News sulla Musica

Abbonamento a feed News sulla Musica
Aggiornato: 1 ora 6 min fa

Nick Cave & The Bad Seeds

Mar, 14/02/2017 - 10:01

08/11/17

Palalottomatica

Annunciato il tour europeo e tre appuntamenti in Italia: al Palalottomatica di Roma l'8 novembre!

Categorie: Musica

Acquaragia Drom&Mimmo Epifani

Mar, 14/02/2017 - 06:02

20/04/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Acquaragia Drom
Erasmo Treglia violino
Elia Ciricillo voce, chitarra, tamburello
Rita Tumminia voce, organetto
Marco Colonna clarinetti

con
Mimmo Epifani voce, mandola e mandolino
Sasà Flauto chitarre

Dopo un lungo periodo di gestazione torna a Roma la storica gypsy band degli Acquaragia Drom. Un nuovo e corrosivo progetto discografico realizzato in collaborazione con l'eclettico Mimmo Epifani. Questa volta Erasmo Treglia, instancabile leader del gruppo, ci porta a viaggiare in territori musicali creando un legame stretto tra le nuove composizioni della band ed alcuni brani noti e meno noti, tutti accomunati da un sentimento "ribelle" che trasuda dalle note e dalle parole di ogni canzone. Questo è Rebelde: un’avventura musicale che parla un linguaggio nomade, di attraversamento di frontiere senza muri, di mescola di generi musicali e che vede insieme una tarantella rom e “Italiano vero” di Cutugno, lo swing manouche e "Lo straniero" di Moustaki, la ballata sinti napoletana e "Io si" di Luigi Tenco.
Tante le sorprese di uno spettacolo e di un progetto che propone ancora una volta un modo originale di fare musica attraverso una attività e un repertorio da usare come colonna sonora di un matrimonio gitano e di una piazza ribelle, utile per fare una serenata o per far ballare tutta la notte.
Il concerto è presentazione del nuovo disco Rebelde che vede la partecipazione, tra gli altri, della graffiante voce di Tonino Carotone, dell'acuto di Paul Fantezie, della sinuosità di Theodoro Melissinopoulos, del ritmo di DJ Click.
Categorie: Musica

Daiana Lou

Mar, 14/02/2017 - 06:02

23/03/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Il progetto Daiana Lou nasce dall’unione e dall’amore tra due musicisti, Daiana e Luca, provenienti da esperienze musicali differenti che nel corso del tempo sono diventate, fondendosi e arricchendosi, la loro reale particolarità. Luca Pignalberi cresce come chitarrista blues mentre Daiana Mingarelli è una cantante di scuola R&B e reggae. Dal 2013 hanno intrapreso un percorso inedito, ispirandosi a sonorità intense, mai banali e molto diverse tra loro, riuscendo a far convivere un angelo malinconico come Jeff Buckley con la sensuale ed impetuosa Selah Sue, grazie alla fantastica qualità che dimostrano durante le esibizioni dal vivo.
Il grande Alvaro Soler li scelse come una delle tre band della decima edizione di X-Factor Italia che ha permesso al duo di farsi conoscere dal grande pubblico. Durante il quarto live show del programma, i Daiana Lou decidono di autoeliminarsi in diretta nazionale esprimendo la loro difficoltà caratteriale ed artistica di adeguarsi alle dinamiche televisive di un format mediatico che mette a dura prova le emozioni genuine e sincere di ragazzi che vogliono semplicemente fare musica.
Categorie: Musica

Luciano Bellini "Les Ritals"

Mar, 14/02/2017 - 06:02

25/03/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
da un’idea di
Maria Mencarelli

Maria Cristina Di Nicola Armando De Ceccon voci recitanti
Antonella Cesari soprano
Nando Citarella tenore polistrumentista
Giulio Gianfelice pianista
Orchestra sinfonica e Coro polifonico

