Casa del Jazz “I Concerti nel Parco” estate 2019 “Richard Galliano & Friends”

Martedì 16 luglio, per i Concerti nel Parco, alla Casa del Jazz, in Prima a Roma, “RICHARD GALLIANO & FRIENDS “.

Attorno alla mitica fisarmonica e al bandoneon di RICHARD GALLIANO un incontro musicale ed amicale fra musicisti d’eccezione come il flautista MASSIMO MERCELLI e i SOLISTI AQUILANI QUINTET.

Con un programma crossover che spazia da Astor Piazzolla a Giovanni Sollima, passando per Antonio Vivaldi 

Un concerto speciale che vede protagonista il grande RICHARD GALLIANO, compositore e virtuoso della fisarmonica e del bandoneon, in un programma crossover che va dalla classica alla tradizione popolare e al jazz, alla contemporanea.

Assieme a Galliano l’amico MASSIMO MERCELLI, flautista che vanta collaborazioni con i maggiori compositori mondiali da Penderecki alla Gubaidulina, da Philip Glass a Michael Nyman, da Bacalov a Morricone.

A completare l’incontro I SOLISTI AQUILANI QUINTET, un ensemble che spazia dalla musica pre-barocca alla musica contemporanea.

In questa speciale serata, l’entusiasmante fisarmonica di Richard Galliano, unico fisarmonicista al mondo a registrare per la prestigiosa etichetta classica “Deusche Grammophon”.

In veste di compositore e solista, trascinerà il pubblico attraverso epoche lontane, affascinandolo con la musica senza tempo di Vivaldi e Bach in dialogo con la musica del presente.

Apre la serata Contrafactus (2000) per flauto e archi del geniale musicista siciliano Giovanni Sollima.

Il titolo si riferisce alla prassi medioevale della contraffazione e il brano, basato su un frammento della venticinquesima variazione delle Goldberg di Bach, ci conduce, a detta dello stesso Sollima, in un autentico ‘delirio pseudobarocco’.

Il nuovissimo Jade, per flauto e archi, scritto dal visionario Richard Galliano è dedicato - come Contrafactus - a Massimo Mercelli.

Scritto pensando alla volubilità del flauto, il concerto è modellato sul virtuosismo e sul suono affascinante del suo primo interprete e dedicatario.

Lasciando la parola a Galliano: «Il primo movimento è un valzer new musette, tinto di jazz e di swing.

Il secondo, una pavana - metamorfosi di un’antica danza di corte -, esplora il suono soave del flauto basso e l’evocazione poetica di una malinconica melodia parigina.

Immaginiamo sullo sfondo le vedute più suggestive di Parigi: Montmartre, le rive della Senna.

Il terzo è un movimento perpetuo alla maniera dello chorinho (un genere della musica strumentale tradizionale brasiliana) che sfrutta appieno sia il virtuosismo sia il ritmo, e mette in luce tutti i possibili dialoghi tra il flauto e gli archi.

Jade è un’ode alla gioia di vivere, all’allegria, alla felicità.»

Dalla versione per fisarmonica di un famoso concerto di Bach si passa a Opale, suggestiva composizione di Galliano per fisarmonica e orchestra d’archi.

Segue lo splendore estivo del celebre concerto di Vivaldi e poi, a chiudere la serata, la declinazione per fisarmonica e archi di un grande classico, Oblivion di Astor Piazzolla.

Giovanni Sollima

Contrafactus per flauto e archi

Richard Galliano

Jade Concerto, per flauto, fisarmonica e archi (dedicato a Massimo Mercelli)

Johann Sebastian Bach

Concerto in la min minore per violino, archi e b. c. BWV 1041 versione per fisarmonica

Richard Galliano

Opale Concerto per fisarmonica e orchestra d’archi

Antonio Vivaldi

Concerto in sol minore «L’Estate», per violino, archi e b. c. RV 315

Astor Piazzolla

Oblivion per fisarmonica e orchestra d’archi

Relazioni con la stampa: Marina Nocilla 338 7172263; marinanocilla@gmail.com

Maurizio Quattrini: 338 8485333; maurizioquattrini@yahoo.it

Casa del Jazz

Viale di Porta Ardeatina, 55 – 00153 Roma

Galleria (Clicca sulla foto per slideshow): 
Categories: