News sul Cinema

Aggiornato: 22 min 4 sec fa

Blow-up

Ven, 07/12/2018 - 22:01
Blow-up è un film che si presta a tante interpretazioni, perché la problematica cui si ispira è appunto l'apparenza della realtà. L'esperienza del protagonista non è né sentimentale né amorosa, riguarda piuttosto il suo rapporto con il mondo, con le cose che si trova di fronte. È un fotografo. Un giorno fotografa due persone al parco, un elemento di realtà che sembra reale. E lo è. Ma la realtà ha in sé un carattere di libertà che è difficile spiegare. Questo film, forse, è come lo Zen: nel momento in cui lo si spiega lo si tradisce. (Michelangelo Antonioni)
Le serie di immagini, primi piani e campi lunghi è un'avventura nel tempo. Il fotografo è un enigma, un sorprendente punto di collegamento tra definizione precisa e fantasia. La macchina fotografica raggiunge l'apice dell'obiettività: è la sola testimone di un crimine, e dunque il solo punto di contratto con il mondo esistente. Allo stesso tempo, la fotografia offre la miniatura ironica di un mondo governato dall'ambiguità, dalla precarietà e da un senso d'alienazione quasi ridicolo. Sono questi il paradosso e la 'narrazione' in cui entra il fotografo interpretato da David Hemmings.
Categorie: Cinema

MOTHER FORTRESS, un film-documentario di Maria Luisa Forenza

Ven, 07/12/2018 - 02:01

19/12/18

MOTHER FORTRESS un film-documentario di Maria Luisa Forenza Italia, 2018, 78' Lingue originali: Inglese, Francese, Arabo, Spagnolo Sottotitoli: Inglese, Italiano La Madre Badessa Agnes, assieme a monaci e monache di diversi continenti (Libano, Francia, Belgio, Portogallo, Cile, Venezuela, Colorado-USA), affronta gli effetti della guerra in Siria sul suo monastero, situato ai piedi di montagne al confine con il Libano dove Al-Qaeda e ISIS insidiosamente si nascondono. Nonostante sia esso stesso bersaglio di attacchi terroristici, il monastero accoglie orfani, vedove, rifugiati (cristiani e sunniti), vittime di una guerra fratricida che dal 2011 ha prodotto caos e devastazione dal nord al sud della Siria. Organizzando un convoglio di ambulanze e camion, che percorrono strade controllate da cecchini dell’ISIS, Madre Agnes persegue la missione di fornire aiuti umanitari (cibo, vestiti, medicine) ai siriani impossibilitati ad espatriare. Girato fra Siria, Svizzera e Italia, il film-documentario non racconta la guerra, bensì esplora la condizione umana in tempo di guerra. E’ un viaggio materiale e spirituale, una ‘storia d’amore’ la cui destinazione finale sarà Roma. Maria Luisa Forenza Laureata in Lingue e letterature straniere, si diploma in Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma con Duetto tratto dai “Racconti romani” di A.Moravia, e interpretato da Giulio Brogi. Assistente per Dino Risi, Francesco Maselli, Giancarlo Sepe, dopo un’esperienza a Belgrado con D.Makavejev, si dedica prevalentemente a documentari dal forte taglio storico-sociale, girati in Italia e all’estero, con produzione e distribuzione RAI, Rai-Trade, HISTORY CHANNEL (US-UK), NETFLIX. Fra questi: Guatemala Nunca Mas (con Rigoberta Menchù, Premio FNSI), Mussolini: l’ultima verità, Albino Pierro: inchiesta su un poeta, da cui nasce uno spettacolo teatrale multilingue con Agneta Eckmanner, in scena a Roma e Stoccolma. Concependo la regia come appassionante lavoro di ricerca, continua ad esplorare frontiere multidisciplinari che si inverano nel racconto nato sul campo dall’incontro umano. Concepito a San Francisco, il film Mother Fortress è il risultato di questo sforzo conoscitivo ed espressivo. Produzione: Damascena Film Soggetto e Regia: Maria Luisa Forenza Fotografia e Suono: Maria Luisa Forenza, Giulio Pietromarchi Montaggio: Annalisa Forgione, Maria Luisa Forenza Montaggio Suono ed Effetti Sonori: Marco Furlani Missaggio Suono: Marcos Molina Correzione Colore: Vincenzo Marinese
Categorie: Cinema

Terceiro andar di Luciana Fina 62’

Ven, 07/12/2018 - 02:01

12/12/18

Terceiro andar di Luciana Fina 2016, 62’  Nella palazzina di Lisbona dove la filmmaker Luciana Fina abita vivono anche due donne, madre e figlia, originarie della Guinea-Bissau. Entrambe si confrontano col ricordo e con la creazione, mentre la filmmaker si mette in cerca di suoni, immagini e corrispondenze nell’edificio.
Categorie: Cinema

X International Roma FilmCorto Festival 2018

Gio, 06/12/2018 - 14:01

09/12/18

X International Roma FilmCorto Festival 2018 L’International RomaFilm Corto Festival giunge alla sua decima edizione. Il calendario, ricco di appuntamenti, vedrà circa sessanta eventi tra proiezioni di cortometraggi nazionali ed internazionali, documentari, film di animazione ed esecuzioni musicali e performance attoriali dal vivo. Il Festival si svolgerà dal 9 e al 16 dicembre ’18 presso la Casa del Cinema  ed il Nuovo Cinema Aquila. Tutti gli ingressi saranno gratuiti fino ad esaurimento posti. L’inaugurazione si terrà domenica 9 dicembre dalle ore 10.00 alle ore 13.00 presso la Casa del Cinema. Nei giorni successivi, dal 10 al 13 dicembre, le proiezioni si sposteranno presso il Nuovo Cinema Aquila, con orario pomeridiano dalle ore 15.00 alle ore 17.00. La mattinata del giorno 14 dalle ore 9.30 alle ore 13.00, sempre presso il Nuovo Cinema Aquila, sarà dedicata alla sezione speciale Calcio Solidale, curata in collaborazione con la Fondazione Roma Solidale. Nella mattinata l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale della città di Roma Capitale Laura Baldassarre presenzierà all’iniziativa incontrando studenti di vario ordine e grado della città. Studenti che per l’occasione diverranno giurati popolari per la sezione stessa. Di alto profilo anche quest’anno la giuria di qualità del festival, che sarà composta da Presidente Renzo Rossellini (Produttore e Regista) Componenti Mimmo Calopresti (Regista) Franco Montini (Presidente Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani) Pamela Villoresi (Attrice) Vincenzo Vita (Presidente della Fondazione Archivio del Movimento Operaio e Democratico) Luca Ricci  (scrittore) La chiusura del Festival si terrà il giorno 16 dicembre presso la Casa del Cinema dalle ore 17,00 alle ore 20.30. La serata sarà presentata dall’attrice Valentina Melis. Roberto Petrocchi - Direttore Artistico International RomaFilm Corto Festival Massimo Pellegrinotti  - Responsabile Organizzazione International RomaFilm Corto Festival RFC__programma 2018    
Categorie: Cinema