Conservatorio “A.Casella” L’Aquila
M° del coro
Rosalinda Di Marco
M° Concertatore e Direttore
Luciano Bellini
Opera classica ma anche opera pop, opera rock. Racconta la vita degli immigrati italiani in Belgio. La nostalgia, la speranza, il dolore, la rabbia, l'allegria dei rari momenti di gioco si alternano e si sovrappongono nei tanti frammenti di storie, tessendo la possibile trama di un'unica Storia, ispirazione e fonte del lungo cammino d’Europa. Les Ritals, epiteto dispregiativo usato per gli Italiani, è dedicato a tutti quelli che oggi sono costretti a scegliere l’esilio lontano dalla propria patria con un omaggio a Aylan, il bambino siriano morto annegato nel tentativo di raggiungere la costa turca. Il Conservatorio de L’Aquila, dopo averla recentemente proposta con successo anche in Belgio è lieto di riproporla all’Auditorium.
Categorie: Musica

Daniele Celona

Lun, 13/02/2017 - 14:14

19/02/17

'Na cosetta

In duo con Marco Di Brino, Celona torna a suonare il piano in una dimensione più intima, per proporre alcuni brani del suo prossimo album.

Daniele Celona torna dal vivo in duo per un numero ristretto di date.
Una scusa, a detta del cantautore, per suonare nuovamente il pianoforte, ritrovare una dimensione intima rispetto all'elettrico full band e iniziare a proporre alcuni dei brani che andranno a comporre il nuovo lavoro. Oltre al pianoforte, altro elemento inedito di questo set sarà l'innesto del sax, suonato dal suo bassista Marco Di Brino, spalla destra a cui Celona ha dato per l'occasione il ruolo del jolly polistrumentista.

Categorie: Musica

Diecicento35

Lun, 13/02/2017 - 14:13

18/02/17

'Na cosetta

Un concentrato di pop rock fresco che aspira a diventare di serie A. Opera prima per questo gruppo di Torino che ha nella musica il proprio piano di vita

Nati e cresciuti in un quartiere della periferia torinese “Mirafiori Sud” dal quale prendono lo spunto per il nome del progetto, i Diecicento35 pubblicano a giugno Il Piano B, un’autoproduzione che esce a quattro anni di distanza dal primo Ep Alba, grazie al quale, nel 2012, si esibiscono nell’ambito di Emersione Festival di spalla ai Tre Allegri Ragazzi Morti (Premio Pagella Non Solo Rock), al Mei di Faenza e sul palco di resetfestival ottenendo un ottimo riscontro di pubblico e critica. Il Piano B è per i Diecicento35 un viaggio alternativo; un albero di emozioni verso una scelta presa di petto; un grido di speranza nel momento in cui la prima scelta si rivela un fallimento; una presa di coscienza alla quale, prima o dopo, tutti sono tenuti a rispondere e a verificarne il cambiamento; ma soprattutto è la risposta di sei giovani musicisti che hanno fatto della musica il proprio “Piano” di vita. Il disco si compone di undici tracce inedite nelle quali convivono anime diverse: dal rock diretto ed energico, che trova la sua massima espressione nelle chitarre graffianti e nell’incisiva sezione ritmica, ad una componente più marcatamente pop cantautorale che nella voce della cantante e nelle seducenti linee di violino elettrico scopre delle degne alleate.
Un concentrato di pop rock godibilissimo, attuale e fresco.

Carola Rovito, voce
Lorenzo Bulgarini, chitarra
Marco Bressello, chitarra
Gabriele Bianchini, basso
Jacopo Angeleri, batteria
Angeliki Vafidis, violino

Categorie: Musica

Ilaria Pastore

Lun, 13/02/2017 - 14:11

17/02/17

'Na cosetta

Musica d’autrice, più che d’autore. “Il faro la tempesta la quiete” è il suo nuovo disco in cui esprime l’emozione del cambiamento nella vita da ragazza a donna.

