIDA AM I
Dedicato a Frida Kahlo

Frida Frido Freedom. Libera di essere quello che voglio.
Sono donna e sono uomo, sono acqua e sono fuoco, sono tempesta e calma assoluta, non piangere, non sono perduta, io volerò io ci riuscirò, dipingerò la vita con tutti i colori possibili, la guarderò attraverso me stessa, ma sarò io, sola o no, ferma o no, sarò l’azzurro e il rosso, il bianco e il nero, sarò libera, sarò viva, sarò quello che tu non vedi e quello che ti acceca.
Io ci sono, esisto e sono viva, io sono Frida.

Federica Gumina, attrice, danzatrice di tango argentino, conduce una ricerca sulle nuove possibilità espressive e comunicative del corpo contaminando il tango argentino con la danza contemporanea, testo e voce.

Categorie: Danza

Blanche Neige

Gio, 06/09/2018 - 13:50

da 03/05/19 a 09/05/19

Teatro dell'Opera (Costanzi)

MUSICA Gustav Mahler
Balletto in quattro atti

COREOGRAFIA Angelin Preljocaj
MUSICA AGGIUNTIVA 79D
SCENE Thierry Leproust
COSTUMI Jean-Paul Gaultier
LUCI Patrick Riou

Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma

Musiche su base registrata

Categorie: Danza

Carmen

Gio, 06/09/2018 - 12:51

da 02/02/19 a 10/02/19

Teatro dell'Opera (Costanzi)

MUSICA Georges Bizet
Balletto in due atti da Prosper Mérimée
 
DIRETTORE Louis Lohraseb
COREOGRAFIA Jiří Bubeníček

Orchestra e Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma

Nuovo allestimento

Categorie: Danza

Apoxyomenos

Gio, 30/08/2018 - 15:06

07/10/18

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Apoxyomenos
coreografia Claudio Bernardo
con Milka Bartolović, Natalia Horsnell, Ozana Mirković, Barbara Novković Novak, Lucija Radić, Cristiana Rotolo, Rieka Suzuki, Atina Tanović, Iva Višak, Iva Vitić Gameiro, Guilherme Gameiro Alves, Gianmarco Beoni, Alen Gotal, Adam Harris, Andrea Schifano, George Stanciu, Takuya Sumitomo
musica Tamara Obrovac
musica elettronica Yves De Mey
drammaturgia lada kaštelan
scenografia Numen
costumi Silvio Vujičić
balletto Mihaela Devald, Ilir Kerni
pedagogo vocale Sofia Ameli Gojić
assistente scenografo Vanja Magić
i musicisti Krunoslav Levačić (batteria), Bruno Urlić (violino)
suono stipe Smokrović

Produzione Hrvatsko Narodno Kazalište U Zagreb
Théâtre De Liège-As Palalvras Cie Claudio Bernardo

“Conoscete quella sensazione di elevazione che si prova la prima volta che si vede il mare?”: è proprio questa la meraviglia che caratterizza la nuova performance del corpo di ballo del Teatro Nazionale Croato di Zagabria, Apoxyomenos, solenne storia di popoli e mari. La pièce è una protesta contro le guerre, ma anche contro gli dei, attraverso un racconto in danza sulla vita e sulla morte nelle acque del Mediterraneo, che i diciassette danzatori colorano con i loro corpi e con una performance composta da improvvisazioni.
Una avventura in quel mare, culla dell’umanità, tra miti e fatiche umane, da Euripide alle donne di Troia, fino ai migranti odierni, tutti legati da quelle stesse acque in cui la Storia ha viaggiato e si è perduta.

