News sul Cinema

Abbonamento a feed News sul Cinema
Aggiornato: 9 min 16 sec fa

Shaun, vita da pecora: Farmageddon - Il Film

Sab, 21/09/2019 - 22:01
Strane luci sulla tranquilla città di Mossingham annunciano l'arrivo di un misterioso visitatore da una galassia molto lontana…. Quando l'ospite intergalattico - una birichina e adorabile extraterrestre di nome LU-LA - si schianta con il suo UFO proprio accanto alla fattoria di Mossy Bottom, Shaun non si lascia scappare l'occasione di vivere una nuova, fenomenale extra-avventura e parte in missione per riportare LU-LA a casa. Grazie ai suoi astro-poteri, all'incontenibile simpatia e ai suoi ruttini di dimensioni galattiche, LU-LA incanterà presto tutto il gregge. Shaun riporta la sua nuova amica aliena nella Foresta di Mossingham per trovare la sua navicella perduta, ma non sa che una misteriosa agenzia governativa gli sta già alle calcagna. Riuscirà Shaun ad evitare un Farmageddon a Mossy Bottom prima che sia troppo tardi?
Categorie: Cinema

Rosa

Sab, 21/09/2019 - 22:01
Rosa ha sessant'anni ed è sposata con Igor da quaranta. Lei pugliese, lui sloveno: un matrimonio che è sopravvissuto a molte tempeste ma che, ormai, sembra essersi congelato. Il dolore per la scomparsa della figlia più giovane, Maja, ha alzato un muro invalicabile tra i due che vivono percorrendo ciascuno il proprio cammino di solitudine. Ma la vita sorprende, e lo fa nei modi più inaspettati.
Igor decide di rimettere in mare la barca di Maja, affrontando la perdita di sua figlia: un confronto con se stesso che gli permette di rifare spazio, a poco a poco, all'amore per sua moglie. Rosa, guidata anche lei dal passato della figlia, penetra in un mondo lontano fatto di leggerezza e desiderio che le permetterà di prendere contatto con parti di sé dimenticate, o forse mai conosciute. Rosa è la storia di una donna che, come spesso le donne sanno fare, riesce a trovare una nuova miracolosa forza per prendersi cura dell'esistenza sua e di chi ama. Rosa è la storia di un uomo che, come spesso gli uomini sanno fare, riesce a trovare il coraggio di fare spazio ai sentimenti più semplici, più profondi. In Rosa si racconta il confine e il suo superamento: il confine tra le terre, tra le persone, tra le generazioni, tra mente e corpo, ragione e sentimento, uomo e donna.
Categorie: Cinema

Teresa Raquin

Sab, 21/09/2019 - 22:01
Categorie: Cinema

Eat Local - A cena coi vampiri

Mer, 18/09/2019 - 22:01
Un tranquillo casolare di campagna i vampiri della Gran Bretagna si riuniscono per la loro cinquantennale riunione. A loro si unisce anche l'inconsapevole Sebastian Crockett, un ragazzo dell'Essex per il quale la promessa di una notte di passione con l'incantevole cougar Vanessa si trasforma presto in una lotta per la sopravvivenza. Mentre la notte di Sebastian diventa sempre più pericolosa, una banda di cacciatori di vampiri guidata dal capitano Bingham decide di irrompere alla festa dando inizio a uno spargimento di sangue senza precedenti.
Categorie: Cinema

Antropocene - L'epoca umana

Mer, 18/09/2019 - 22:01
Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, Antropocene - L'epoca umana è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell'Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell'Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti. Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Australia e surreali stagni di evaporazione del litio nel deserto di Atacama, i cineasti hanno attraversato il globo usando valori di produzione di fascia alta e tecniche fotografiche allo stato dell'arte per documentare le prove e l'esperienza del dominio dell'uomo sul pianeta. All'incrocio tra arte e scienza, Antropocene - L'epoca umana testimonia, attraverso l'esperienza e non la didattica, un momento critico nella storia geologica - portando un'esperienza provocatoria e indimenticabile dell'ampiezza e dell'impatto della nostra specie
Categorie: Cinema

Burning

Mer, 18/09/2019 - 22:01
Due ragazzi si incontrano e avviano una relazione. Ma un altro ragazzo misterioso potrebbe compromettere il loro rapporto
Categorie: Cinema

