la grande fotografia applicata al teatro, agli  eventi, spettacoli  e natura

Darklands. Volti della Memoria all'Opera di Roma.

Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma

Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma

Darklands. Volti della Memoria all'Opera di Roma.

Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma. L’allestimento audiovisivo multimediale al Teatro Costanzi il 23 maggio, giorno della strage di Capaci

 

Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma, con le fotografie di Francesco Francaviglia e le musiche di Giovanni Sollima

Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma. Il 23 maggio 1992, sull’autostrada A29 nei pressi di Capaci, venivano assassinati il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Mortinaro.

Trent’anni dopo, giovedì 23 maggio 2022 alle 20, nello stesso giorno dell’esplosione, il Teatro dell’Opera di Roma celebra il ricordo della strage di Capaci e di quella di via D’Amelio, avvenuta il 19 luglio del 1992, nella quale persero la vita il magistrato Paolo Borsellino con i cinque agenti della sua scorta:

Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Per la commemorazione la Fondazione lirico-sinfonica capitolina, guidata dal palermitano Francesco Giambrone, propone l’allestimento audiovisivo Darklands – Volti della memoria a cura di Francesco Francaviglia.

Darklands. Volti della Memoria all'Opera di Roma.
Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma.

In quel tragico 1992 Palermo e l’intero Paese rimasero attoniti per il dolore e per la rabbia causati dai due attentati.

La città reagì e tra le diverse modalità di protesta contro la violenza mafiosa una fu particolarmente forte: per un intero mese undici donne occuparono Piazza Castelnuovo con una staffetta di digiuno. Rinunciarono al cibo per denunciare la loro “fame di giustizia”.

La forza di quelle donne, la loro fierezza e la loro bellezza, fu testimoniata dal lavoro del fotografo Francesco Francaviglia e divenne una mostra dal titolo “Le Donne del Digiuno”, che permise di rivivere quei momenti e di rivedere quei volti che sfidarono il silenzio e la paura.

“Ho lavorato con l’urgenza di raccontare il percorso stragista del ’92-’94 che avvolse il nostro Paese nel terrore – ha dichiarato l’autore Francaviglia – e ho scelto di attraversare questa storia ritraendo e intervistando le protagoniste e i protagonisti. Io uso i ritratti per interrogare le coscienze, per paralizzare o ammonire, per commuovere”.

La mostra fu inaugurata a Palermo nel 2014 e ricevette diversi premi nazionali.

Fu poi ospitata alla Galleria degli Uffizi di Firenze, prima personale di fotografia nella lunga storia del prestigioso spazio espositivo.

Approda ora in una forma nuova, in occasione del trentennale delle stragi di mafia, al Teatro dell’Opera di Roma, che ripropone quell’importante lavoro fotografico in un allestimento audiovisivo e in una dimensione multimediale immersiva, in cui ritornano anche le voci del passato: i frammenti di telegiornali, le interviste a Falcone e Borsellino, le testimonianze dei pentiti e delle donne fotografate.

Il progetto, intitolato Darklands – Volti della memoria, si avvale della drammaturgia di Francesco Francaviglia e Giuditta Perriera, con la collaborazione di Franca Imbergamo, magistrato oggi Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia.

I testi sono tratti dalle testimonianze raccolte nel libro “Le donne del digiuno contro la mafia”, di Letizia Battaglia, Rita Borsellino, Michela Buscemi, Virginia Dessì, Daniela Dioguardi,

Darklands. Volti della Memoria all'Opera di Roma.
Darklands. Volti della Memoria all’Opera di Roma.

Cettina D’Onofrio, Letizia Ferrugia, Mimma Grillo, Angela Lanza, Simona Mafai, Maria Maniscalco, Emi Monteneri, Rosanna Pirajno, Maria Romano, Bice Salatiello e Franca Imbergamo.

Il progetto sonoro è curato da Carlo Gargano, le musiche sono di Giovanni Sollima e le voci di Stefania Blandeburgo, Roberto Burgio, Giuditta Perriera.

Oltre a celebrare una delle più importanti risposte da parte della società civile alla strategia stragista della mafia, Darklands – Volti della memoria vuole sollecitare i legami tra immagini, suoni, saperi ed emozioni, rappresentando per il pubblico un momento di memoria che interroghi la coscienza del cittadino di oggi.

Un percorso di testimonianza di quelle storie e di quegli attori e promotori di impegno civile e cambiamento culturale, verso la ricerca della verità e della giustizia.

I biglietti (10 euro intero, 5 euro per under 26 e scuole) saranno in vendita su ticketone e presso la Biglietteria del Teatro da martedì 17 maggio.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/teatro-trastevere-che-spettacolo-e/

https://www.unfotografoinprimafila.it/maria-grazia-cucinotta-brividi-dautore-al-cinema/

(C) Tutti i diritti riservati Adriano di Benedetto 2019-2029 – elaborazione grafica e gestione: progettoweb.xsoft.it