News su Danza

Abbonamento a feed News su Danza
Aggiornato: 36 sec fa

Resid’ and in Tour - Un voyage dansant di Ensemble Donaïres

Ven, 15/02/2019 - 11:31

da 16/02/19 a 17/02/19

Teatro del Lido di Ostia

Programma:

Sabato16 febbraio  ore 21.00 -  Resid’AND in Tour!
progetto della Scuola di Danza Contemporanea dell’AND
a cura di Stefania Brugnolini e Dino Verga
coreografie di Benedetta Capanna, Malcom Sutherland e studenti dell’AND
in scena studenti/danzatori dell’AND
Produzione Accademia Nazionale di Danza diretta da Enrica Palmieri

Resid’and nasce con lo scopo di far dialogare l’Accademia Nazionale di Danza, unico Istituto italiano di Alta Formazione Coreutica, con la danza indipendente, selezionando alcune tra le proposte più interessanti del panorama della danza contemporanea nazionale e internazionale. Il progetto ha come obiettivo quello di creare occasioni performative per gli studenti/danzatori dell’AND, oltre allo spettacolo di fine anno accademico, di ampliare dunque la formazione artistico-culturale confrontandosi con la scena, di ricercare e sperimentare accogliendo le proposte dei coreografi ospiti in uno scambio generativo di creatività ed apprendimento. Il progetto prevede che la serata dello spettacolo conclusivo del coreografo residente sia integrata con l’intervento di alcuni brani coreografici-composizioni, studi, prove finali e tesi- creati dagli studenti danzatori della Scuola di danza contemporanea, dalla Scuola di Coreografia e dal Biennio contemporaneo della Scuola di Didattica. In seguito al successo che da tre anni riscuote il progetto Resid’AND, la Scuola di Danza Contemporanea in accordo con la direzione dell’Accademia nazionale di danza Enrica Palmieri, ha elaborato Resid’AND in Tour, già dallo scorso anno, con il proposito di portare le produzioni più significative delle residenze coreografiche fuori la sede dell’Accademia e farle quindi circuitare nei teatri del territorio nazionale ed internazionale.

Domenica 17 febbraio ore 18.00 - EUROPA DANZA - un voyage dansant
ideazione, coreografia e danza Olivier Collin e Ana Yepes
costumi Jeff Castaing - luci Dominique Guerder
musiche di Campra, de Courson, Deneuve, Falla, Gluck,  Kapsberger, Le Berre, Praetorius, Salvi, Vivaldi
Produzione Ensemble Donaïres direzione artistica Ana Yepes

Europa danza  - Un Voyage Dansant  è un viaggio nel tempo attraverso la danza. Due personaggi viaggiano in diverse corti d’Europa tra il XVI e il XVII secolo con spirito libero e volontà di giocare. Giocando con i loro corpi, i ballerini creano curiosi dialoghi con i movimenti di altri tempi e lasciano spazio al ritmo, al suono e alla luce per accompagnare la fantasia di questo viaggio in danza europeo. Il cuore del progetto è rappresentato dalle suite di danza dell’Europe Galante e dell’Opera Ballet (1697). In scena quattro nazioni in danza: la Francia, con il Rigodone e il Passepied, la Spagna con due danze spagnole, l’Italia con la Giga e la Furlana e la Turchia con la Passacaglia. Le coreografie utilizzano il vocabolario della danza barocca francese con passi e movimenti specifici per ogni brano. Quattro pilastri barocchi assieme a coreografie e musiche di altri periodi (dal Rinascimento al XX secolo). Un’occasione per scoprire, tra gli altri, un brano contemporaneo di Cristal-Baschet (l’Allegro da Dancing Drops Michel Deneuve), una popolare Tarantella, danzata su una base di fisarmonica, la Suite spagnola, Canarios e infine una Jácara, danza popolare spagnola che, con le sue nacchere, ci proietta nella Spagna dell’età dell’oro. Sul palcoscenico, un duo costruito sulle caratteristiche proprie dei due artisti: Olivier Collin e Ana Yepes, amici, curiosi e intrepidi. L’affiatamento dei due danzatori si fonda sulla comune formazione e passione per la musica (entrambe sono ballerini contemporanei, specializzati in danze storiche e strumentisti) ma allo stesso tempo sulle loro diversità di origini, età, e personalità. Una complicità che si esprime sulla scena attraverso la danza in cui il corpo diventa la base di un linguaggio comune. Un dispositivo scenico ‘contemporaneo’ dà un trattamento attualizzato alle coreografie che usano i codici delle danze storiche. Luci e suoni sono gestiti direttamente dai danzatori sulla scena. Si creano così transizioni visive che mettono i due danzatori al centro del viaggio. Sono loro stessi che gestiscono il tempo e lo spazio, la luce e il suono. Il duo diventa così la ‘fonte’ dello spettacolo.

Categorie: Danza

La bella addormentata

Gio, 14/02/2019 - 10:31

da 18/05/19 a 19/05/19

Teatro Ciak Roma

La bella addormentata

Prodotto dalla
Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini
Compagnia Almatanz di Luigi Martelletta 

Le fiabe tradizionali sono inesauribili miniere di suggestioni e riflessioni sulle trasfomesso in scena con piccole e sottili licenze poetiche giustificate da trovate registiche e coreografiche e da un gioco di ritmi e di gruppo tra i danzatori. Le fate, complici e diffidenti l’una dell’altra, sono un unico “ensemble” di passione, caos e razionalità. La fata cattiva (rappresentata in realtà da un danzatore en travesti) è unica, credibilissima nel suo essere sopra le righe, elegantissima, “femmina” e cattiva al punto da non far paura perché inesistente in natura agli occhi di un bambino.

In questo racconto di Perrault il coreografo Luigi Martelletta attraverso il suo linguaggio neoclassico, oltre al gruppo già formato dalla compagnia, coinvolgerà degli artisti ospiti di livello internazionale e nella sua visione della danza che costituisce infatti una fusione articolata tra cultura europea contemporanea ad acquisizioni di dinamiche neo classiche, allestirà un balletto che pur non tralasciando tutti gli aspetti della fiaba e la delicatezza della vicenda onirica, proporrà una chiave di lettura più moderna, più attuale, per narrare, tutti gli elementi essenziali che la trama comporta. La musica di Cajkovski raccoglie nelle sue immortali pagine, l’incanto di una drammatica favola romantica, ma subirà delle piccole trasformazioni con gli interventi di Alessandro Russo, che comporrà alcune transizioni musicali con le quali sarà possibile legare tutti i quadri che si susseguiranno.

Categorie: Danza

Il lago dei cigni

Gio, 14/02/2019 - 10:03

da 02/03/19 a 03/03/19

Teatro Ciak Roma

Il lago dei cigni

Prodotto dalla
Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini
Compagnia Almatanz di Luigi Martelletta 

Coreografia Luigi Martelletta

Lo spettacolo nasce da un’idea che da molti anni il coreografo Luigi Martelletta inseguiva e desiderava mettere in scena, la sua lunga ed intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma ed in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto. La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione vorremmo esaminare e sviscerare; la drammaturgia classica dell’azione coreografica - teatrale del balletto infatti, è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampi e sfaccettati, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, ma che ormai risultano inutili, pesanti e noiose. Non mancheranno però tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: I cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto molto altro.. 