Burning - L'Amore Brucia

Mer, 18/09/2019 - 22:01
Due ragazzi si incontrano e avviano una relazione. Ma un altro ragazzo misterioso potrebbe compromettere il loro rapporto
Categorie: Cinema

Billionaire Boys Club

Mer, 18/09/2019 - 22:01
Categorie: Cinema

I migliori anni della nostra vita

Mer, 18/09/2019 - 22:01
Jean-Louis Duroc, un tempo campione a livello internazionale di auto da corsa, si trova ora in una casa di riposo. La sua memoria talvolta vacilla ma su un punto rimane stabile: il ricordo della storia d'amore vissuta con Anne Gauthier 50 anni prima. Il figlio Antoine ne è consapevole e decide di andarla a cercare. Se Anne accetterà di recarsi a trovarlo, questo forse potrà fare del bene a suo padre. Anne accetta.
Categorie: Cinema

#viteinmusica – rassegna biopic musicali nel cinema

Mer, 18/09/2019 - 14:53

30/10/19

#viteinmusica – rassegna biopic musicali nel cinema

Categorie: Cinema

Comandante Arian, di Alba Sotorra

Mer, 18/09/2019 - 02:01

05/10/19

Sesión Operas Primera Comandante Arian, di Alba Sotorra Spagna, 2018, 80' In questa storia sull'emancipazione e la libertà in pieno fronte della guerra in Siria, il comandante trentenne Arian guida un battaglione di donne a Kobane con la missione di liberare la popolazione che vive sotto il giogo del Daésh (ISIS). Dopo lo scoppio della guerra in Siria, un gruppo di donne della resistenza kurda dà vita all'YPJ: l’unità di difesa delle donne. Arian, che in giovane età aveva assistito al trattamento selvaggio riservato alle vittime di violenza sessuale, si mette alla guida di una di queste unità e dedica la sua vita a sconfiggere il Daesh. Mentre l'YPJ si muove lentamente verso il s uo obiettivo, Arian fa tutto il possibile per far comprendere ai suoi partner il vero significato della loro lotta: la libertà per le prossime generazioni di donne. Dopo aver vissuto per mesi con il comandante e le sue truppe, filmando un'intimità senza pr ecedenti che include sequenze rozze del lento recupero di Arian, Sotorra crea un affascinante ritratto di una donna impegnata in una missione.
Categorie: Cinema

Comandante Arian, di Alba Sotorra

Mer, 18/09/2019 - 02:01

05/10/19

Sesión Operas Primera Una vez fuimos salvajes 2017, 61', v.o.sott.it. Una vez fuimos salvajes è una conversazione immaginaria tra l'autrice e il quartiere di San Cristóbal, situato nella periferia di Madrid. È un gioco costante tra forme e sostanza, che mette a confronto i pregiudizi della narratrice e le emozioni dello spettatore; un percoroso libero e suggestivo che abbandona in modo progressivo il documentario classico e si transforma in un saggio raccontato in prima persona.
Categorie: Cinema

Peret, yo soy la rumba, di Paloma Zapata

Mer, 18/09/2019 - 02:01

05/10/19

Sesión Operas Primera Peret, yo soy la rumba, di Paloma Zapata Spagna, 2018, 94' Dai cortili di Mataró alle scene di mezzo mondo, l'avventura artistica e personale di Peret, l'artista che con un po' di mambo, uno spruzzo di tanguillo e un pizzico di rock creò la rumba catalana. 50 anni dopo il successo di Borriquito, i nipoti del maestro sono i protagonisti di un ritratto intimo della famiglia, e della creazione dell'unico genere musicale nato sulla strada in Europa nel XX secolo, con Andreu Buenafuente come narratore.
Categorie: Cinema

Selfie di famiglia

Mar, 17/09/2019 - 22:01
He?loi?se e? una "super-mamma" single: ha tre figli, un ristorante da mandare avanti e all'occasione, perche? no, anche qualche amante. Ma la diciottenne Jade, la piu? giovane di casa, presto lascera? il nido per continuare i suoi studi in Canada. Mentre la partenza di Jade si avvicina, He?loi?se ripensa ai loro ricordi e si improvvisa regista filmando con il suo telefono i loro momenti insieme prima del viaggio, rendendoli unici grazie alla complicita? che ha sempre saputo creare con sua figlia, "la sua piccola".
Categorie: Cinema

Van Gogh e il giappone

Mar, 17/09/2019 - 15:33

da 16/09/19 a 18/09/19

Nexo Digital presenta
 
Van Gogh e il giappone
 
La nuova stagione della grande arte al cinema debutta il con un nuovo docufilm sulla folgorazione di Vincent Van Gogh per l’arte giapponese

Si apre con Van Gogh e il Giappone la nuova stagione della Grande Arte al Cinema di Nexo Digital.
Diretto da David Bickerstaff, il docufilm propone un viaggio tra le bellezze della Provenza, l’enigma del Giappone e le sale della mostra ospitata nel 2018 al Van Gogh Museum di Amsterdam.