Dopo l’album d’esordio “Nel mio disordine”, la cantautrice milanese Ilaria Pastore torna sulle scene musicali con “Il Faro la Tempesta la Quiete”, il nuovo disco nato in punta di chitarra per poi incontrare pianoforte, archi, batteria, fiati e cori.
Musica d'Autrice, più che d'autore. In tutto e per tutto è il disco di una donna capace di esprimere a tutti con grande intensità il momento in cui, nella vita di una ragazza, cambia qualcosa dentro e diventi donna. Pensieri che sul serio hanno attraversato la sua testa e la sua anima, portandola a cercare un faro, fra la tempesta e la quiete. Il nuovo lavoro, prodotto da lei stessa con la collaborazione di Gipo Gurrado agli arrangiamenti, presenta un'autrice decisamente in crescita, che è tornata a incidere sulla spinta di un'esigenza molto forte e nel solco di un'evoluzione che, rispetto all'opera precedente (ben accolta dalla critica e premiata anche a Musicultura), è evidente e feconda.
Il songwriting di Ilaria Pastore è facilmente riconoscibile fin dalle prime battute, ma lungo la tracklist viene declinato in molteplici forme e atmosfere differenti, accomunate da una voce che fa rilucere le parole e da arrangiamenti per lo più acustici.

Categorie: Musica

Zelo in condotta

Lun, 13/02/2017 - 14:07

16/02/17

'Na cosetta

FRANCESCO FORNI & LUCA CAROCCI con CLAUDIO MORICI
Il format originale di Francesco Forni e Luca Carocci ospita tra vinili e racconti lo scrittore Claudio Morici, grande narratore che in questi anni ha messo in scena reading diventati veri e propri cult.

Torna sul palco di ‘na cosetta il sesto appuntamento con il format ZELO IN CONDOTTA ideato da Francesco Forni con Luca Carocci. Un giradischi, una tavola imbandita, qualche chitarra, dei vinili e molte cose da raccontare. Questi i presupposti della serata ZELO IN CONDOTTA dove il palco del club diventa il tavolo degli sposi, il lancio dei brindisi, le note cantate per innamoramento alla notte in compagnia. Tra musica, poesia e racconti, i due artisti si aprono al pubblico coinvolgendo per questo appuntamento Claudio Morici, grande narratore che in questi anni ha messo in scena reading diventati veri e propri cult. Sono già stati ospiti della serata GNUT, al secolo Claudio Domestico, ERICA MOU, Roberto Angelini, Davide Combusti in arte The Niro e Dario Sansone, voce e chitarra dei Foja.

Categorie: Musica

Carucci meets Lucrezio De Seta

Lun, 13/02/2017 - 14:06

15/02/17

'Na cosetta

Una serata dedicata a Bill Evans con due dei più interessanti protagonisti della scena jazz italiana

Per ‘na cosetta jazz calcano il palco del club il pianista Ettore Carucci e il batterista Lucrezio De Seta. I due ospiti faranno un tributo a Bill Evans, grande jazzista che ha lasciato il segno nella storia della musica del secondo dopoguerra.
I due saranno accompagnati alla ritmica da Leonardo De Rose al contrabbasso.
Due mercoledì al mese il bistrot del Pigneto diventa un vero e proprio jazz club con luci soffuse e cocktail ispirati alle atmosfere newyorchesi della “cinquantaduesima strada”. Gli appuntamenti coordinati da Alessandro D’Anna alla batteria e Leonardo De Rose al contrabbasso propongono progetti inediti nel primo set per poi passare alle note degli standard jazz con la jam session del secondo set che vede coinvolti numerosi musicisti della capitale.

1 SET
Ettore Carucci, piano
Leonardo De Rose, contrabbasso
Lucrezio De Seta, batteria

2 SET
Jam Session con i jazzisti della capitale e non solo

Categorie: Musica

Dal Belgio: Nicolas Michaux

Lun, 13/02/2017 - 14:03

14/02/17

'Na cosetta

À la vie, à la mort
Il suo album d’esordio è una collezione di canzoni pop multilingua dalle melodie intriganti e dagli arrangiamenti delicati.

Nicola Michaux presenta in tour il suo nuovo disco "À la vie, à la mort”, il suo album di debutto è una collezione di canzoni pop dalle molodie intriganti e dagli arrangiamenti delicati. Nato nel '84 a Liegi (Belgio), passa con una disinvoltura pazzesca dal francese all'inglese seducento e sorprendendo anche l'orecchio più attento.