X International Roma FilmCorto Festival 2018

Gio, 06/12/2018 - 14:01

16/12/18

X International Roma FilmCorto Festival 2018 L’International RomaFilm Corto Festival giunge alla sua decima edizione. Il calendario, ricco di appuntamenti, vedrà circa sessanta eventi tra proiezioni di cortometraggi nazionali ed internazionali, documentari, film di animazione ed esecuzioni musicali e performance attoriali dal vivo. Il Festival si svolgerà dal 9 e al 16 dicembre ’18 presso la Casa del Cinema  ed il Nuovo Cinema Aquila. Tutti gli ingressi saranno gratuiti fino ad esaurimento posti. L’inaugurazione si terrà domenica 9 dicembre dalle ore 10.00 alle ore 13.00 presso la Casa del Cinema. Nei giorni successivi, dal 10 al 13 dicembre, le proiezioni si sposteranno presso il Nuovo Cinema Aquila, con orario pomeridiano dalle ore 15.00 alle ore 17.00. La mattinata del giorno 14 dalle ore 9.30 alle ore 13.00, sempre presso il Nuovo Cinema Aquila, sarà dedicata alla sezione speciale Calcio Solidale, curata in collaborazione con la Fondazione Roma Solidale. Nella mattinata l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale della città di Roma Capitale Laura Baldassarre presenzierà all’iniziativa incontrando studenti di vario ordine e grado della città. Studenti che per l’occasione diverranno giurati popolari per la sezione stessa. Di alto profilo anche quest’anno la giuria di qualità del festival, che sarà composta da Presidente Renzo Rossellini (Produttore e Regista) Componenti Mimmo Calopresti (Regista) Franco Montini (Presidente Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani) Pamela Villoresi (Attrice) Vincenzo Vita (Presidente della Fondazione Archivio del Movimento Operaio e Democratico) Luca Ricci  (scrittore) La chiusura del Festival si terrà il giorno 16 dicembre presso la Casa del Cinema dalle ore 17,00 alle ore 20.30. La serata sarà presentata dall’attrice Valentina Melis. Roberto Petrocchi - Direttore Artistico International RomaFilm Corto Festival Massimo Pellegrinotti  - Responsabile Organizzazione International RomaFilm Corto Festival RFC__programma 2018    
Categorie: Cinema

Arianna di Alessandro Scippa 66’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

10/12/18

      Arianna di Alessandro Scippa 66’  
Categorie: Cinema

Sassi nello stagno di Luca Gorreri 88’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

10/12/18

Sassi nello stagno di Luca Gorreri 88’
Categorie: Cinema

Under-the-Sky di Michele Salimbeni 121’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

11/12/18

Under-the-Sky di Michele Salimbeni 121’ 
Categorie: Cinema

I’m in Love with my Car di Michele Mellara, Alessandro Rossi 71’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

11/12/18

I’m in Love with my Car di Michele Mellara, Alessandro Rossi 71’  
Categorie: Cinema

Shadowgram di Augusto Contento 94’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

11/12/18

 Shadowgram di Augusto Contento 94’  
Categorie: Cinema

Morire di lavoro di Daniele Segre 89’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

12/12/18

 Morire di lavoro di Daniele Segre 89’    
Categorie: Cinema

La vita al tempo della morte di Andrea Caccia 82’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

12/12/18

La vita al tempo della morte di Andrea Caccia 82’  
Categorie: Cinema

Terceiro andar di Luciana Fina 62’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

12/12/18

Terceiro andar di Luciana Fina 62’  
Categorie: Cinema

Sezione femminile di Eugenio Melloni 82’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

13/12/18

 Sezione femminile di Eugenio Melloni 82’  
Categorie: Cinema

Upwelling di Pietro Pasquetti, Silvia Jop 79’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

13/12/18

Upwelling di Pietro Pasquetti, Silvia Jop 79’  
Categorie: Cinema

Blood and the Moon di Tommaso Cotronei 69’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

13/12/18

Blood and the Moon di Tommaso Cotronei 69’  
Categorie: Cinema

FUORINORMA La via neosperimentale del cinema italiano a cura di Adriano Aprà

Gio, 06/12/2018 - 02:01

da 10/12/18 a 13/12/18

FUORINORMA La via neosperimentale del cinema italiano a cura di Adriano Aprà

Sono sperimentali i film di cui parlo? Lo sono in quanto ricercano nuove strategie espressive diverse e opposte a quelle istituzionalizzate dal cinema di finzione e documentario. Lo sono perché scoprono nuove ipotesi narrative, nuove strutture drammaturgiche, nuove opzioni di montaggio, di musica, di suono. Lo sono perché vibra in ognuno di essi la tensione verso uno stile personale, perché hanno un progetto estetico e non solo la voglia di raccontare una storia. Lo sono perché non gridano il loro budget, ma sussurrano dialogicamente per chi ancora vuole ascoltare...
(Adriano Aprà, direttore progetto FUORINORMA)
Categorie: Cinema