Questo balletto insomma,è autenticamente una creatura di oggi,del presente,con tutto quello che ciò comporta. La sua particolarità,la sua eccezionalità consiste proprio in questa sua capacità,estrema e radicale,di proporsi vivo e attualissimo,pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico,di già visto,di già vissuto,espressionista nel senso più universalistico e antistorico della definizione: in quanto rappresentazione della realtà-realtà esasperata e sconvolta,ma del tutto riconoscibile- in una dimensione non semplicemente realista,ma, tutt’altro,profondamente vera. L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta,regolata da un ordine imperturbabile, è l’obiettivo totalizzante della creazione

Categorie: Danza

Frida Kahlo

Mer, 13/02/2019 - 16:22

06/03/19

Teatro Ciak Roma

Spettacolo-Documentario Sulla Vita
E Il Tempo Della Pittrice Messicana Frida Kahlo.E
Teatro, Musica dal vivo e Flamenco.
Ideato e diretto da Manfredi Gelmetti

A chi le chiese perché ritraesse soprattutto se stessa, Frida rispose: "Dipingo me stessa perché trascorro molto tempo da sola e perché sono il soggetto che conosco meglio" .
 
La vita e le opere della pittrice messicana Frida Kahlo continuano ad esercitare un grandissimo fascino artistico e un forte impatto emotivo. Visse appena 47 anni, in Messico, e la sua passione fu la politica: comunista dichiarata prese parte a tutte le lotte pacifiche e i fermenti a difesa dei molti oppressi e dei poveri.

Lo spettacolo ideato da Manfredi Gelmetti è un viaggio nell’ intimità tormentata della pittrice, nella lotta con se stessa per la sopravvivenza, per l’accettazione di una vita segnata da una malattia incurabile, dall’ amore tormentato per Diego Rivera.

La danza (il Flamenco) diventa protagonista, testimone e salvezza di Frida, raccontata dallo stesso regista attraverso la fusione di parole e musica.
Lo spettatore accompagnerà Frida attraverso il suo viaggio catartico, rivivrà momenti della sua esistenza terrena attraverso le parole di Diego, seduto alla sua scrivania ed i ricordi saranno plasmati dalla danza di Frida e dalle note dei musicisti.

Categorie: Danza

The Tokyo Ballet

Mer, 06/02/2019 - 14:24

26/06/19

Terme di Caracalla

THE TOKYO BALLET
LA BAYADÈRE “Il Regno delle Ombre”

Produzione ideata e diretta da Natalia Makarova
Musica Leon Minkus
Coreografia Natalia Makarova da Marius Petipa

TAM-TAM et PERCUSSION

Musica Jean-Pierre Drouet /  Pierre Cheriza

Coreografia Felix Blaska

 

LE SACRE DU PRINTEMPS

Musica Igor Stravinskij

Coreografia Maurice Béjart

Categorie: Danza

Romeo e Giulietta

Mer, 06/02/2019 - 13:59

da 30/07/19 a 04/08/19

Terme di Caracalla

Martedì 30 luglio ritorna in scena il balletto Romeo e Giulietta, sulle note di Sergej Prokof’ev interpretate dall’Orchestra del Teatro diretta da David Levi.

La regia e coreografia di Giuliano Peparini è stata ideata perché la vicenda dei due giovani amanti si snodi sullo sfondo delle antiche mura e, allo stesso tempo, queste scandiscano gli spazi dei duelli e delle battaglie fra le due famiglie rivali. Le scene sono di Lucia D’Angelo e Cristina Querzola, i costumi di Frédéric Olivier, la videografica di Gilles Papain e le luci di Jean-Michel Désiré. Tutti gli spettacoli vedranno impegnata l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma. In entrambe le opere il Coro del Teatro sarà diretto da Roberto Gabbiani.