Categorie: Musica

Open Swing Lab

Lun, 13/02/2017 - 14:01

13/02/17

'Na cosetta

Appuntamento con il laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e della cultura Swing ideato da Giorgio Cùscito con Gino Cardamone e Giuseppe Talone.

‘Na cosetta tutti i lunedì sera diventa OPEN SWING LAB, l'unico originale "gruppo di studio" degli stili del jazz classico e dello swing.
Un appuntamento fisso dedicato ai musicisti di qualsiasi estrazione e ai ballerini di lindy hop. Il salotto del bistrot, animato da musicisti e lindy hoppers, si trasforma in un grande laboratorio dove il jazz - suonato e raccontato - riscopre una delle sue declinazioni più antiche: la danza. Open Swing Lab è infatti più di una jam session, si tratta di una vera e propria scuola di musica a palco aperto. Direttore dei lavori, il sassofonista Giorgio Cùscito, consacrato durante il Roma Jazz Festival 2014 “Ambasciatore dello swing a Roma”, con lui sul palco Gino Cardamone alla chitarra e Giuseppe Talone al contrabbasso. Dopo il primo set, il trio diventa open swing lab e partecipano alla musica nomi noti del panorama jazzistico e ballerini di lindy hop, pronti a cimentarsi nella scoperta di un nuovo linguaggio.

Primo set
Giorgio Cùscito - sax tenore
Gino Cardamone - chitarra
Giuseppe Talone - contrabbasso

Secondo set: OPEN SWING LAB

Categorie: Musica

Gerardo Di Lella meets Diane Schuur

Lun, 13/02/2017 - 11:05

26/02/17

Teatro Olimpico

Vincitrice di ben due grammy awards: Diane Schuur, grazie alla sua imparagonabile vocalità, è unanimamente riconosciuta come stella di prima grandezza a livello internazionale.
A sei anni di distanza dalla fortunata collaborazione discografica nello straordinario album a firma di Di Lella Napoli & Jazz,(distr. UNIVERSAL) una produzione che ospita alcuni tra i più grandi solisti jazz del mondo (Adam Nussbaum, Dave Kikoski, Paquito D'Rivera, Tom Harrell, Bob Mintzer, Chris Potter, Alex Sipiagin, Robin Eubanks, Larry Carlton, Fabrizio Bosso), e dopo il concerto svoltosi il 28 Aprile 2014 al Parco della Musica di Roma (dove hanno registrato il tutto esaurito con 1.200 paganti) i due artisti si riuniranno in occasione del tour italiano che si concluderà  il 26 febbraio al teatro olimpico di Roma.
Il concerto, assolutamente originale, mette in evidenza sia le capacità interpretative di Diane Schuur che quelle di Gerardo Di Lella, elegante, autorevole quanto versatile arrangiatore e direttore d'orchestra di musica "extracolta" italiano.
Con la spinta di una jazz orchestra di 14 elementi (4 sassofoni, 4 trombe, 2 tromboni, chitarra, pianoforte, basso, batteria) vengono proposti anche brani arrangiati per l’occasione da Di Lella – tra cui Speak low, Our love is here to stay, Sweet Georgia Brown, e rifacimenti originalissimi di classici napoletani come Turna a Surriento -,
La scaletta presvede anche le storiche partiture della Count Basie Orchestra registrate espressamente per la Schuur nei suoi album più accreditati, come I just found about love, Besame mucho, Louisiana Sunday afternoon, Easy to love, I caught a touch of your love e la celeberrima Deedle’s Blues.