Grazie alle lettere dell’artista e alle testimonianze dei suoi contemporanei, questo commovente docufilm rivela l'affascinante storia del profondo, intenso legame tra Van Gogh e l'arte giapponese e il ruolo che l’arte di questo paese, mai visitato dall’artista, ebbe sul suo lavoro.
Oltre a indagare la tendenza del japonisme, Van Gogh e il Giappone ci guiderà attraverso l’arte del calligrafo Tomoko Kawao e dell'artista performativo Tatsumi Orimoto per comprendere appieno lo spirito e le caratteristiche dell’arte del Sol Levante. Quando il periodo Edo terminò, nel 1868, e il Giappone si aprì all’Occidente, Parigi venne infatti inondata di tutto ciò che era giapponese sotto forma di oggetti decorativi e stampe colorate impresse con matrici di legno chiamate 'ukiyo-e' (letteralmente “immagini del mondo fluttuante”).
Van Gogh rimase affascinato da tutti gli elementi di questa straordinaria cultura visiva e dal modo in cui potevano essere adattati alla ricerca di un nuovo modo di vedere. Lesse le descrizioni del Giappone, acquistò stampe per tappezzare la sua stanza e studiò attentamente le opere giapponesi soffermandosi sulle figure femminili nei giardini o sui bagnasciuga, su fiori, alberi e rami contorti: apprezzava di quei lavori linee e purezza compositiva tanto da farne una fonte d’ispirazione imprescindibile per la sua pittura.

Nel 1888, del resto, Parigi era diventata per Vincent una città troppo frenetica. Per questo il pittore decise di partire per il sud della Francia, alla ricerca di nuovi spunti e di una vita a più stretto contatto con la natura.
In Provenza, Van Gogh scoprì un paesaggio magnifico, una luce potente, una popolazione dai costumi tradizionali e per certi versi “esotici”, capaci di dialogare con la sua visione idealizzata del Giappone e con il suo “sogno” giapponese. Quelli che seguirono furono per lui anni prolifici, ma anche estremamente travagliati, che diedero linfa vitale ad alcune delle opere più iconiche della sua intera produzione, come I Girasoli e i suoi celebri ritratti.
 
Spiega il regista David Bickerstaff: "La cosa stupefacente nel lavorare a un film su Van Gogh è la ricchezza delle intuizioni che emergono dalle sue lettere o anche solo osservando da vicino le sue opere. Pensi di conoscerle, perché sono famosissime, ma ogni “visione” rivela qualcosa di nuovo. L'intensità del sentire di Van Gogh mentre lotta con la sua arte è messa a nudo con ogni segno che marca sulle tele. È la ricerca di una semplicità potente che ha attratto Vincent van Gogh verso l'arte del Giappone”.
 
La Grande Arte al Cinema è un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital che dal suo debutto ad oggi ha già portato al cinema 2 milioni di spettatori.
 