Romeo e Giulietta
Musica di Sergej Prokof’ev

Balletto in due atti
dalla tragedia di William Shakespeare
Durata: 2h 45' - intervallo 30'
direttore David Levi
Regia e coreografia Giuliano Peparini

Giulietta Rebecca Bianchi / Susanna Salvi 1 agosto
Romeo Claudio Cocino / Michele Satriano 1 agosto

Categorie: Danza

Serata Philip Glass

Mar, 05/02/2019 - 15:24

da 29/03/19 a 02/04/19

Teatro dell'Opera (Costanzi)

Hearts and Arrows
Coregrafia Benjamin Millepied

Musica su base registrata

Glass Pieces
Coreografia Jerome Robbins
Scene Jerome Robbins e Ronald Bates
Costumi Ben Benson
Luci Jennifer Tipton

Nuit Blanche
Coreografia Sébastien Bertaud
Scene Andrea Miglio
Costumi Maria Grazia Chiuri per la Maison Christian Dior

con Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel
 
Orchestra e Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma

Nuovo allestimento

Categorie: Danza

LES ÉTOILES

Ven, 01/02/2019 - 06:02

24/01/20

Auditorium Parco della Musica

Torna Les Étoiles, gala a cura di Daniele Cipriani: appuntamento di danza più atteso della capitale, scintillante cascata di stelle, in un ricco programma di virtuosismi “in volo” e sulle punte tratti dal repertorio classico  insieme a brani firmati dai coreografi di punta di oggi. 
Leitmotif di Les Étoiles  di Daniele Cipriani sono la sua internazionalità e quella speciale qualità che fanno della danza il modello di una società e di un mondo ideali.
 
Categorie: Danza

Roberto Bolle and Friends

Gio, 31/01/2019 - 14:20

da 09/07/19 a 11/07/19

Terme di Caracalla

Torna lo straordinario Roberto Bolle, celebre étoile scaligera e principal dancer dell’American Ballet Theatre di New York, alle Terme di Caracalla con il consueto appuntamento estivo senza precedenti per gradimento e presenze. 

Il Gala dei gala che nasce dall’esperienza e dal carisma di Roberto Bolle qui in veste di interprete e direttore artistico, riunisce alcune delle stelle più brillanti del panorama ballettistico internazionale. Un evento unico, imperdibile per gli spettatori che dal 2011 accorrono alle Terme di Caracalla numerosi e desiderosi di vedere il loro beniamino e icona del balletto mondiale esprimersi in uno dei luoghi più suggestivi e maestosi della capitale.
 Il suo talento, la bellezza del suo corpo perfetto, la sua grazia ed eleganza lo rendono una creatura leggiadra e il dialogo che riesce a stabilire con l’apparato architettonico che lo incornicia, lo sublima, regalando ai presenti un’esperienza estetica ed artistica profondamente emozionante.

Categorie: Danza

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA / MARGRÉT SARA GUÐJÓNSDÓTTIR

Gio, 31/01/2019 - 06:02

26/02/19

Auditorium Parco della Musica

La stretta e continuativa collaborazione tra l’Accademia Nazionale di Danza di Roma e la Fondazione Musica per Roma compie un importante passo avanti grazie alla presenza degli studenti dell’Accademia nella programmazione di Equilibrio Festival 2019 dedicato ai Paesi nordici. Gli studenti del 3° anno del corso di diploma di 1° livello della Scuola di Coreografia seguiranno infatti un workshop curato dalla coreografa islandese Margrét Sara Guðjónsdóttir dal titolo Full Drop into the body. Il lavoro condotto con i giovani allievi culminerà in due performance distinte all’interno della programmazione di Equilibrio Festival: una, in collaborazione Adr, presso l’aeroporto di Fiumicino e l’altra – a coronare le manifestazioni della giornata conclusiva – nel foyer della Sala Sinopoli. Dal punto di vista simbolico risulta meritorio e importante che i nostri futuri ballerini e coreografi professionisti si accostino attraverso questo lavoro a una delle più interessanti correnti della danza europea e accrescano così la propria consapevolezza della necessità di uno spirito e di un’estetica globali.  
Categorie: Danza

Musica di liv lady b per il tango - Raniero Ferracuti per il neo tango

Mar, 29/01/2019 - 11:25

01/02/19

Barrio - Club lanciani

Programma
Soppalco
20.30 - 23.30 – Menù Pinsa o Menù Carne – si mangia in Milonga