www.gerardodilella.it

Categorie: Musica

Beautiful Concert. Musica fusion Italia-Corea

Lun, 13/02/2017 - 10:35

22/02/17

Istituto Culturale Coreano

Un programma dedicato all'armonia tra la musica classica occidentale e quella tradizionale coreana che, oltre a mostrare l’amicizia tra due culture diverse, è pronto a trasmettere un messaggio di speranza e solidarietà.
Sette musicisti coreani, attivi nei  conservatori più rinomati della Corea, si esibiranno non solo in brani classici con musiche di F.Borne, A. Piazzolla, L.v. Beethoven, ma anche in musiche tratte da melodie tradizionali coreane, adattate agli strumenti di musica classica. Sarà possibile quindi ascoltare il famoso brano ‘You rase me up’ con l’accompagnamento dello strumento tradizionale coreano a corde ‘Gayageum’, e il canto folcloristico ‘Arirang’ con l’accompagnamento di violoncello, pianoforte e flauto.
Il gruppo che si esibisce, è formato da sette professori di  ‘Beautiful Mind Charity’ (BMC) , un'organizzazione di natura diplomatico-culturale che attraverso varie attività  cerca di raggiungere le persone meno privilegiate della società in tutto il mondo, ispirati da un amore che non si aspetta nulla in cambio'. Tale organizzazione è stata ufficialmente istituita in Corea, il 13 marzo 2007, con il riconoscimento del Ministero degli Affari Esteri Coreano. In riconoscimento alle attività svolte per le persone più fragili di vari Paesi, nel 2016 il Consiglio economico e sociale (ECOSOC) delle Nazioni unite ha riconosciuto  a ‘Beautiful Mind Charity’ lo status consultivo.
Oltre ad attività di volontariato che svolge in Corea ‘Beautiful Mind’ organizza concerti di beneficienza in tutto il mondo, e questa volta faranno tappa proprio in Italia. Per questo motivo, oltre ad esibirsi presso l'Istituto Culturale Coreano, visiteranno anche i malati di Aids e tante altre persone fragili presso il centro accoglienza della Caritas a Villa Glori. Con la loro musica desiderano condividere un momento di affetto da parte di tutta l’organizzazione verso le persone più bisognose del nostro Paese.  Al termine del loro concerto in Italia, si esibiranno anche in Libano, per solidarietà ai rifugiati provenienti dalla Siria e dall’Iraq.

Musiche
di F. Borne, A. Piazzolla, L.v. Beethoven
Brani Tradizionali Coreani, ‘Arirang’ ‘Gayageum Sanjo’
Musiche tratte dalla Colonna sonora ‘The Mission’, Musical Jekyll&Hide

Musicisti
pianoforte Kang So-yeon, Kim Kyeong-min
Flauto- Cho sun-rang
Violoncello - Bai Il-hwan
Gayageum (Strumento tradizionale coreano) – Kwak Eun-ah
Pansori ( Canto tradizionale coreano) – Tae Soo-bin
Tenore- Kang Youn-jong

Categorie: Musica

Opera Experience allo Stadio di Domiziano

Lun, 13/02/2017 - 09:16

da 04/04/17 a 01/08/17

Stadio di Domiziano

Lasciatevi travolgere dalla passione delle opere più famose riproposte in una squisita versione ridotta, nell’affascinante cornice dello Stadio di Domiziano, tra le rovine della zona archeologica di piazza Navona.

Scoprite le opere che hanno emozionato tutto il mondo

Stadio di Domiziano
Preparatevi ad entrare in una vera e propria macchina del tempo, a pochi metri di profondità dalla frenetica vita della Capitale.
I resti dello Stadio di Domiziano, costruito dall’omonimo imperatore, si trovano oggi nei sotterranei di Piazza Navona, nel cuore di Roma,  e rientrano a pieno titolo nel circuito turistico-culturale della “romanità”, diventando anche un luogo d’incontro e socializzazione.
L’importanza dello Stadio sta nel desiderio dell’imperatore di sensibilizzare e coinvolgere i romani a praticare di più l’atletica, sport per eccellenza, e gli sport non violenti.