Categorie: Danza

Tu, mia

Ven, 24/08/2018 - 11:44

da 14/12/18 a 16/12/18

Teatro Tor Bella Monaca

Idea e regia Claudio Prati e Ariella Vidach
coreografia Ariella Vidach
interpreti Compagnia Ariella Vidach Aiep
programmazione max-msp Paolo Solcia
grafica interattiva e visiva Sebastiano Barbieri
set Claudio Prati
costumi AiEP

Ariella Vidach | AIEP

Si tratta di un progetto che riflette sulle nuove forme di spettatorialità al fine di innescare un percorso che vede lo spettatore in un ruolo attivo, oltre che critico, in grado di determinare e trasformare la scena con le sue scelte e la sua presenza. Nel processo di costruzione del progetto, lo spettatore è invitato a rispondere a un appello, diventando così, attraverso una pratica di accompagnamento e partecipazione, protagonista attivo del percorso coreografico. Si realizza attraverso una performance site specific esperienziale per spazi convenzionali e non un happening coreografico collettivo che vede l’attivazione di un pubblico “aumentato” misto, composto da danzatori, artisti e normali spettatori.

Con il sostegno di DAC città di Lugano MIBACT Roma, Comune di Milano

Categorie: Danza

10 giardini da non perdere

Ven, 24/08/2018 - 11:40

da 04/12/18 a 05/12/18

Teatro Tor Bella Monaca

Idea e regia Claudio Prati e Ariella Vidach
coreografia Ariella Vidach
interpreti Compagnia Ariella Vidach Aiep
programmazione max-msp Paolo Solcia
grafica interattiva e visiva Sebastiano Barbieri
set Claudio Prati
costumi AiEP

Ariella Vidach | AIEP

Si tratta di un progetto che riflette sulle nuove forme di spettatorialità al fine di innescare un percorso che vede lo spettatore in un ruolo attivo, oltre che critico, in grado di determinare e trasformare la scena con le sue scelte e la sua presenza. Nel processo di costruzione del progetto, lo spettatore è invitato a rispondere a un appello, diventando così, attraverso una pratica di accompagnamento e partecipazione, protagonista attivo del percorso coreografico. Si realizza attraverso una performance site specific esperienziale per spazi convenzionali e non un happening coreografico collettivo che vede l’attivazione di un pubblico “aumentato” misto, composto da danzatori, artisti e normali spettatori.

Con il sostegno di DAC città di Lugano MIBACT Roma, Comune di Milano

Categorie: Danza

Apriti ai nostri baci

Ven, 24/08/2018 - 11:28

da 13/11/18 a 14/11/18

Teatro Tor Bella Monaca

Regia e coreografia Francesca La Cava
drammaturgia Guido Barbieri
musica originale e live electronics Fabio Cifariello Ciardi
video mapping Salvatore Insana
scene e costumi Chiara Defant
disegno luci Carlo Oriani Ambrosini
interpreti e collaborazione Sara Catellani, Andrea Di Matteo, Francesca La Cava, Manolo Perazzi e Valeria Russo
regia del suono Angelo Benedetti

Gruppo e-motion

Il Novecento, secondo Christian Boltanski, è un muro. Un muro di ferro, immenso, sul quale si aprono centinaia di cassetti. Su ogni cassetto è stampato un numero e dentro ogni cassetto è nascosta una vita. O meglio le tracce di una vita: un certificato di nascita, una fotografia, un atto di proprietà, un documento di identità. Quel muro si intitola “Personnes”, cioè “persone”, ma anche “nessuno”. Il secolo nel quale sono nati i tre quarti dell’umanità è infatti diviso a metà da una contraddizione alta (per l’appunto) come un muro: da un lato è il secolo in cui l’individuo è la base ortogonale della società, in cui la persona, con il corredo dei suoi bisogni dei suoi desideri, occupa il vertice del sistema dei valori. Ma dall’altro è il secolo dei consumi di massa, della cultura di massa: l’insieme degli individui che compongono la comunità sociale è, paradossalmente, la misura di quegli stessi bisogni e di quegli stessi desideri. Per un verso la persona detta le leggi della convivenza collettiva, per l’altro si scioglie nel magma indifferenziato della folla. L’uomo massa diventa l’uomo atomo, la persona diventa nessuno, la convivenza solitudine.

Con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Abruzzo e del Comune dell’Aquila.

Categorie: Danza

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?