Salon Blanco
21.30 - 22.30 – Lezione Chacarera con la Scuola Rossotango
22.30 - 03.00 – Milonga Tango Tradizionale TDj Liv Lady B
 a mezzanotte Show dei Ragazzi della Scuola Rossotango

Salon negro
22.30 - 03.00 – Tango Nuevo TDj Raniero Ferracuti

Categorie: Danza

Lezione Tango

Mar, 29/01/2019 - 11:10

29/01/19

BiblioCaffè Letterario

Programma

Ore 20.00 - 22.00 – Open Buffet di Verdure, Primi e Secondi by Chef Andrea
Ore 21.30 - 02.00 – Milonga Tradizionale TDj Luis Goñi
Rosa Pisani by Rotango presenta: • lo “SHOW” Tanya Gutierrez & Sebastian Avendano ballerini/maestri invitati alla serata; • il “Juego de la Noche”: puoi ballare con i Maestri e dare il tuo contributo solidale di 1 tanda 10€ a favore dell’Angsa Lazio Onlus; • la “Riffa”: puoi vincere il Cesto con i prodotti donna/uomo di alta qualità offerto dal centro estetico “Essenze di Benessere”
Sala vetri
21.00 - 21.30 – Primi Passi Gratis di Walter Venturini
21.30 - 22.30 – Lezione Tango Salòn Open Class diff. progressiva di Walter Venturini

Categorie: Danza

Tango y nada mas

Mar, 22/01/2019 - 12:47

24/02/19

Teatro Italia

Compagnia: Tango Rouge Company
Coreografie: Neri Piliu e Yanina Quiñones
Cast: 8 ballerini
Orchestra dal vivo:Tango Spleen Orquestra

Produzione: LIGHT CAN DANCE
Audio Francesco Carpentieri
Disegno luci: Roberto Romaniello

LO SPETTACOLO  UN TANGO TRASFORMISTA ...un tango che prima di immergersi nei lustrini del palcoscenico ha attraversato la polvere delle strade. Un tango  che irrompe nei giochi dei bambini, prima di stravolgere le dinamiche di seduzione degli adulti. Un tango che, pur popolando l'Olimpo delle arti, non abbandona mai l'universo del divertimento. Un tango che esprime passione, drammaticità e benessere. Questa la sintesi dello spettacolo di tango argentino Tango Y Nada Mas. A fare da sfondo alle esibizioni dei otto  ballerini una teatralità delicata, naturale e finalizzata alla costruzione di una narrazione appena accennata: un  racconto di crescita del tango, nel tango e per il tango.

YANINA QUINONES E NERI PILIU
Yanina Valeria Quiñones e Neri Luciano Piliù ballano insieme dal 2006.
Si formano professionalmente all’Accademia  de Estilos de Tango Argentino (ACETA) con rinomati milongueros e maestri, tra cui: Carlos Perez e Rosa, Pupi  Castello, Gloria ed Eduardo Arquimbau, Gerardo Portalea, Toto Faraldo, Milena Plebs. Partecipano ai Campionati di Tango a Buenos Aires, dove hanno ottenuto il primo posto sia nel Tango Salón sia nel  Tango Escenario: Campioni Pre-Mondiali Tango Salón - Escenario nel 2006 / 2007, Campioni nel Tango Escenario  del Festival Baradero nel 2007.
Nel campionato Mondiale di Tango Salón, nel 2008 hanno ottenuto il secondo  posto.