Vittorio De Sica. L’arte della Scena

Gio, 06/12/2018 - 02:01

18/12/18

Vittorio De Sica. L’arte della Scena «Se si scandagliano le bibliografie dedicate ai Grandi del cinema italiano si rimane alquanto sorpresi (e un po’ perplessi...) nel raffrontare quanto si è scritto – e detto – di e su Visconti o Fellini, solo per fare un paio di nomi fra gli autori più studiati (ma si potrebbe aggiungere Rossellini), e quanto poco su Vittorio De Sica che, nel panorama della nostra cinematografia, non è certo da meno del Duca milanese o del Grande riminese. Benvenuta dunque questa preziosa e ampia monografia di Flavio De Bernardinis che – partendo dalla biografia di De Sica ancora bambino e poi adulto da lui stesso in parte narrata nel memoriale autobiografico La Porta del Cielo. Memorie 1901-1952 – analizza con estrema accuratezza e ricchezza di fonti e di riferimenti la figura e l’arte del grande attore e regista lungo un arco temporale che va dal 1923 al 1974 attraversando dapprima la scena teatrale per poi passare all’esperienza cinematografica che raggiungerà il suo culmine con i capolavori del neorealismo: da Sciuscià (Ragazzi) a Ladri di biciclette, a Miracolo a Milano, allo straordinario Umberto D. E alcuni anni dopo con La ciociara e Il giardino dei Finzi Contini» (dalla prefazione L’arte di De Sica di Felice Laudadio al volume di Flavio Bernardinis, Vittorio De Sica. L’arte della scena). ore 16.20 Matrimonio all’italiana di Vittorio De Sica (1964, 102’) «Tutto nasce dalla solita operazione produttiva messa in atto da Carlo Ponti per costruire, mattone su mattone, la carriera della moglie, la Loren, spingendola all’interpretazione di uno dei capolavori del teatro, non solo italiano, ma mondiale, del secondo ’900. Sophia è effettivamente molto brava, ma il personaggio più difficile resta quello di Mastroianni. La storia narra dell’ex prostituta Filumena Marturano, che lega a sé per la vita il ricchissimo Domenico Soriano rifiutando di rivelargli quale, fra i tre figli che ha avuto, sia davvero figlio suo. Nelle Lettere dal set, affettuosamente scritte alla figlia Emi, De Sica stima che Domenico non ami affatto Filumena, ma che la sposi soltanto perché solleticato, narcisisticamente, dall’idea della discendenza. Mastroianni caratterizza il personaggio sul filo di un intreccio fra la passione puramente sessuale, l’ammirazione per la tenacia della donna, il desiderio di avere comunque un letto sempre “caldo”, la curiosità “intellettuale” per il ruolo di padre, che invece per istinto non lo attira affatto, l’abbandono a una stagione della vita, la maturità, che chiede infine di fermarsi, e guardare al passato per pensare al futuro» (De Bernardinis). ore 18.00 Incontro moderato da Alberto Crespi con Roberto Cicutto, Flavio De Bernardinis, Emi De Sica, Andrea De sica, Piera Detassis. Nel corso dell’incontro verrà presentato il volume Flavio De Bernardinis, Vittorio De Sica. L’Arte della Scena, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Luce Cinecittà, Edizioni Sabinae, Roma, 2018. Per tale evento l’attrice Silvia Giuliano leggerà alcuni passi del libro.
Categorie: Cinema

Il peggio di noi di Corso Salani 88’

Gio, 06/12/2018 - 02:01

10/12/18

Il peggio di noi di Corso Salani 88’  
Categorie: Cinema

La mia amica geniale

Mer, 05/12/2018 - 22:01
Categorie: Cinema

Pagine

Archivio storico del Blog

Blog Tags

Sondaggio

Gradisci il nostro sito?