Categorie: Musica

Concerto inaugurale

Ven, 10/02/2017 - 09:08

19/02/17

Teatro Italia

Il concerto inaugurale della Stagione Sinfonica OIR è programmato per domenica 19 febbraio alle ore 18.00: una serata interamente dedicata al romanticismo di F. Mendelssohn Bartoldy con l'esecuzione di alcuni tra i suoi più grandi capolavori (Le Ebridi, Ouverture op.26, il Concerto per violino e orchestra op.64 e la Sinfonia n.4 "Italiana"), con un organico orchestrale di 40 elementi diretti con passione dal M°Antonio Pantaneschi coadiuvato da Alessandro Mingrone, spalla dell’orchestra,  solista la giovanissima e talentuosa violinista  Masha Diatchenko che fin da precocissima età si è esibita nelle più importanti sale da concerto internazionali.

Nata nel 1994 a Roma, figlia d’arte di settima generazione, la Diatchenko ha intrapreso gli studi di violino e pianoforte all’età di quattro anni, sotto la guida del padre Serguej. Ha riscosso il primo grande successo all’età di cinque anni, esibendosi come pianista nel recital del M° Ennio Morricone all’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma. Ospite di diversi Festival Internazionali tra i quali il Festival “Les Sommets du Classique” di Crans-Montana (Svizzera) e “Uto Ughi per Roma”, svolge un’intensa attività concertistica nelle migliori sale d’Italia ed estere.

Categorie: Musica

Orchestra Internazionale di Roma - Stagione Sinfonica

Ven, 10/02/2017 - 09:00

da 19/02/17 a 30/06/17

Teatro Italia

Dopo le oltre 5000 presenze del 2016, dal 19 febbraio al Teatro Italia, l’Orchestra Internazionale di Roma con giovani leve italiane e internazionali, presenta la stagione sinfonica 2017: una scommessa a sostegno dei giovani.
“In un momento così buio per la musica in cui i maggiori Teatri rischiano la chiusura e numerose altre orchestre sono scomparse”, dichiarano i direttori artistici Annalisa Pellegrini e Stefano Palamidessi “l’Orchestra Internazionale di Roma, con il Patrocinio del II Municipio, è nata dalla volontà di dare corpo al progetto e ai sogni dei professionisti del futuro, creando un’entità nuova e unica che ha dimostrato nel corso di questi anni di essere all'altezza di grandi solisti come Vadim Brodsky o Bruno Canino e che si concretizza nella sua seconda Stagione sinfonica romana presso lo storico Teatro Italia, inaugurato nel 1930 con un concerto dal grande Pietro Mascagni”.
Il coinvolgimento dei giovani è a 360°: giovani i solisti selezionati attraverso un bando nazionale, giovani ma già professionali gli orchestrali e i coristi, programmazione di titoli rivolti anche a un pubblico giovanile, azione divulgativa ed educativa presso le scolaresche grazie ad agevolazioni particolari per la fruizione dei concerti.

Per riportare, nel cuore di Roma, la classica alle nuove generazioni.
A cura dell’Ass. Fabrica Harmonica, con la direzione artistica di Annalisa Pellegrini e Stefano Palamidessi, con la direzione musicale del M° Antonio Pantaneschi, la stagione sinfonica dell’Orchestra Internazionale di Roma al Teatro Italia prevede, a partire dal 19 febbraio 2017, quattro appuntamenti con la grande musica sinfonica che vedranno protagonisti soprattutto i giovani presentando un repertorio che spazierà dal ‘700 al ‘900.


La Stagione Sinfonica che già nel suo primo anno di vita ha registrato un pubblico di oltre 400 persone a evento, nel suo secondo anno di programmazione si apre significativamente a direttori ospiti, iniziando con il M° Juan Carlos Dos Santos, direttore stabile dell’Orquesta Nacional de Paraguay, con un programma tutto incentrato su compositori dell’America Latina, sotto il patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica del Paraguay e dell'Istituto di Cultura Italo Latino Americano.
La Stagione OIR 2017, oltre al concerto inaugurale, prevede la programmazione di grandi capolavori della classica come la Messa di  Requiem e l'Ave Verum di Mozart, i più celebri brani classici utilizzati nel film Fantasia di Walt Disney ed infine le più belle colonne sonore di film come Les Choristes, Amélie, il Signore degli Anelli, C’era una volta in America. Novità della Stagione 2017 sarà la nuova sezione di Civica Matinée dedicata ai family concert e alle scolaresche: una grande operazione culturale che oltre a coinvolgere i giovanissimi musicisti, vuole avvicinare nuovo pubblico alla musica classica e sinfonica, proponendo anche repertori borderline per i ragazzi come appunto la Musica da Film.