Categorie: Danza

La pasión de Carmen

Mar, 22/01/2019 - 11:10

12/02/19

Teatro Italia

Ballet Flamenco Español de Madrid

Direzioni e Luci: Tito Osuna
Audio: Francesco Carpentieri
Musiche: Georges Bizet
Compagnia: Ballet Flamenco Español
Coreografie: Ballet Flamenco Español
Cast: 8 ballerini
Orchestra dal vivo


PRODUZIONE LIGHT CAN DANCE
La Carmen, l’Opera più suggestiva del compositore e pianista francese Georges Bizet incontra la musica popolare flamenca.
Le note sensuali e armoniose sono rappresentate in scena con l’eleganza della danza classica spagnola  e la forza pura del flamenco.
Il soggetto della Carmen, tratto da una novella di Prosper Mérimée, viene qui interpretato mescolando diversi stili  della danza ispanica esaltando il volto di una Spagna antica di toreri e di passionali gitani.
Il colore, potente, frutto di una continua ricerca stilistica, impera ovunque sulla scena interpretando con audacia  la maestosità dell’Opera di Bizet.

LA COMPAGNIA 
Nell'anno 2017, Tito Osuna fonda il Ballet Flamenco Español per mostrare al mondo la danza spagnola: classica  spagnola e flamenco.
Nasce così l'idea di creare un balletto che mostri tutti gli stili della danza ispanica rappresentati in scena da solisti  appartenenti alle migliori compagnie di flamenco del mondo. Ecco come viene creato lo spettacolo di Flamenco Live.
Fin dal primo mese di nascita del balletto nasce l’interesse da parte dei produttori da diverse parti del mondo:  Dubai, Francia, Turchia, Romania, Polonia, Russia, Stati Uniti, Italia, Cina, Giappone.

Tito Osuna appartiene alla quarta generazione di una famiglia dedita al teatro e alle arti.
Attualmente è Co-Direttore del Ballet Flamenco Español, Stage Director, Lighting Designer e collabora con diverse Compagnie quali Compagnia Flamenca de Farruquito, il Balletto di Jose Porcel, la Compagnia di Antonio Canales, la Compagnia Flamenca Cordanza, la Compagnia Flamenca de la Lupi, la Compagnia Flamenca de la Truco.

 

Categorie: Danza

El Cimarrón Ensemble Duo

Ven, 11/01/2019 - 11:36

15/01/19

Forum Austriaco di Cultura

Christina Schorn-Mancinelli (chitarra) e Ivan Mancinelli (marimba) interpretano brani vivaci e accesi di Manuel de Falla, Anders Koppel, Ney Rosauro, Helmut Jasbar e Marcello Filotei.

Categorie: Danza

EUROPAinDANZA

Mer, 09/01/2019 - 09:49

da 01/03/19 a 03/03/19

The Church Village, The Church Village - Centro Congressi

IV edizione
Direzione artistica Alessandro Rende e Steve La Chance

Lezioni, audizioni, un concorso e un premio dedicato: EUROPAinDANZA, appuntamento unico nel suo genere, saluta la sua IV edizione nell’esclusivo “The Church Village” di Roma.

Numerosi infatti gli eventi e gli appuntamenti in programma che promettono di accogliere nomi internazionali della danza e opportunità prestigiose in una maratona di tre giorni che racchiude le realtà europee e italiane formative più rinomate. Per tutti i partecipanti si tratta di una prestigiosa vetrina per farsi notare e conoscere, ma anche di un’occasione concreta per essere selezionati senza necessariamente spostarsi da una nazione all’altra. Punta di diamante di EUROPAinDANZA sono proprio le audizioni di Scuole e Compagnie da tutto il mondo che, all’interno delle kermesse capitolina, organizzano le loro selezioni italiane in esclusiva.

La creazione di EUROPAinDANZA nasce dal desiderio e dall’ostinata convinzione che sia necessario diffondere l’arte coreutica attraverso corsi, stages, concorsi e audizioni di alto livello per promuovere il linguaggio coreutico, favorire lo scambio, il confronto e la conoscenza tra danzatori e operatori del settore nazionali e internazionali, attraverso lezioni e master classes con insegnanti di acclamate dance company ed enti di formazione eccellenti della danza internazionale. La kermesse è rivolta a ballerini, coreografi, insegnanti, visitatori e appassionati dell’arte di Tersicore.