 
Con il supporto del Programma Europa Creativa – MEDIA dell’Unione europea

Categorie: Cinema

Hayati, di Liliana Torres y Sofi Escudé

Mar, 17/09/2019 - 14:01

04/10/19

Hayati, di Liliana Torres y Sofi Escudé Spagna, 2018, 85', v.o.sott.it. SESIÓN ZONAZINE DOCUMENTAL Nel 2015, Ossamah Al Mohsen e suo figlio di 8 anni sono state vittime di uno sgambetto alla frontiera ungherese da parte di una giornalista televisiva nella loro disperata fuga da una Siria in guerra. Le telecamere hanno catturato questo momento e le immagini sono diventate virali, diventato una delle icone più vergognose del conflitto che ha scandalizzato  l’opinione pubblica. Paradossalmente, questa aggressione ha permesso a Ossamah, famoso allenatore di calcio nel suo Paese, di giungere a Madrid come rifugiato insieme a suo figlio piccolo e di riprendere con la propria professione. Ma il resto d ella sua famiglia non ha avuto la stessa fortuna: Ossamah vive lontano da sua moglie e dagli altri tre figli, che si ritrovano senza visto in Turchia e senza possibilità di entrare nell’UE. La storia di Ossamah e della sua famiglia ci permette di rifletter e sulla sopravvivenza di migliaia di famiglie siriane imprigionate in Turchia. Che ne è stato dei loro sogni e delle loro ambizioni? HAYATI (la mia vita) è la storia di Ossamah e di suo figlio Zeid, ma anche quella di Moatassam, Youssef e Muhannad, tre pro messe del calcio siriano ai quali la guerra ha strappato via i migliori anni delle loro vite.
Categorie: Cinema

La flor de la vida, Claudia Abend, Adriana Loeff

Mar, 17/09/2019 - 14:01

04/10/19

La flor de la vida, Claudia Abend, Adriana Loeff Uruguay, 2018, 86' ldo e Gabriella sono sposati da quasi cinquant’anni, hanno tre figli e diversi nipoti, e si preparano per trascorrere in tranquillità la propria vecchiaia. Ma qualcosa non va. Quei giovani che si erano innamorati l’uno dell’altra negli anni ‘50, che avevano giurato di amarsi e di accompagnarsi fino all’ultimo giorno della loro vita, ora sono distanti. Le loro personalità, i loro interessi e il loro modo di vedere il mondo non sono più gli stessi. E al compimento degli ottant’anni iniziano a porsi delle domande: perché stiamo insieme? La flor de la vida è un racconto di fate che fa i conti con la realtà, una storia d’amore universale sull’amore (e su l non essere più innamorati), sulle relazioni di coppia e sulle sfide dell’invecchiamento.
Categorie: Cinema

Ata tu arado a una estrella, di Carmen Guarini

Mar, 17/09/2019 - 14:01

04/10/19

Sesión ZonaZine Documental Ata tu arado a una estrella, di Carmen Guarini Argentina, 2018, 82', v.o.sott.it. Nel 1997 Fernando Birri ritorna a girare un film nel suo Paese per parlare della validità delle utopie e decide di registrare questi momenti. Il primo montaggio di questo documentario è stato nascosto per 18 anni in una fragile videocassetta. Oggi torna alla luce, per trasformarsi in un nuovo film che rende attuale la validità della voce del poeta, maestro di numero se generazioni del cinema latino americano, un uomo che a 92 anni continua a cercare di cogliere le sue utopie.
Categorie: Cinema

Ainhoa, yo no soy esa, Carolina Astudillo

Mar, 17/09/2019 - 14:01

04/10/19

Sesión ZonaZine Documental Ainhoa, yo no soy esa,  Carolina Astudillo Spagna, 2018, 98' Ainhoa Mata Juanicotena è nata in una famiglia che ha filmato, registrato e fotografato la sua vita per molti anni. Durante la sua adolescenza, alla fine degli anni ’80, Ainhoa ha cominciato a scrivere quello che non voleva raccontare a nessuno. I diari di vita che ha conservato fino alla sua morte raccontano di una donna diversa da quella conosciuta dalla sua famiglia e dagli amici. I diari segreti rivelano un’infinità di tematiche relazionate con l’esperienza femminile, sui quali hanno scritto altre donne durante la storia. Non importa la lontananza geografica o temporale, confluiscono tematiche, sensazion i e stati d’animo. Ainhoa, yo no soy esa è anche una cronaca alternativa della versione ufficiale alla storia della Spagna degli anni ’90 raccontata attraverso i diari di vita di una donna.
Categorie: Cinema

El día de la Cabra, di Samir Oliveros (COLOMBIA)

Mar, 17/09/2019 - 02:01

04/10/19

El día de la Cabra, di Samir Oliveros Colombia, 2017, 72', v.o.sott.it. Dopo aver accidentalmente investito una capra con il camion di suo padre, due fratelli adolescenti con personalità incompatibili, iniziano un'avventura di riconciliazione . Corn e Rita devono trovare un modo per riparare il camion prima che arrivino i turisti che alloggeranno presso l'hotel della famiglia. Mentre risolvono il problema, andranno in una macelleria, un negozio di pegno e perfino a uno stregone, in un'avventur a di 24 ore attraverso “Porto Paradiso”.
Categorie: Cinema

Pagine