Categorie: Musica

Stefano Saletti e Banda Ikona

Ven, 10/02/2017 - 06:02

05/04/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Banda Ikona
Stefano Saletti oud, bouzouki, chitarre, voce
Gabriele Coen fiati
Mario Rivera basso acustico
Carlo Cossu violino
Giovanni Lo Cascio batteria e percussioni

voci
Barbara Eramo
Lucilla Galeazzi
Yasemin Sannino
Gabriella Aiello
Raffaela Siniscalchi
Selam Yemane
Nando Citarella voce e tammorra
Pejman Tadayon ney, daf

con la partecipazione
Coro Laboratorio S.Egidio
Coro Laboratorio musicale richiedenti asilo e rifugiati e
Coro femminile Istituto Arcangelo Corelli
diretti dal
maestro Angelo Fusacchia
letture di
Francesca Bellino


Raccontare il Mediterraneo attraverso le voci delle donne: cantanti, scrittrici, madri, rifugiate, migranti. Questo il senso di una serata particolare che in un’epoca di innalzamento di nuovi muri e barriere vuole far incontrare le tradizioni musicali delle due sponde del Mare nostrum per far capire attraverso la musica e le parole che ciò che unisce è più forte di ciò che divide.
I brani delle grandi interpreti (Fairuz, Umm Kulthum, Amalia Rodrigues, Sezen Aksu, Rosa Balistreri) insieme al repertorio di Stefano Saletti e Banda Ikona per narrare le storie delle donne di ieri e di oggi, sradicate dalla violenza dell’uomo, costrette a lasciare la propria terra e a reinventarsi una vita, madri coraggio simbolo di un Mediterraneo più che mai dilaniato e ferito.
Durante la serata si alterneranno musiche e racconti, con testimonianze delle donne siriane rifugiate in Italia ospiti della Comunità di Sant’Egidio, letture di Francesca Bellino sulle donne di Tunisi tratte dal suo libro “Sul corno del rinoceronte”, interventi di ragazze immigrate di seconda generazione del progetto “Termini Underground” diretto da Angela Cocozza. Un concerto per testimoniare la forza, le speranze, le delusioni, il fascino dei popoli che si affacciano sul mare che bagna e divide l’Europa, l’Africa, i Balcani e il Medio Oriente.
Categorie: Musica

Giovanna Marini

Ven, 10/02/2017 - 06:02

03/04/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Giovanna Marini
Coro Inni e Canti di Lotta
diretto da
Sandra Cotronei
Banda della Scuola Popolare di Musica di Testaccio
diretta dal
M. Silverio Cortesi

" In questo disco sono raccolti i canti che i miei amici dell’Istituto De Martino hanno incominciato a raccogliere da prima del 1960, poi si sono resi conto dell’importanza dei canti trovati e hanno incominciato un Archivio dei canti del movimento Operaio e Contadino che poi è diventato Istituto Ernesto De Martino.
Ogni canto mi parla di qualcuno che ho conosciuto personalmente sia che fosse chi lo raccoglieva, Gianni Bosio o Cesare Bermani e Franco Coggiola o Roberto Leydi o chi lo cantava o entrambi. Mi vedo il viso di Palma Facchetti mentre cantava "O Gorizia tu sei maledetta" e "Addio Padre”, il sorriso di Caterina Bueno quando arrivava con il sacco a spalla pieno di nastri di cui non ricordava nemmeno il contenuto preciso per quanti erano. Canti che spesso sono magnifici pezzi di musica dimenticati e persi. Ora rivivono. Ecco perché tengo tanto a questi canti, perché raccontano vita e gente veri. Vi pare poco?" Giovanna Marini