Sabato 2 marzo si svolge anche il Premio EUROPAinDANZA, un riconoscimento che vuole premiare gli artisti e gli addetti ai lavori della danza che si sono distinti per eccellenza, talento e professionalità: allievi di scuole professionali, danzatori professionisti, studiosi, maestri, giornalisti che grazie al loro lavoro hanno contribuito a diffondere e promuovere la danza in tutte le sue declinazioni.

Formazione, aggiornamento e opportunità si arricchiscono con il Concorso EUROPAinDANZA che si svolge nella giornata conclusiva, domenica 3 marzo alla presenza di una giuria internazionale proveniente da prestigiose Istituzioni della danza di tutto il mondo. Il Concorso è rivolto a solisti, passi a due e gruppi provenienti da Scuole di danza.

Categorie: Danza

Milonga del barrio

Gio, 20/12/2018 - 10:41

21/12/18

Barrio - Club lanciani

Milonga con lezione pre serata di Tango con il Maestro argentino Mariano Galeano + SHOW dei talentuosi Tania Gutierrez e Sebastian Avedano. 

 Salon blanco
 21.00_22.30 – Cena al Ristorante
 21.30_22.30 – Lezione Tango Open Class “Secuencias para bailar en espacios reducidos con cambios ritmicos” con Mariano Galeano
 22.30_02.00 – Milonga Tango Tradizionale TDj Giuseppe Clemente
 dopo la mezzanotte Show Tania Gutierrez & Sebastian Avedano
Salon negro
 22.30_02.00 – Tango Non Tradizionale Antonello Casalini

Categorie: Danza

Kudoku

Mer, 19/12/2018 - 10:59

da 04/01/19 a 05/01/19

Teatro Biblioteca Quarticciolo

Kudoku

Coreografia e danza Daniele Ninarello 
Musica dal vivo Dan Kinzelman (tenor sax, percussion and electronics)
| dramaturgo Carlotta Scioldo <
Produzione Codeduomo e Novara Jazz (curatore Enrico Bettinello)
Con il supporto di CSC Centro per la Scena Contemporanea Bassano del Grappa 

 

Il compositore Dan Kinzelman e il coreografo Daniele Ninarello per la prima volta si incontrano in un territorio di esplorazione comune: lo spazio come luogo in cui esercitare e trasfigurare il corpo, sonoro e fisico, la sua precarietà, la sua impermanenza, la fatica della resistenza.

Dan Kinzelman lavora improvvisando dal vivo con l’elettronica, mescolando sintesi, rumori interni delle macchine e feedback, assieme a suoni generati dagli strumenti che da anni utilizza maggiormente: sax, clarinetto, flauti, stratificando i vari elementi con l’ausilio di una loop station.

Nel comporre la parte coreografica Daniele Ninarello, oltre a ricercare nel campo a lui abituale della composizione istantanea, opera in un territorio che si crea dal dialogo continuo con il paesaggio sonoro e le informazioni che da questo riceve per contattare quei fili invisibili che uniscono corpo e spazio. La sperimentazione sonora e quella corporea tendono dunque a tradurre gli elementi percettivi attravarso cui l’evolversi della figura umana si rende visibile.

Qualcosa all’interno del corpo vibra costantemente come una minaccia: è il caos, il rumore interno delle cicatrici e dei pensieri. E riguarda tutti. Soltanto la danza può assestare progressivamente queste tracce nel qui e ora. E ripulire lo sguardo, trovare pace. Come un vero e proprio mantra fisico da esplorare nella sua continuità, perimetro muto di un pensiero correttamente liberato.

Categorie: Danza

Tango al Barrio

Gio, 13/12/2018 - 11:28

14/12/18

Barrio - Club lanciani

Salon blanco
21.00_23.30 – Cena o Pinsa su prenotazione 335.591.3434
21.30_22.30 – Lezione “Sequenzia para Tango e Milonga” con Laura Grandi & Dante Culcuy
22.30_03.00 – Milonga Tango Tradizionale TDj SuperSabino
dopo la mezzanotte Show Laura Grandi & Dante Culcuy

Salon negro
 22.30_03.00 – Tango Non Tradizionale TDj Simone Cieri

Categorie: Danza

Salvo Lombardo, Levidelfool, gruppo nanou e Simona Bertozzi.

Mer, 12/12/2018 - 12:42

19/12/18

Teatro India - Teatro di Roma

l progetto Alphabet progetto di scrittura per una danza possibile di gruppo nanou è un processo di ricerca coreografica pluriennale. Ogni episodio è l’analisi di un aspetto della composizione coreografica per evidenziare le regole di una pratica e le ragioni di una scelta. 

Così Resa, Alphabet è la verifica della tesi, l’applicazione di regole compositive coreografiche per raggiungere la resa o restituzione che i danzatori operano sulla scena durante la performance per gli spettatori.
Lessico, Alphabet genera un discorso che utilizza le parole per determinare la lettura dell’azione innescando un percorso circolare tra parola e azione.

Relazione, Alphabet, realizzato in collaborazione con Spellbound/Daf Dance Arts Faculty, si focalizza sullo spazio come generatore della partitura fisica individuale e collettiva nella trasmissione da coreografo alle giovani danzatrici Carlotta Fanelli, Eloise Listuzzi, Jane Llaha. L’applicazione di un metodo generativo e compositivo si applica a tre figure estranee alla quotidianità del linguaggio di gruppo nanou. I tre danzatori mantengono le loro fisicità rispettando il dispositivo coreografico, determinando un incontro tra la composizione e le loro attitudini.

Lo spettacolo Yorick, un Amleto dal sottosuolo de Leviedelfool parte da Amleto, atto V scena I in cui il teschio del buffone viene ritrovato dai becchini mentre seppelliscono il corpo di Ofelia. Interpellato dal dramma, Yorick assiste dal sottosuolo allo spettacolo che si sta svolgendo sopra di lui. Il sottosuolo si nutre dello scorrere eterno del dramma, in superficie, mentre Yorick incarna il sottosuolo, il non visibile, ciò che si nasconde alla ragione umana e ciò che emerge nei sogni. Il sottosuolo diviene lo spazio libero dell’immaginazione, abitato da un pensiero che è obliquo più che retto, capace di evocare quei poeti definiti pazzi. Il dispositivo Il pensiero obliquo è l’ulteriore obliquità. Perché gli obiettivi si perseguono meglio per via indiretta. La prospettiva autorizza a non fermare la caduta e ad indagare un ulteriore sottosuolo là dove il vento del Fool sparpaglia oggetti e significati, spazza la casa, riesumando non più il suo teschio, ma l’interezza del suo farneticare.

Simona Bertozzi/Nexus con il progetto Wonder(L)and, ha aperto un territorio di pratiche e di visioni in cui i linguaggi del corpo e la coreografia sono sostanza e strumento per la creazione di un sottobosco di invenzioni performative il cui filo conduttore è dettato da una comune aderenza all’idea di stupore e meraviglia. Tre dispositivi presentati al festival: il solo Flow on river, un’immersione in azioni transitorie, guizzi, addensamenti, radicamenti e fioriture, strategie passeggere per ricredersi e ricrearsi la meraviglia; Urto che si colloca nella scia di gesti e evocazioni lasciata da Flow on river e intende appoggiare, sui volumi aperti della coreografia, il peso specifico di keywords, visioni, letture che hanno costituto il glossario dell’intero orizzonte immaginifico del progetto Wonder(L)and nella diversità e promiscuità dei suoi singoli eventi; lo spettacolo Anatomia che nasce dall’incontro tra due corpi uno biologico, l’altro sonoro. È il diagramma delle loro linee di forza, traiettorie e dislocazioni, fenditure nello spazio e forme in cui si dispiega il tempo: rapporti tra velocità e lentezza.  

Categorie: Danza

Pagine