Giovanna Marini con il Coro Inni e Canti di Lotta diretto da Sandra Cotronei e la Banda della Scuola Popolare di Musica di Testaccio diretta dal M. Silverio Cortesi presenta
in concerto il cd "Ed un pensiero ribelle in cor ci sta". Due secoli di storia d'Italia cantata. Giovanna Marini racconta la storia d'Italia dalla fine del '700 (con gli echi della rivoluzione francese) fino al secondo dopoguerra e alla conquista della democrazia. Una strada ed una storia fatta di speranze e di sconfitte, di dolore e di conquiste. Una storia che non può essere compresa leggendola sui libri o vedendola raccontata in documentari, perché questa storia, vissuta da persone vere, in carne ed ossa, con le proprie emozioni, con desideri e speranze, è storia suonata, è storia cantata. E' la storia tramandata dai Fogli Volanti, una tradizione che ha permesso ai canti di volare e di diffondersi.
Categorie: Musica

"Il Mediterraneo è donna"

Ven, 10/02/2017 - 06:02

05/04/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Banda Ikona
Stefano Saletti oud, bouzouki, chitarre, voce
Gabriele Coen fiati
Mario Rivera basso acustico
Carlo Cossu violino
Giovanni Lo Cascio batteria e percussioni

voci
Barbara Eramo
Lucilla Galeazzi
Yasemin Sannino
Gabriella Aiello
Raffaela Siniscalchi
Selam Yemane
Nando Citarella voce e tammorra
Pejman Tadayon ney, daf

con la partecipazione
Coro Laboratorio S.Egidio
Coro Laboratorio musicale richiedenti asilo e rifugiati e
Coro femminile Istituto Arcangelo Corelli
diretti dal
maestro Angelo Fusacchia
letture di
Francesca Bellino


Raccontare il Mediterraneo attraverso le voci delle donne: cantanti, scrittrici, madri, rifugiate, migranti. Questo il senso di una serata particolare che in un’epoca di innalzamento di nuovi muri e barriere vuole far incontrare le tradizioni musicali delle due sponde del Mare nostrum per far capire attraverso la musica e le parole che ciò che unisce è più forte di ciò che divide.
I brani delle grandi interpreti (Fairuz, Umm Kulthum, Amalia Rodrigues, Sezen Aksu, Rosa Balistreri) insieme al repertorio di Stefano Saletti e Banda Ikona per narrare le storie delle donne di ieri e di oggi, sradicate dalla violenza dell’uomo, costrette a lasciare la propria terra e a reinventarsi una vita, madri coraggio simbolo di un Mediterraneo più che mai dilaniato e ferito.
Durante la serata si alterneranno musiche e racconti, con testimonianze delle donne siriane rifugiate in Italia ospiti della Comunità di Sant’Egidio, letture di Francesca Bellino sulle donne di Tunisi tratte dal suo libro “Sul corno del rinoceronte”, interventi di ragazze immigrate di seconda generazione del progetto “Termini Underground” diretto da Angela Cocozza. Un concerto per testimoniare la forza, le speranze, le delusioni, il fascino dei popoli che si affacciano sul mare che bagna e divide l’Europa, l’Africa, i Balcani e il Medio Oriente.
Categorie: Musica

The Lumineers

Ven, 10/02/2017 - 06:02

10/07/17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Cavea
Il sound coinvolgente dei The Lumineers ha scalato le classifiche mondiali conquistando milioni di fan. Il secondo album della band, Cleopatra, anticipato dal singolo Ophelia, ha raggiunto in pochissimo tempo il primo posto nelle classifiche americane ed europee. A quattro anni di distanza dal disco che li ha consacrati, la band torna sulla scena musicale con un album capace di dimostrare come Schultz e Fraites - insieme alla violoncellista e cantante Neyla Pekarek - non abbiano dato la loro fortuna per scontato, né si siano seduti sugli allori. Recentemente la band ha registrato un doppio sold out al Madison Square Garden, ed è stata scelta dagli U2 come ospite del loro tour americano. Solo nel nostro paese la band ha registrato ben quattro sold out, collezionando un successo dietro l’altro in tutto il mondo.
Categorie: Musica

Pagine